Bellis perennis – pratolina a fiori doppi

Conosciuta come pratolina oppure margheritina, è tra i primi fiori a sbocciare sui prati. Oggi è disponibile anche in una forma nuova, a fiore doppio.

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 27/02/2019 Aggiornato il 27/02/2019

bellis-perennisFamiglia: Asteraceae

Appartenente alla famiglia delle Compositae, Bellis perennis è l’unica rappresentante del suo genere con valore ornamentale. Conosciuta da tutti nella sua forma selvatica, con capolini dai fiori tubolari gialli e fiori ligulari bianchi o rosati, è disponibile sul mercato in numerose varietà coltivate. I capolini, come in questo caso, possono essere a pon-pon perché i fiori ligulati sono tanto numerosi da nascondere quasi del tutto il disco. È possibile trapiantarla in giardino, anche nel manto erboso del prato dove il taglio è problematico o disagevole perché tendono a divenire tappezzanti.

  • Foglie: piccole, raccolte in una rosetta compatta e aderente al terreno, sono di forma ovale e allungata. Tenere da giovani, diventano ispide col tempo. Di colore uniforme non devono presentarsi ingiallite.
  • Fiori: il capolino della pratolina è un’infiorescenza formata al centro da fiori tubolari ed esternamente da una corolla di fiori ligulari. La colorazione può essere bianca, rosa, rossa o intermedia fra queste. Sono molto resistenti al freddo.
  • Come scegliere: Scartiamo le piante con foglie macchiate perché colpite da attacchi fungini.
  • Manutenzione: Rustica e resistente la pratolina ha molti nemici: tripidi, afidi, marciume radicale, oidio, botrite, ruggine. Eliminare le piante colpite.
LuceLa pratolina ama la luce e in natura compare con grande anticipo, già alla fine dell’inverno, nelle zone meglio esposte.
AcquaLa pianta prospera se il terreno è mantenuto umido, ma senza ristagni d’acqua. Annaffiare con moderazione a giorni alterni nelle prime ore della mattinata.
TerrenoIn giardino sa adattarsi anche a terreni pesanti. In vaso misceliamo un quarto di argilla con tre quarti di torba o terriccio ricco di sostanza organica.
Clima e
temperatura
Le migliori fioriture si hanno con temperature primaverili intorno ai 10°C. Sopporta bene il freddo resistendo sotto la neve e a temperature inferiori allo zero. Il freddo eccessivo può rovinare i fiori così come il caldo eccessivo ne blocca la produzione.
ConcimeCon un buon terreno non è necessaria una somministrazione di concime nella prima stagione. Alla comparsa di foglie gialle o vegetazione stentata, fioritura insufficiente impiegare un concime liquido per piante fiorite povero in azoto.
RiproduzioneIn primavera o all’inizio dell’autunno effettuiamo la divisione dei cespi che si sono accresciuti. In semenzaio nel mese di agosto. La germinazione avviene dopo circa 15 giorni. Le giovani piantine possono essere trapiantate in vaso o in giardino dopo solo trenta giorni.
Prezzo: 3 € in vaso di 10 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!