Pieris japonica variegata

Pieris japonica variegata, arbusti acidofili sempreverdi che portano un po’ di luce nell’ombra del giardino.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini, Foto A&M Studio
Pubblicato il 22/03/2016 Aggiornato il 22/03/2016

Pieris japonica variegata con foglie blungo-lanceolata verde scuro

Famiglia: Ericaceae

Le Pieris sono piante spiccatamente acidofile, che mal si adattano a terreni calcarei, che possono essere coltivate solo adottando tecniche in grado di garantire e mantenere nel tempo bassi valori di pH. Si tratta di arbusti sempreverdi, noti un tempo con il nome di Andromeda, mutato all’inizio del secolo scorso. Il genere è composta da una decina di specie, sempreverdi, rustici e fioriferi. Il loro areale di diffusione è piuttosto vasto e comprende Cina, Giappone e la fascia sudorientale degli stati uniti.
Foglie: di forma oblungo-lanceolata, da adulte sono di colore verde intenso, ma conservano un tono lucido e brillante, sempre arricchite da bordature e intarsi color bianco crema.
fiori: di colore bianco, sempre abbondanti, sono riuniti in pannocchie decombenti poste in posizione terminale o sotto alla nuova vegetazione. Molto persistenti ricordano nella forma quelli dei mughetti.
Come sceglierla: acquistate soggetti con vegetazione folta e ben distribuita, senza segni di clorosi o di tagli importanti.

Manutenzione

La potatura non è necessaria se non per eliminare rami secchi, spezzati o fuori forma. Limitarsi ad asportare le infiorescenze appassite. Piante rustiche non soffrono di patologie ricorrenti.

Scheda pianta: Pieris japonica variegata

LuceLe pieris sono piante ideali per ravvivare gli angoli posti in ombra, purché molto luminosa, o semiombreggiati. Temono il sole diretto estivo del meridione e delle località molto calde.
AcquaPiante tipiche di regioni con elevata umidità soffrono la siccità prolungata e l’aria eccessivamente secca. E’ necessario mantenere il terreno sempre fresco, meglio se leggermente umido. Evitare l’acqua dura che col tempo cambia il pH del terreno.
TerrenoRifuggono i terreni calcarei e si piantano con terriccio specifico a reazione acida. Sempre fresco, leggero e ben drenato.
Clima e
temperatura
Piante resistenti al freddo e rustiche non sono però adatte all’alta montagna dove le temperature scendono molto al di sotto dello zero e per lunghi periodi. Evitate l’esposizione a correnti fredde.
ConcimeIn primavera ed in autunno distribuire un fertilizzante specifico per piante acidofile.
RiproduzioneAlla fine del mese di agosto prelevare talee lunghe 10 cm da rami dell’anno precedente e porli in un cassone freddo in un mix di sabbia, due parti, e torba, una parte.
Prezzo: 14 € in vaso di 24 cm di diametro

Foto di Alessandro Mesini

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!