Design per la zona pranzo: i tavoli Lema, rettangolari e rotondi

In vetro o in essenza, laccati o in finitura argilla, i tavoli Lema catalizzano l’attenzione con la raffinata eleganza e l'estetica curata, diventando protagonisti della zona pranzo.
Contenuto sponsorizzato
Design per la zona pranzo: i tavoli Lema, rettangolari e rotondi

Cuore della convivialità familiare ed erede del tradizionale ruolo di centralità, il tavolo della zona pranzo contemporanea – in cui funzioni e abitudini diverse si intrecciano in modo fluido – trasferisce all’intero ambiente il carattere della propria personalità. Leggero ed essenziale, oppure sobriamente decorativo, in ogni caso la scelta del modello non va sottovalutata. E per valorizzare la stanza occorre puntare sulla qualità del disegno, come anche di materiali e finiture. Principio che Lema ha fatto proprio sin dagli esordi e che ha mantenuto, proponendo nel tempo un’ampia ed eterogenea collezione di tavoli, contraddistinti da una sofisticata ed elegante sobrietà. Pezzi d’autore studiati per spazi liberi e vissuti, in cui ogni particolare esalta la cura delle forme e l’armonia dell’insieme.

3Pod (design Francesco Rota), Shade (design Francesco Rota) e Wow (design Toan Nguyen), tavoli nati da ispirazioni diverse e di differenti dimensioni, sono tutti però accomunati da una decisa presenza scenica, che si rivela soprattutto nel contrasto tra la leggerezza dei piani e la matericità delle strutture portanti, sia di metallo (il tripode di 3Pod o le fasce metalliche a croce asimmetrica di Shade), sia di legno (il nastro di legno piegato di Wow). Un contrappunto armonico – sottolineato anche da raffinati giochi di luce e ombra – che li rende ideali protagonisti di ambienti dall’eleganza essenziale e sobria.

Di differente forza espressiva, data da una matericità più decisa e da spessori rilevanti, ma di pari qualità estetica e armonica, i tavoli Dueci (design Ludovica e Roberto Palomba), Memo (design Piero Lissoni) e Sosia (design Vittorio Prato), rigorosi nello studio delle proporzioni e delle linee, a volte connotati da sofisticati guizzi (le originali finiture per Dueci in marmo nero Marquinia o Memo in pietra lavica, o ancora l’ispirazione industriale di Memo) o da una classicità senza tempo come nel caso di Sosia.

Clicca per vedere full screen le immagini di Lema (www.lemamobili.com)

  • foto1_Lema---3-Pod-rotondo
  • foto2_Lema---Dueci---2
  • foto4_Lema---Shade-1
  • foto3_Lema---Memo---Design-Piero-Lissoni---Dettaglio-1
  • foto5_Lema---Sosia---3
  • foto6_Lema---Wow

 

foto1_Lema---3-Pod-rotondo

Linea moderna ed elegante leggerezza visiva per il tavolo 3Pod (design Francesco Rota) nella versione con piano tondo in vetro trasparente e struttura a tripode in metallo verniciato nero (disponibile anche bianco), segno  di grande forza espressiva. Si inserisce da protagonista in ogni ambiente giocando sul contrasto tra l’essenzialità del piano e il supporto scultoreo. Misure H 71,7 cm, Ø 140 cm.

foto2_Lema---Dueci---2

Rigoroso nel disegno, il tavolo allungabile Dueci (design Ludovica e Roberto Palomba) è caratterizzato da spessori elevati e forte matericità, che lo rendono particolarmente espressivo e protagonista di una zona pranzo importante, sia nella versione in rovere Carbone (nella foto), sia in quella con finitura marmo nero Marquinia (quest’ultima disponibile solo fissa in due diverse dimensioni). Misura L 160 (allungabile fino a 200 cm) x H 73 x P 900 o L 200 cm (allungabile fino a 260) x H 73 x P 1000 cm. La versione marmo misura L 200 o 260 x H 75 x P 100 cm.

foto3_Lema---Memo---Design-Piero-Lissoni---Dettaglio-1

Di proporzioni volutamente maxi, il tavolo Memo (design Piero Lissoni) è pensato per sale da pranzo importanti e si contraddistingue per un deciso minimalismo, formale e materico: struttura in alluminio verniciato rosso – disponibile anche color acciaio – dal profilo disegnato di chiara ispirazione industriale, e piano con finitura pietra lavica. Il piano disponibile anche in rovere termotrattato può essere anche realizzato su misura per lunghezze tra i 3 e i 4 metri. Misura L 300/400 x H 74,5 x P 109 cm.

foto4_Lema---Shade-1

Dimensioni generose per Shade (design Francesco Rota), tavolo dall’aspetto scultoreo pur con spessori minimi, frutto della presenza di piedi realizzati con fasce metalliche in una calda finitura bronzo disposte a croce asimmetrica. Una piccola sofisticata geometria che genera originali giochi di luce e di ombra – perfetti per una posizione del tavolo a centro stanza – e che si completa con la matericità del sottile piano, disponibile in finitura argilla o in rovere termotrattato. Misura L 250 x H 73 x P 100 cm e L 350 x H 73 x P 109 cm.

foto5_Lema---Sosia---3

Di segno minimale, il tavolo Sosia (design Vittorio Prato) è caratterizzato da una pulizia formale che lo rende estremamente elegante. Il disegno essenziale della struttura in metallo verniciato, declinato in tutti i 40 colori laccati opachi della cartella Lema e in color alluminio, con piano laccato opaco (disponibile anche in Rovere Carbone, Rovere Tabacco o cristallo sabbiato per ambienti dall’impronta più classica), lo rende perfetto per ogni spazio. Disponibile in 3 altezze (18,5/35,5/71,5 cm) e in 6 diverse larghezze a seconda dell’altezza, è il tavolo su misura per eccellenza. Può essere infatti personalizzato in altezza, larghezza e profondità.

foto6_Lema---Wow

Misurato nelle dimensioni e nell’essenzialità geometrica del piano, Wow (design Toan Nguyen) rivela un’inaspettata forza espressiva nel movimento sinuoso della base, quasi una scultura ottenuta con un nastro di legno piegato. Perfetto per sale da pranzo dal carattere deciso, seppure di dimensioni non esagerate, è disponibile in due versioni rotonde, entrambe in rovere termotrattato. Misura Ø 160/180 x H 73 cm.

 

 

Contenuto sponsorizzato

Tags:Lema