Divani: design & comfort secondo Lema

Ultima nata del marchio Lema, la collezione di imbottiti completa il concetto di casa sviluppato dall’azienda e la sua filosofia improntata allo slow living, frutto di un mix perfetto tra tecnologie industriali e sapere artigianale. Ecco tre modelli, diversi per concezione ed estetica, ma accomunati dalla stessa qualità.
Contenuto sponsorizzato
Divani: design & comfort secondo Lema
Divano Aberdeen di Officinadesign Lema

La collezione di imbottiti Lema traduce in comfort lo spirito di leggera e discreta eleganza che contraddistingue tutta la produzione. Progettati dal gruppo di ricerca interno Officinadesign Lema o da firme del design internazionale, tutti i modelli a catalogo sono studiati nelle proporzioni e curati nei dettagli, impreziositi da rivestimenti di cotone, lino, pelle di pregio. Il risultato è una ricca collezione di divani diversi per concezione e riferimenti stilistici, seppure tutti accomunati dall’unicità della qualità garantita del processo produttivo Lema. Vediamone in dettaglio tre modelli, caratterizzati dall’accoglienza dei volumi ampi e dalle forme morbide e confortevoli. 

Aberdeen, frutto della ricerca di Officinadesign Lema, deriva da una rilettura degli stilemi del divano classico, dalla seduta ampia e confortevole, con dettagli sartoriali curati ed espressivi, come la fodera morbidamente avvolgente, ripiegata più volte sui braccioli a martello, e le cuciture dei cuscini a coda di topo. Una rivisitazione della tradizione che ripropone anche componenti tecnicamente innovative, come l’imbottitura di poliuretano e fibra ecologica anallergica. Si distingue per le rotelle anteriori dal sapore vagamente industriale.

Mustique, disegnato da Gordon Guillaumier, trova la sua configurazione più raffinata e di impatto nella versione con rivestimento in pelle. Disponibile sia a due sia a tre posti, ha volumi geometricamente rigorosi – con cuscini che rispettano la regolarità proporzionale del parallelepipedo, in diverse dimensioni a seconda della funzione – valorizzati da dettagli inaspettati che ne ammorbidiscono l’aspetto: la particolare cucitura pizzicata, il gioco calibrato di incastri tra seduta e schienale e tra base e bracciolo (che volutamente sporge per metà del suo spessore, “creando uno scarto più irriverente”), la struttura portante di metallo lucido dal profilo disegnato particolarmente sottile a sostegno di un altrettanto esile pianale imbottito.

Yard, di Francesco Rota, è il punto di incontro tra divano e sistemi modulari, da sempre core business del brand: i volumi imbottiti possono integrare piani di appoggio, mensole, tavolini e contenitori per dare vita a composizioni multifunzionali sempre diverse. La struttura portante, di metallo con piedi giuntati da agganci a sezione triangolare e piano orizzontale a vista, sostiene i cuscini, i braccioli, le mensole e gli elementi contenitivi, ricreando un’architettura del comfort proporzionata, elegante e curata. Le ampie dimensioni di seduta e schienale sono esaltate da una leggera rastrematura dei cuscini, mentre l’imbottitura di poliuretano e piuma, sostenendo e avvolgendo, garantisce ottimo comfort.

Aberdeen (design Officinadesign Lema), disponibile nella versione a due o tre posti, ha forme di gusto classico, esaltate da dettagli come il rivestimento ripiegato sul bracciolo o la cucitura a coda di topo dei cuscini. Il comfort della seduta, ampia e accogliente, è assicurato da una imbottitura di poliuretano e fibra anallergica e ecologica.

Aberdeen, design Officinadesign Lema, disponibile nella versione a due o tre posti, ha forme di gusto classico, valorizzate da dettagli come il rivestimento ripiegato sul bracciolo o la cucitura a coda di topo dei cuscini. Il comfort della seduta, ampia e accogliente, è assicurato dall’imbottitura di poliuretano e fibra anallergica ed ecologica.

Il divano Mustique di Lema, design Gordon Guillaumier, è insieme elegante e informale, grazie alla pulizia dei volumi e alla morbida accoglienza della seduta. Ha una struttura portante di profilato metallico lucido, dalla sezione sottile, che sostiene la base imbottita del divano. Una piccola, gradevole isola del riposo, come evoca il suo nome, impreziosita da rivestimenti con cucitura pizzicata e giochi calibrati di incastri volumetrici.

Il divano Mustique di Lema, design Gordon Guillaumier, è insieme elegante e informale, grazie alla pulizia dei volumi e alla morbida accoglienza della seduta. Ha una struttura portante di profilato metallico lucido, dalla sezione sottile, che sostiene la base imbottita del divano. Una piccola, gradevole isola del riposo, come evoca il suo nome, impreziosita da rivestimenti con cucitura pizzicata e giochi calibrati di incastri volumetrici.

Yard, design Francesco Rota per Lema, è un divano multifunzionale, che può essere arricchito da piani di appoggio, mensole, contenitori. Accessori e cuscini sono sostenuti da una struttura a vista, su piedi giuntati da agganci a sezione triangolare. Poliuretano e piuma dei cuscini garantiscono un comfort ottimale, accresciuto dalle dimensioni generose di seduta e schienale.

Yard, design Francesco Rota per Lema, è un divano multifunzionale, che può essere arricchito da piani di appoggio, mensole, contenitori. Accessori e cuscini sono sostenuti da una struttura a vista, su piedi giuntati da agganci a sezione triangolare. Poliuretano e piuma dei cuscini garantiscono un comfort ottimale, accresciuto dalle dimensioni generose di seduta e schienale.

Clicca sulle immagini per vedere full screen anche gli altri imbottiti Lema

  • Divano Cloud di Lema, design Francesco Rota
  • Divano Jermyn di Lema, design Gordon Guillaumier
  • Divano Ocean Drive di Lema, design  Christophe Pillet
  • Divano Snap di Lema, design Francesco Rota
  • Divano Aberdeen, design Officinadesign Lema
  • Divano Yard di Lema, design Francesco Rota
  • Divano Mustique di Lema, design Gordon Guillaumier

Contenuto sponsorizzato

Tags:Lema