Bollette luce e gas: come fare l’autolettura

Buona prassi per tenere sempre aggiornati i propri consumi, l'autolettura consente di avere un profilo di consumo sempre aggiornato evitando così costi troppo alti in bolletta.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/02/2018 Aggiornato il 27/02/2018
Bollette luce e gas: come fare l’autolettura

Per risparmiare sui consumi di casa e tagliare almeno in parte le bollette di luce e gas il primo passo da compiere è mettere in pratica una serie di buone condotte quotidiane.

In primis è importante fare un uso intelligente degli elettrodomestici di casa: via libera all’accensione di lavatrici, lavastoviglie, forni elettrici ecc da usare a pieno carico e nelle fasce orarie in cui si spende meno, solitamente la sera dalle 19:00 e fino al mattino e durante i weekend. Buona prassi è anche sostituire tutte le lampadine di casa con quelle a Led a basso consumo che costano sì di più ma permettono di risparmiare sulla bolletta e durano molto di più; quindi il loro costo è ammortizzato nel tempo. Chi poi ne ha la possibilità, può anche decidere di intervenire sul proprio immobile eseguendo lavori più complessi, come coibentazioni o installazione di pannelli solari che permettono di ottenere uno sconto fiscale ancora per quest’anno del 65% o del 50%.

Autolettura luce e gas: come si fa

Tra queste buone condotte c’è un’altra che molto spesso viene dimenticata: l’autolettura del gas e della luce. L’autolettura consiste nell’effettuare autonomamente la lettura del contatore di luce o gas e nel comunicarla al fornitore, nel periodo di tempo da lui indicato. I contatori della luce sono ormai quasi tutti elettronici ed in teoria consentono la telettura per leggere a distanza i consumi segnati dal contatore stesso. Se così non fosse basta comunicare l’autolettura al fine così di avere un profilo di consumo sempre aggiornato. In tal modo, anche in assenza di una lettura effettiva, la società erogatrice della luce e del gas invieranno una bolletta sempre in linea con i tuoi consumi.

Per effettuare l’autolettura è necessario avere a portata di mano il proprio numero cliente di 9 cifre, che si trova sulla prima pagina della bolletta. La lettura del contatore dipende dal tipo di contatore che si ha: tradizionale o elettronico. Nel primo caso le cifre da comunicare per la lettura sono quelle che compaiono in modo automatico sul display trasparente, senza dover premere nessun pulsante. Se invece il contatore è elettronico, la lettura sarà possibile premendo l’apposito pulsante e leggendo direttamente i dati che compaiono sul display. Premendo in sequenza il pulsante di lettura, sul display si visualizzerà:

  • il numero cliente
  • la fascia oraria in atto
  • la potenza istantanea
  • a lettura dei totalizzatori di energia e potenza relativi per ogni fascia oraria.

Per  effettuare la lettura dei consumi, il cliente deve premere in sequenza il pulsante del contatore per cinque volte, finché compariranno sul display i consumi e la potenza.

 

Cattura

Cattura

*Fonte Guida all’autolettura Enel

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!