Helleborus orientalis ‘Cinderella’ – elleboro

Un elleboro particolare con una corolla affascinante, che sembra un abito da ballo.

Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 11/03/2019 Aggiornato il 11/03/2019

helleborus-cinderellaFamiglia: Ranuncolaceae

L’elleboro orientale in genere, come anche in questo caso, è una pianta ibrida vigorosa e ben sviluppata anche in altezza capace di raggiungere e superare i 50 cm d’altezza. Piace per le fioriture ricche e i fiori grandi spesso con petali in doppio ordine che creano giochi di sovrapposizioni e trasparenze. Questa varietà ha un carattere discreto con fiori portati reclinati. I petali triangolari sembrano creare la gonna indossata al ballo dal personaggio cui è dedicata la varietà. Piante perenni, facili da coltivare e resistenti, torneranno a fiorire nel vostro giardino per molti anni, purché non soffrano di siccità.

  • Foglie: di colore verde, dal chiaro allo scuro, sono lobate, con apice acuminato. La consistenza coriacea le rende adatte a sopportare i danni da freddo. Restano verdi anche dopo una lunga permanenza sotto la neve.
  • Fiori: con corolla doppia, sono grandi, da 4 a 8 cm di diametro, di colore bianco e rosa, con screziature o puntinature a contrasto più scure. Iniziano a fiorire alla fine dell’inverno e continuano per tutta la primavera.
  • Come scegliere:
  • Durante l’inverno è importante acquistare l’elleboro in fase iniziale di fioritura, a questo punto dell’anno è bene orientarsi verso soggetti sani, con vegetazione ricca, intensamente colorata, senza macchie nere, foglie seccate o arricciate per sofferenza da caldo e aria secca. Osservate la zona del colletto per scoprire se qualche fusto è già stato eliminato: non scegliete queste piante potrebbero avere marciumi in corso.
  • Manutenzione: Le lumache sono ghiotte degli ellebori a inizio stagione perché mancano fonti alimentari alternative. Il ristagno idrico che provoca marciumi e favorisce la comparsa di funghi è il nemico numero uno di tutti gli ellebori.
LuceL’elleboro è pianta tipica del sottobosco che desidera l’ombra completa e mal sopporta l’esposizione al sole diretto. Preferisce l’ombra luminosa.
AcquaIl terreno, senza essere intriso, deve sempre essere mantenuto umido. Bagnate con regolarità le piante possono conservare le foglie tutto l’anno.
TerrenoIl substrato ideale per gli ellebori è ricco di sostanze nutritive, fertile, con una componente argillosa capace di trattenere umidità ma senza ristagni.
Clima e
temperatura
Resiste al freddo, tollera il caldo solo se posto in ombra e tenuto bagnato. Si coltiva dal piano al monte.
ConcimeIn autunno e a primavera si sparge sul terreno un terricciato di letame maturo.
RiproduzioneGli ellebori mal sopportano i trapianti e per questa ragione non si dividono i rizomi, ma si prelevano porzioni di fusto radicate.
Prezzo: 20 € in vaso di 18 cm di diametro