Ventilazione meccanica controllata. Anche per contrastare il caldo

La ventilazione meccanica controllata può essere un'alternativa per tutti coloro che per le più svariate ragioni non possono o non vogliono fare ricorso all'aria condizionata.

Alma Dainesi
A cura di Alma Dainesi
Pubblicato il 28/07/2017 Aggiornato il 16/08/2018
Ventilazione meccanica controllata

Per affrontare il caldo e l’umidità in casa, chi non vuole fare ricorso all’aria condizionata per le più svariate ragioni può valutare l’installazione di un impianto di ventilazione meccanica controllata, detta anche VMC, che garantisce un corretto ricambio d’aria, fattore fondamentale per il benessere indoor.

Come funziona la ventilazione meccanica controllata?

In casa esistono molte sorgenti di calore che scaldano l’aria: per esempio i bagni, quando si fa la doccia, la cucina, quando si fanno cuocere gli alimenti, gli elettrodomestici, ecc. Quest’aria calda è anche viziata e inquinata: bisogna espellerla e sostituirla con aria nuova esterna. Questo è il principio su cui si basa la ventilazione meccanica controllata, nota anche con l’acronimo VMC. La maggior parte dei sistemi prevede poi che l’aria venga restituita all’interno scaldata in inverno o raffrescata in estate.

Nella pratica, in genere, trattandosi di una soluzione ideale per ambienti anche piccoli, è sufficiente realizzare su una parete esterna un foro di diametro standard da 160 mm, senza alcuna canalizzazione. L’unità di ventilazione, inoltre, permette di fornire portate di aria in espulsione o immissione consentendo quindi di effettuare un congruo ricambio di aria.

I vantaggi: ricambio continuo d’aria, meno umidità, meno consumi

Inoltre, le macchine più evolute aumentano il comfort abitativo grazie alla costante deumidificazione degli ambienti, consentendo il raggiungimento del livello ideale compreso tra il 45% e il 65% di umidità relativa. Sia in termini di raffrescamento che di riscaldamento, la ventilazione meccanica controllata offre una valida alternativa ai sistemi tradizionali, con il vantaggio del risparmio energetico e di un sensibile miglioramento della qualità dell’aria indoor. A differenza di un condizionatore tradizionale, la VMC assicura un ricambio continuo dell’aria grazie a una costante immissione dall’ambiente esterno, espellendo al tempo stesso agenti inquinanti e COV. E il consumo di energia elettrica è inferiore rispetto ad altri sistemi grazie al recupero di calore sull’aria estratta.

Clicca sulle immagini per vederle full screen

  • La Smart+ V di MyDATEC è un apparecchio per la ventilazione meccanica controllata a doppio flusso cui viene contemporaneamente associato un recupero statico e termodinamico dell’energia. Misura L 100 x P 550 x H 103 cm. Prezzo su preventivo. www.mydatec.com
  • RecoVair 60 di Vaillant è la soluzione ideale per la ventilazione controllata di singoli ambienti o case monofamiliari. Modulare e di facile installazione, è in classe A+. Prezzo a partire da 404 euro.
  • Si inserisce in ogni ambiente Vort HRW 20 MONO di Vortice, il recuperatore di calore  progettato per avere un’efficiente ventilazione in ambienti residenziali dove non è installabile un sistema centralizzato. Ha tre modalità di ventilazione: con recupero calore, con sola estrazione aria, con sola immissione d’aria. È disponibile con comandi integrati, controllabili da remoto oppure con comandi integrati e sensori di umidità relativa. www.vortice.it
  • Attraverso un accumulatore ceramico posto all’interno, l’unità ventilante Solitair di Ave è in grado di limitare la dispersione termica garantendo, oltre che un’adeguata aerazione degli spazi interni, anche un recupero di calore con un’efficienza reale fino a oltre il 90%. www.ave.it

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!