Un intervento di recupero, dal tetto alle fondamenta

L’edificio è stato sottoposto a un radicale intervento di recupero. Dove possibile la struttura è stata consolidata, altrove è stata invece ricostruita.
Giovanna Strino
A cura di Giovanna Strino, Fotografa Cristina Galliena - Studio White
Pubblicato il 04/02/2014 Aggiornato il 04/02/2014
Un intervento di recupero, dal tetto alle fondamenta

Un nuovo tetto

Rimossa sino all’orditura primaria costituita da capriate, la copertura è stata ricostruita ventilata, prevedendo all’interno del “pacchetto tetto” un’intercapedine d’aria che ne aumenta le prestazioni termiche e ne prolunga la durata. Dell’originale è stato possibile mantenere solo le travi principali, sottoposte a un intervento di restauro conservativo. Nuova la struttura secondaria, per la quale sono stati utilizzati travetti del tipo “uso Trieste”. Si tratta di elementi ricavati da tronchi di abete, selezionati e lavorati ad angoli smussati. Il manto è stato ricomposto con coppi anticati.pietra a vista porticato

Sotto, una vasca contro l’umidità

Per preservare l’edificio, sotto la pavimentazione è stata interrata una vasca di raccolta acque che si estende lungo tutto il corpo di fabbrica. Tramite un sistema di tubazioni nel terreno, collegate a un secondo bacino posto a valle, l’acqua viene continuamente allontanata e non intacca la muratura. Inoltre, all’esterno una serie di bocche di lupo garantisce l’aerazione al vespaio ricavato alla base della casa. È stata realizzata anche una sottomurazione che rafforza la struttura fondale e la prolunga fino a strati di terreno consistenti, aumentando l’area di contatto per diminuire il carico unitario. porte in esterno pietra a vistaesterni casa con tetto nuovo e pietre a vista pareti

I muri originari: perfettamente risanati

Parte dell’edificio esistente è stata mantenuta, grazie allo stato di conservazione ritenuto accettabile. Le pareti in pietra ammalorate sono state trattate per essere risanate dall’umidità accumulata nel tempo. Si è provveduto poi a ripulirle, tenendo conto che l’operazione di lavaggio serve anche a rimuovere le parti incoerenti, che vengono successivamente consolidate o sostituite con altri elementi. I giunti sono stati colmati con malta colorata nella tinta di quella originaria. Nello spessore di 60 cm è stata realizzata un’intercapedine con funzione isolante.muro pietra a vista

Aperture sul fronte interno

Tutte le murature che non è stato possibile recuperare sono state demolite e ricostruite con gli stessi materiali, che sono stati accatastati, selezionati e trattati (puliti con idrogetti a forte pressione e spazzolati) per essere reimpiegati. Rispetto all’originale, la nuova destinazione d’uso ha richiesto alcune modifiche; sul prospetto verso il giardino, infatti, sono state realizzate ex novo delle aperture, che per stile si ispirano a quelle dell’epoca. Così le finestre hanno ampie arcate, realizzate con mattoni faccia a vista ricavati dal recupero degli elementi seguito alla demolizione.angolo casa con pietra a vista e porta d'ingresso
Interior designer: Marco Preti, mpreti1@libero.it, Stylist: Barbara Vecchi, info@barbaravecchi.it – Foto di Cristina Galliena

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!