L’aiuola a bordo strada bella e a bassa manutenzione

Un'area incolta a bordo strada rappresenta un elemento di trascuratezza che può essere mascherato con la messa a dimora di piante perenni a bassa manutenzione.

Anna Zorloni
A cura di Anna Zorloni
Pubblicato il 29/06/2019 Aggiornato il 29/06/2019
L’aiuola a bordo strada bella e a bassa manutenzione

Per riempire di fiori e colori un’aiuola a bordo strada è necessario scegliere specie rustiche e molto resistenti alle condizioni di coltura difficili in cui saranno costrette a vivere: a bordo strada, spesso trascurate e a contatto con tubi di scappamento, inquinamento urbano, presenza di asfalto e il calore che quest’ultimo emana e, non ultimo, condizioni di siccità e irrigazioni spesso insufficienti.

La scelta delle piante giuste per l’aiuola a bordo strada deve dunque risolvere una situazione di per sé sterile, creando una macchia di verde e colore durante la loro fioritura, con una manutenzione quasi nulla. Vi proponiamo alcune soluzioni.

La disposizione corretta

aiuola

Le piante non devono essere piantate a caso, ma occorre tenere presente lo sviluppo del singolo esemplare: le piante più alte vanno posizionati nella zona più interna dell’aiuola, o sul fondo della bordura, così da rendere visibili le piante più basse che vanno disposte nell’area più esterna o anteriore. Prevedere se possibile la disposizione di un tubo per l’irrigazione a goccia.

Per una macchia gialla

Nella famiglia delle Asteraceae, vi proponiamo tre specie dalla fioritura estiva di colore giallo, accomunate anche da resistenza al secco e rusticità, che si possono piantare insieme nell’aiuola a bordo strada.

L’achillea (Achillea millefolium, A. filipendulina, A. tometosa) forma un cespuglio di dimensioni medio-piccole, che non supera l’altezza di 1 metro; ne esistono anche alcune varietà a sviluppo ridotto. Viene molto apprezzata per le sue infiorescenze ombrelliformi, composte da fiorellini di colore giallo (A.filipendulina e A.tomentosa), bianco o rosato (A.millefolium), e per le sue foglie frastagliate di colore verde-argentato. Fiorisce per tutta l’estate.

Accanto all’achillea, l’elicriso (Helychrisum italicum)), con fiorellini gialli come il sole ma più piccoli, riuniti in corimbi apicali. È una pianta simile alla precedente, con esigenze identiche, ma di dimensioni più ridotte, non oltre il mezzo metro di altezza. Le foglie profumate hanno una splendida tonalità argentea. Fiorisce per tutta l’estate, fino a inizio autunno (viene anche detta “perpetuina”).

Anche la santolina (Santolina chamaecyparissus) è molto simile alle precedenti, caratterizzata dalla produzione di piccoli capolini gialli: i suoi cespugli fioriti e profumati possono essere parimenti utilizzati a formare bordure in ambienti assolati, con bassissima manutenzione. Sono alti non più di 50 cm e fioriscono da inizio estate per tutta la stagione calda.

Per una fioritura in azzurro

Agapanto (Agapanthus spp., famiglia delle Agapanthaceae) e Aglio gigante (Allium giganteum, famiglia delle Liliaceae) ornamentale, sono entrambe specie bulbose che emettono infiorescenze globose composte da singoli fiori viola, azzurri, rosa o anche bianchi, portati da steli lunghi fino a 100 cm ed eretti. La fioritura è limitata al periodo di inizio estate (giugno-luglio), dopo permangono le foglie, nastriformi, a formare fitti cespugli bassi (60-90cm).

Con le graminacee, la manutenzione è minima

Stipa tenuissima, Festuca glauca, Miscanthus sinensis, Pennisetum alopecuroides sono alcune specie di graminacee particolarmente indicate per la creazione di bordure o aiuole a bordo strada, oltre che per la coltivazione in vaso. Sono molto apprezzate soprattutto per l’aspetto morbido e fluente dei loro ciuffi di foglie, di colore verde ma anche grigio-azzurro, paglierino o rossastro e per le infiorescenze a spiga che emettono in primavera. La manutenzione e le cure richieste da queste specie sono veramente irrilevanti.

In alternativa, una specie succulenta come l’Aloe (Aloe arborescens), con le sue rosette di foglie succose e appuntite, lunghe fino a 60 cm, stupisce ogni anno, a fine primavera, con l’emissione di lunghe infiorescenze formate da fiorellini tubulari rosso brillante. Un vero spettacolo con pochissima fatica.

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.25 / 5, basato su 8 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!