Funzionalità in primo piano: arredare con la qualità Lema

La qualità, oltre che nel valore intrinseco di un mobile, si manifesta nella sua capacità di essere perfettamente funzionale. Caratteristica che dipende soprattutto dalle soluzioni tecniche che ne garantiscono utilizzo ottimale e durata nel tempo. Ecco una serie di soluzioni firmate Lema, dall'impeccabile funzionalità.
Contenuto sponsorizzato
Funzionalità in primo piano: arredare con la qualità Lema

Funzionalità e durata nel tempo, abbinate a un’estetica raffinata: parlando della qualità delle proposte d’arredo firmate Lema non si può prescindere dagli accorgimenti tecnici che ne migliorano e semplificano l’utilizzo e che al contempo ne prolungano la vita, garantendo assoluta resistenza. Esemplare in tal senso l’intera produzione Lema, un catalogo vasto ed eterogeneo frutto dell’incontro di efficienza industriale e maestria artigianale, un ventaglio raffinato di proposte in cui anche un piccolo dettaglio può assurgere al ruolo di protagonista, valorizzando l’estetica e affinando la performance, per un binomio di sicura efficacia.

Ne sono un esempio i numerosi e sofisticati accorgimenti tecnici che migliorano la funzionalità dei sistemi e degli arredi freestanding di Lema, come i ripiani di vetro nel sistema Selecta (Officinadesign Lema) che – con un’estetica accattivante – si illuminano fornendo una garbata luce di cortesia mentre si guarda la tv. Oppure ancora i moduli in cui è possibile prevedere l’inserimento di un ripetitore di segnale che consente di accendere, spegnere o telecomandare apparecchi hi-fi chiusi in vani con ante, nei sistemi Selecta e T030 (design Piero Lissoni).

Anche i meccanismi più complessi o le soluzioni tecniche più elaborate risultano perfettamente integrate nei volumi e nelle superfici, senza minare la pulizia e il rigore del design: le maniglie basculanti che scompaiono alla vista (come nella serie di contenitori Shen, design Cairoli&Donzelli); il sistema passacavi che cela allo sguardo i collegamenti degli apparecchi tecnologici nei sistemi componibili Selecta e T030, rendendo l’insieme ordinato ed elegante, preservandolo anche dalla polvere; i meccanismi e le guide per la ottimale scorrevolezza dei cassetti, con fermi di fine corsa e chiusure rallentate; le cerniere dei sistemi componibili Selecta e T030 e degli Armadi al Centimetro – proposte anche nella versione a filo d’acciaio – che garantiscono efficienza ed elevate prestazioni nel tempo, belle da vedere e ridotte al minimo ingombro, così da non togliere spazio all’interno dei vani evitando angoli di difficile utilizzo.

Non ultime alcune soluzioni tecniche strategiche adottate per permettere la realizzazione di eleganti e sofisticati arredi che nel tempo mantengano inalterate la bellezza formale e le eccellenti prestazioni per cui sono stati progettati: per esempio le ante dell’armadio Prima, con un tirante all’interno che ne permette la regolazione, oppure quelle a ribalta con meccanismo di apertura a filo, coperto da un controfianco per un’estetica ineccepibile.

Clicca sulle immagini Lema (www.lemamobili.com) per vederle full screen. Sotto, trovi le foto commentate

  • foto1_Lema---Selecta---Ripiano-luminoso
  • foto2_Lema---Shen---Design-Cairoli-&-Donzelli---Foto-2
  • foto3_Lema---T030---Anta-mezza-battuta-(non-fa-entrare-polvere)
  • foto4_Lema---T030---apertura-a-filo
  • foto5_Lema---T030---Guida-cassetto-2--(2)
  • foto6_Lema---Selecta-con-ante-in-argilla---3-(2)
  • foto8_Lema---T030---multimediale
Sono i piccoli dettagli tecnologici a rendere Selecta (Officinadesign Lema) sofisticatamente performante: come i sottili ripiani di vetro opalino che si illuminano grazie al comando di appositi sensori capaci di segnalare l’apertura delle ante (queste ultime di vetro trasparente extra-light con telaio di alluminio anodizzato bronzo e cerniere di lega metallica bronzata).

Sono i piccoli dettagli tecnologici a rendere Selecta (Officinadesign Lema) sofisticatamente performante: come i sottili ripiani di vetro opalino che si illuminano grazie al comando di appositi sensori capaci di segnalare l’apertura delle ante, qui proposte nella versione in vetro trasparente extra-light con telaio di alluminio anodizzato bronzo e cerniere di lega metallica bronzata.

Cura tecnica significa anche attenzione estetica: il fronte della cassettiera Shen (design Cairoli&Donzelli) dietro alle eleganti partizioni orizzontali nasconde maniglie basculanti che semplificano l’apertura dei cassetti senza compromettere la pulizia del disegno e dei volumi. In laccato opaco in 40 colori, è prevista anche la versione comodino.

Cura tecnica significa anche attenzione estetica: il fronte della cassettiera Shen (design Cairoli&Donzelli) dietro alle eleganti partizioni orizzontali nasconde maniglie basculanti che semplificano l’apertura dei cassetti senza compromettere la pulizia del disegno e dei volumi. In laccato opaco in 40 colori, è prevista anche in versione comodino.

Le ante della madia bassa del sistema T030 (design Piero Lissoni) sono realizzate con profilo a mezza battuta, soluzione ottima per impedire alla polvere di entrare nei vani. Una cura dei dettagli che contraddistingue anche la ricerca sui materiali: questa madia, dal disegno estremamente minimale e geometrico, ha un top in cemento dalla forte valenza espressiva.

Le ante della madia bassa del sistema T030 (design Piero Lissoni) sono realizzate con profilo a mezza battuta, soluzione ottimale per impedire alla polvere di entrare nei vani. Una cura dei dettagli che contraddistingue anche la ricerca sui materiali: questa madia, dal disegno geometrico e rigoroso, ha un top in cemento dalla forte valenza espressiva.

Le ante a ribalta del sistema T030 (design Piero Lissoni) sono dotate di meccanismi di apertura a filo d’acciaio coperto da un controfianco che permette di sfruttare pienamente tutto il volume interno senza angoli di difficile pulizia o manutenzione. Una soluzione tecnica particolarmente raffinata, che unisce praticità ad estetica.

Le ante a ribalta del sistema T030 (design Piero Lissoni) sono dotate di meccanismi di apertura a filo d’acciaio coperto da un controfianco che permette di sfruttare pienamente tutto il volume interno senza angoli di difficile pulizia o manutenzione. Una soluzione tecnica particolarmente raffinata, che unisce praticità ad estetica.

Tutte le parti metalliche dei meccanismi di apertura e di scorrimento degli elementi Lema sono studiate ad hoc per aumentare la prestazione funzionale e la pulizia formale dell’insieme. Come le guide dei cassetti del sistema T030 (design Piero Lissoni), minimali nel disegno ma resistenti e durature nel tempo.

Tutte le parti metalliche dei meccanismi di apertura e di scorrimento degli elementi Lema sono studiate ad hoc per aumentare la prestazione funzionale e la pulizia formale dell’insieme. Come le resistenti guide dei cassetti del sistema T030 (design Piero Lissoni).

Le componenti meccaniche della produzione Lema sono progettate insieme agli arredi, per potenziarne la semplicità di utilizzo e soprattutto la resistenza. I sistemi di scorrimento dei contenitori delle diverse composizioni del sistema T030 (design Piero Lissoni) ad esempio riducono drasticamente l’ingombro per presentarsi gradevoli alla vista e non rubare troppo spazio, senza precluderne la durata nel tempo.

Le componenti meccaniche della produzione Lema sono progettate insieme agli arredi, per potenziarne la semplicità di utilizzo e soprattutto la resistenza. I sistemi di scorrimento dei contenitori delle diverse composizioni del sistema T030 (design Piero Lissoni) ad esempio riducono drasticamente l’ingombro per presentarsi gradevoli alla vista e non rubare troppo spazio, sempre senza precluderne la durata nel tempo.

Lema offre anche delle soluzioni ad hoc per gestire la tecnologia di casa: nel sistema T030 (design Piero Lissoni), ad esempio, i contenitori multimediali possono avere o meno pannelli e piani panca ed essere appesi, su zoccolo o su piedini. In tutti i casi comunque i collegamenti elettrici sono totalmente occultati, organizzati con appositi passacavi e alloggiamenti studiati. E un ripetitore di segnale consente di comandare gli apparecchi anche ad anta chiusa.

Lema offre anche soluzioni ad hoc per gestire la tecnologia di casa come nel sistema T030 (design Piero Lissoni) dove i collegamenti elettrici sono totalmente occultati, organizzati con appositi passacavi e alloggiamenti studiati. E un ripetitore di segnale consente di comandare gli apparecchi anche ad anta chiusa.

XXXXX xxxx

Selecta di Officinadesign Lema è un sistema giorno evoluto, componibile a spalla portante, con possibilità di scelta tra 11 altezze, 4 larghezze, 3 profondità, 24 misure di ante battenti in legno e 12 in vetro, 21 ante scorrevoli, 5 misure di ante a ribalta, contenitori dalle diverse profondità e attrezzature speciali. Ed è anche multimediale, nel senso che può alloggiare apparecchi tecnologici, dalla smart tv al computer, schermandone la presenza con soluzioni dall’elegante pulizia formale.

Capace di svilupparsi con il rigore di una geometria perfetta e allo stesso tempo con la creatività di una struttura libera, Selecta di Officinadesign Lema permette di arredare ambienti eleganti e raffinati dedicati all’intrattenimento, oppure funzionali e superattrezzati da adibire ad home office, grazie a soluzioni versatili come elementi passacavi (nella foto), portacomputer, interruttori e canali elettrificati.

Capace di svilupparsi con il rigore di una geometria perfetta e allo stesso tempo con la creatività di una struttura libera, Selecta di Officinadesign Lema permette di arredare ambienti eleganti e raffinati dedicati all’intrattenimento, oppure funzionali e superattrezzati da adibire ad home office, grazie a soluzioni versatili come elementi passacavi (nella foto), portacomputer, interruttori e canali elettrificati.

Contenuto sponsorizzato