Pachycereus pringlei – cactus elefante

Il cactus elefante è una pianta che in natura raggiunge dimensioni notevoli mentre in vaso resta contenuta. Ama la luce e in estate deve essere spostato all'aperto sotto una tettoia per ripararlo dalla pioggia.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 16/11/2019 Aggiornato il 16/11/2019

PachycereusFamiglia: Cactaceae

Originario del Messico e delle regioni confinanti degli Stati Uniti, il cactus elefante ha sviluppo colonnare, ed è spesso proposto fra quelli in vaso di diametro contenuto non lasciando indovinare le dimensioni che la pianta può raggiungere in natura. Con i suoi venti metri di altezza è uno dei più grandi. Con il fusto composto da un numero variabile di costolature, da 11 a 17, deve il suo nome popolare, cactus elefante, alla somiglianza che nelle piante di grande taglia esiste fra la base e il piede del pachiderma. È fecondato dai pipistrelli.

– Foglie: sono trasformate in spine, raggruppate in areole con 20-30 elementi. Di colore grigio, robuste, lunghe fino a 3 centimetri, con il tempo sono perse.

– Fiori: grandi e imbutiformi, sono di colore bianco, si aprono verso sera per richiudersi a metà della giornata successiva. Sono seguiti da frutti carnosi. La fioritura in coltivazione non è sempre scontata.

Come scegliere: La pianta deve essere di forma omogenea, priva di depressioni e di parti decolorate. Questi difetti sono irrecuperabili. Osservate la pianta ruotandola di fronte a voi così da poter osservare tutte le costolature e gli spazi compresi. Tutte le spine devono essere integre.

Manutenzione: Le cocciniglie farinose sono i parassiti più temibili. La presenza di spine rende quasi impossibile l’impiego dell’alcool per la rimozione manuale. Se possibile impiegare un insetticida specifico per piante grasse, al fine di non provocare danni alla superficie cerosa se i trattamenti dovranno ripetersi più volte.

LucePorre sempre in luce piena e al caldo. In estate si porta all’aperto, ma sotto una tettoia o un portico così che sia riparato dalla pioggia.
AcquaDurante il periodo più caldo, irrigare una volta la settimana. Diminuire gradualmente fino a sospendere la somministrazione di acqua durante l’inverno, limitandosi a 1 dl al mese se le piante sono tenute in casa. Si bagna solo quando il terreno è completamente asciutto.
TerrenoIl substrato migliore è roccioso, sciolto, con almeno un terzo di sabbia o in ogni caso ben drenato. Più degli altri cactus desidera un terreno ricco di nutrimento: utilizzate come base un terricciato di letame molto maturo. Per evitare problemi di ristagno, adottate il vecchio metodo di porre intorno alla base della pianta un “colletto” sola di sabbia.
Clima e
temperatura
Nelle regioni fredde va conservato all’interno. Al di sotto dei 5 °C le piante possono riportare danni.
ConcimeSomministrare un fertilizzante specifico ogni 5 –6 settimane solo nel periodo vegetativo
RiproduzioneSeminare in primavera, ricoprendo i semi con uno strato di terriccio molto fine, e mantenere alla temperatura costante di 21 °C.
Prezzo: 10 € in vaso di 12 cm di diametro

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!