Posizione e orientamento del letto: quanto conta per dormire meglio?

Feng Shui, teorie orientali e non, possono fornire spunti utili per dormire bene, godendo di sonni più tranquilli. Ecco alcuni dei suggerimenti di questa antica disciplina orientale.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/09/2015 Aggiornato il 02/09/2015
Posizione e orientamento del letto: quanto conta per dormire meglio?

Per creare una camera in cui sia piacevole dormire e il sonno sia veramente ristoratore, si possono seguire i consigli dell’antica disciplina cinese del Feng Shui, che cura lo spirito e il corpo usando l’energia dei luoghi in cui si passa più tempo. La camera fa parte sicuramente di questi ambienti, poiché vi si trascorre mediamente circa un terzo della propria vita. Il Feng Shui dà consigli per arredare una camera che favorisca il sonno e un riposo salutare, prendendo in considerazione forme, colori, luci e disposizione del letto e degli arredi.

Alla base del Feng Shui ci sono i cinque elementi – legno, fuoco, terra, metallo e acqua – che rappresentano, metaforicamente, i cinque diversi tipi di energia Chi. Il riferimento non è al materiale, ma alle energie che rappresentano. Gli elementi sono collegati a specifici colori, forme e numeri e la loro combinazione nell’ambiente può dare luogo a una sensazione di benessere o di disagio, se gli elementi seguono o meno un ritmo armonico. Secondo questa teoria, quindi, la scelta della posizione e dell’orientamento giusti per mobili e suppellettili può influire sul comfort, ripristinando gli equilibri nell’ambiente.

Fotolia_53968302_Subscription_OnDemand_M_PLUS

Fare ordine è uno dei principi cardine del Feng Shui che vale per tutti gli ambienti, anche per la propria camera, perché il disordine fa diminuire l’energia: eliminando gli ostacoli che impediscono il flusso energetico si crea più armonia e si avverte un maggiore equilibrio psico-fisico. Quindi dalla camera andrebbero eliminati tutti gli accumuli di soprammobili, monili e oggetti senza una reale utilità, poiché un ambiente ordinato favorisce il movimento corretto dell’energia.

Centrale nella camera è il letto, che va posizionato più lontano possibile da porte e finestre per non ostacolare il fluire armonioso dell’energia; inoltre se sistemato sotto la finestra, l’energia è più attiva e ostacola il riposo. Importante per favorire un riposo ristoratore è anche l’orientamento del letto: la testata del letto a nord, per esempio, assicurerebbe tranquillità e sarebbe l’ideale contro eventuali disturbi d’insonnia. Favoriscono il riposo anche le direzioni nord-ovest e ovest, quest’ultima consigliata soprattutto alle persone in età più avanzata.

Per i mobili, la scelta di superfici lisce e prive di spigoli o angoli troppo evidenti, privilegiando le forme arrotondate e sinuose, non ostacolerebbe i corridoi energetici. Altrettanto importante è la stabilità e la robustezza del letto. Da evitare, per esempio, i materassi ad acqua che non forniscono un supporto fermo e stabile; perfetti invece i modelli in viscoelastico, realizzati per esempio con il materiale Tempur (www.tempur.it), originariamente progettato dalla Nasa a protezione degli astronauti, che offre un ottimo sostegno ortopedico, adattandosi perfettamente al profilo del corpo e garantendo così il massimo comfort. Il capostipite di questi nuovi materiali è un’esclusiva del gruppo Tempur Sealy che ne porta il nome, la più grande azienda di materassi del mondo.

Fotolia_59405992_Subscription_OnDemand_M_PLUS

Il letto inoltre dovrebbe avere sempre una testata; secondo il Feng Shui sarebbe preferibile una forma completa, come quella rettangolare, perché per esempio quella semicircolare viene percepita come mancante di qualcosa, non adeguata. Per quanto riguarda i materiali per il letto, particolarmente consigliato il legno (perché non altera il campo magnetico a differenza del metallo), di colore chiaro, oppure le superfici lisce che non riflettono troppa luce. Per questo il Feng Shui non consiglia la scelta del ferro battuto o dell’ottone, che in quanto metalli accelerano l’energia che normalmente non favorisce il buon sonno, profondo e ristoratore. Anche il pavimento ideale è per questa disciplina il legno naturale.

Ultimo spunto dell’antico Feng Shui, ma anche della moderna bioarchitettura, è quello di limitare al minimo in camera apparecchi o dispositivi elettrici ed elettronici, come computer, tablet o televisore, che sono causa di elettrosmog. La luce dovrebbe essere calda e proveniente da lampade dalle forme circolari o semicircolari. Come parziale protezione, viene indicata dal Feng Shui la possibilità di prevedere una lampada a cristallo di sale con effetto ionizzante contro l’elettromagnetismo, che emette una piacevole luce tenue e benefica. Sempre in merito all’illuminazione, dato che il lato sinistro del letto è associato all’elemento drago, il maschile, che predilige le forme allungate, sul comodino da questo lato possono trovar posto accessori alti, come una lampada da tavolo. Alla destra invece è associata la tigre, il femminile, e da questa parte sarebbe meglio sistemare oggetti bassi e dalle forme aggraziate.

Fonti / Bibliografia

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!