Camellia japonica ‘Bella Romana’

Una camelia dalla fioritura precoce, che unisce bellezza e disegno formale.
Alessandro Mesini
A cura di Alessandro Mesini
Pubblicato il 15/02/2021 Aggiornato il 15/02/2021
Camellia japonica ‘Bella Romana’

Famiglia: Theaceae

Camellia japonica ‘Bella Romana’ è una vecchia varietà storica, conosciuta già nell’800, ottenuta in Italia non per ibridazione ma da seme. La particolarità dei fiori semidoppi risiede nel fatto che fra i petali disposti in giri concentrici si riescono a scorgere gli stami gialli. Pianta di grande sviluppo, è una varietà vigorosa, con vegetazione folta e portamento compatto. È apprezzata per la fioritura precoce, che in condizioni favorevoli può già anticipare nel mese di gennaio. Come tutte le camelie è pianta acidofila e questa caratteristica del terreno non può essere ignorata perché nel tempo rappresenta un fattore limitante nella sua coltivazione portando a un deperimento della pianta sempre più grave fino alla morte.  

  • Foglie: alterne, semplici ed ellittiche, sono lucide e coriacee, a margine seghettato, di colore verde scuro.
  • Fiori: di colore rosa tenue e cremisi, hanno dimensioni medio grandi, si presentano irregolarmente accavallati.
  • Come sceglierla: al momento dell’acquisto è importante verificare la vigoria vegetativa che deve sempre essere elevata e che non siano stati effettuati tagli evidenti per eliminare branche colpite da problematiche sanitarie, o soltanto danneggiate nella movimentazione dei vasi. Preferire piante a inizio fioritura così da poter verificare l’aderenza al cartellino che riporta le caratteristiche della specie. Non fatevi ingannare dal fatto che un soggetto presenti fiori semi doppi e un altro semplici: questa caratteristica non dipende tanto da fattori ereditari quanto da fattori trofici.
  • Manutenzione: si potano soltanto i rami secchi e spezzati, non imporre alla pianta una forma diversa.

Schede piante: Camellia japonica ‘Bella Romana’Camelia-japonica

Lucele camelie temono il sole a picco delle ore centrali della giornata, preferendo un’illuminazione abbondante di mattino e/o nel pomeriggio.
Acquabagnare in abbondanza in estate o durante le giornate di caldo così da esercitare un effetto di mitigazione, ma solo se il terreno è dotato di un efficiente drenaggio.
Terrenosempre e soltanto acido, in caso contrario provvedere alla sostituzione totale dell’area che sarà interessata dalle radici. Con acqua calcarea utilizzare correttori.
Clima e
temperatura
come tutte le camelie teme le temperature estreme, sia verso l’alto, sia verso il basso. Sopporta fino a -15 °C.
Concimeutilizzare soltanto terra di foglie e fertilizzanti a reazione acida, specifici per ortensie e altre acidofile, per contrastare l’innalzamento del pH.
Riproduzionesi riproduce per semina, innesto, propaggine e talea.
Prezzo: 24 € in vaso di 18 cm di diametro