Una stanza in più dividendo con la libreria-armadio

Ricavare una stanza separata senza costruire una nuova parete: ecco un progetto di interior design che, per dividere una camera dal soggiorno, sfrutta sistemi d'arredo a tutta altezza. In particolare, l'armadio su misura (e personalizzato nelle finiture) può essere acquistato al costo di una soluzione standard fino al 31 maggio 2018, nei cornershop Lema. Scopri di più sulla promozione!
Contenuto sponsorizzato
Una stanza in più dividendo con la libreria-armadio

Nel progetto che vi presentiamo la necessità di ricavare in modo semplice e veloce una stanza da letto in più, in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina affacciata sul lago, ha spinto l’architetto Elisa Coffinardi a scartare l’ipotesi di costruire nuove partizioni murarie a favore di una soluzione più “leggera” e articolata, anche meno invasiva dal punto di vista dei lavori da eseguire in casa, ottenuta con i sistemi modulari Selecta e Armadio al Centimetro di Lema (Officinadesign Lema).

In particolare, fino al 31 maggio 2018, un’imperdibile promozione consente di acquistare un Armadio al Centimetro su misura al costo di uno standard solo ed esclusivamente nei cornershop Lema. L’Armadio al Centimetro inoltre può essere dotato del Lema Air Cleaning System, un particolare sistema brevettato che consente di sanificare in modo naturale tutto ciò che è riposto all’interno.

Nel progetto la libreria Selecta su misura, realizzata in base a specifiche esigenze funzionali, proposta nell’elegante finitura rovere termotrattato, risolve nel living la suddivisione spaziale, senza rinunciare ad una perfetta organizzazione e alla massima eleganza. Anche sul lato opposto, nella nuova zona notte, ogni centimetro è sfruttato al meglio con una soluzione su misura del programma Armadio al Centimetro. Una scelta che non vincola la gestione di eventuali impianti , dato che cavi e collegamenti elettrici possono essere facilmente celati nei fianchi e nelle spalle di Selecta e di Armadio al Centimetro.

Nella camera da letto protagonista è Madama (Officinadesign Lema), tra gli ultimi nati della raffinata collezione di letti Lema, con la sua presenza importante e nel contempo rassicurante, conferita dalla base di proporzioni visivamente generose e dall’ampia testiera imbottita, ritmata da tre semplici ma eleganti impunture. Lo affiancano due poltroncine Bice (design Roberto Lazzeroni), che traggono ispirazione dall’estetica vintage riproponendola nella seduta avvolgente e nella leggera base di sostegno in metallo bronzato, e il contenitore notte Luna (design Marelli e Molteni) in versione alta. Quest’ultimo, dalla linea sobria e discreta, scelto in una tinta decisa, è caratterizzato dall’originale dettaglio delle incisioni laterali, che impreziosiscono la pulizia formale del volume.

Il lato giorno della parete di separazione, realizzata con il sistema Selecta (Officinadesign Lema), si presenta come una scenografica libreria, con vani aperti perfetti per organizzare libri e riviste ed esporre piccoli oggetti. Contrappunto e sfondo ideale per lo scultoreo tavolo Shade (design Francesco Rota), con una base doppia a croce asimmetrica in una calda finitura bronzo. Una piccola e sofisticata architettura che crea giochi di luce e di ombra – amplificati in questo caso dalla presenza delle ampie vetrate affacciate sulla natura – e si completa con la matericità del piano in finitura argilla. Tocco vintage anche in questo ambiente, grazie alle poltroncine Tabby (design Gordon Guillaumier), di gusto classico e contemporaneo insieme con seduta a corolla imbottita e sfoderabile, e ai tavolini Flowers (design Roberto Lazzeroni), con piani in legno laccato che ricordano dei petali sulla struttura in metallo verniciato nero. Protagonista, il divano Cloud (design Francesco Rota), componibile a piacere grazie all’ampia varietà di elementi, appoggiato alla madia T030 (design Piero Lissoni), sistema per eccellenza nella sua accezione più stretta, declinato in una versione dal compatto volume orizzontale.

Progetto con soluzioni Lema (www.lemamobili.com). Clicca sulle immagini per vederle full screen

La camera da letto ricavata nell’ampio spazio del locale giorno è separata da una parete attrezzata bifacciale realizzata verso il living con il sistema Selecta (Officinadesign Lema) e verso la stanza con il programma Armadio al Centimetro inseriti nello spessore della parete stessa. L’armadio si caratterizza per le ante a battente laccate opaco nel raffinato color Cigno (una delle oltre quaranta possibilità cromatiche della cartella Lema). Protagonista dell’ambiente il letto Madama (Officinadesign Lema) con contenitore, rivestito in tessuto grigio dalla trama materica e con testiera imbottita, caratterizzata da una sobria lavorazione capitonné e da un profilo a coda di topo, tono su tono. Completano l’insieme due poltroncine Bice (design Roberto Lazzeroni) dalla linea avvolgente e dall’ispirazione vagamente rétro, rivestite in tessuto grigio scuro (ma disponibili anche in ecopelle o pelle), e la versione alta del contenitore notte Luna (design Marelli e Molteni), volume pulito impreziosito da originali incisioni laterali e raffinate giunzioni a 45°, scelto nella decisa tinta laccata opaca Amarena per dare un sofisticato tocco di colore all’insieme.

La camera da letto ricavata nell’ampio spazio del locale giorno è separata da una parete attrezzata bifacciale realizzata verso il living con il sistema Selecta (Officinadesign Lema) e verso la stanza con il programma Armadio al Centimetro inseriti nello spessore della parete stessa. L’armadio si caratterizza per le ante a battente laccate opaco nel raffinato color Cigno (una delle oltre quaranta possibilità cromatiche della cartella Lema). Protagonista dell’ambiente il letto Madama (Officinadesign Lema) con contenitore, rivestito in tessuto grigio dalla trama materica e con testiera imbottita, caratterizzata da una sobria lavorazione capitonné e da un profilo a coda di topo, tono su tono. Completano l’insieme due poltroncine Bice (design Roberto Lazzeroni) dalla linea avvolgente e dall’ispirazione vagamente rétro, rivestite in tessuto grigio scuro (ma disponibili anche in ecopelle o pelle), e la versione alta del contenitore notte Luna (design Marelli e Molteni), volume pulito impreziosito da originali incisioni laterali e raffinate giunzioni a 45°, scelto nella decisa tinta laccata opaca Amarena per dare un sofisticato tocco di colore all’insieme.

Il lato giorno della parete attrezzata, realizzata con il sistema Selecta (Officinadesign Lema) nella elegante finitura rovere termotrattato, è organizzato con vani aperti perfetti per accogliere libri e riviste ed esporre scenograficamente piccoli oggetti. Il tavolo Shade (design Francesco Rota), dalle ampie dimensioni, si contraddistingue per la base scultorea realizzata con lastre metalliche disposte a croce asimmetrica in contrasto con il piano dallo spessore contenuto nella materica ed elegante finitura Argilla. In abbinamento, le poltroncine Tabby (design Gordon Guillaumier), dalla linea contemporanea e nel contempo classica: imbottite e sfoderabili per la massima praticità, sono rivestite in tessuto e hanno una elegante struttura portante in rovere termotrattato, che riprende la finitura della libreria su misura Selecta. Nella zona relax, insieme al divano Cloud (design Francesco Rota), grande isola morbida dalle forme liberamente componibili, una coppia di tavolini Flowers (design Roberto Lazzeroni) in due diverse altezze, leggeri ed elegantemente ispirati agli anni Cinquanta, e la madia laccata del sistema modulare T030 di Piero Lissoni, che apporta alla sobria discrezione dell’ambiente uno squillante tocco di colore.

Il lato giorno della parete attrezzata, realizzata con il sistema Selecta (Officinadesign Lema) nella elegante finitura rovere termotrattato, è organizzato con vani aperti perfetti per accogliere libri e riviste ed esporre scenograficamente piccoli oggetti. Il tavolo Shade (design Francesco Rota), dalle ampie dimensioni, si contraddistingue per la base scultorea realizzata con lastre metalliche disposte a croce asimmetrica in contrasto con il piano dallo spessore contenuto nella materica ed elegante finitura Argilla. In abbinamento, le poltroncine Tabby (design Gordon Guillaumier), dalla linea contemporanea e nel contempo classica: imbottite e sfoderabili per la massima praticità, sono rivestite in tessuto e hanno una elegante struttura portante in rovere termotrattato, che riprende la finitura della libreria su misura Selecta. Nella zona relax, insieme al divano Cloud (design Francesco Rota), grande isola morbida dalle forme liberamente componibili, una coppia di tavolini Flowers (design Roberto Lazzeroni) in due diverse altezze, leggeri ed elegantemente ispirati agli anni Cinquanta, e la madia laccata del sistema modulare T030 di Piero Lissoni, che apporta alla sobria discrezione dell’ambiente uno squillante tocco di colore.

Contenuto sponsorizzato

Tags:Lema