Riscaldare tutta la casa con un’unica stufa

Ottimizzare al massimo l’utilizzo di una stufa. Sfruttare il suo fuoco per avere un piacevole tepore non solo nella stanza in cui è installata, ma nell’intera casa. È possibile grazie alle stufe “canalizzate” e alle “idrostufe”. Scopriamo insieme come funzionano.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/11/2014 Aggiornato il 10/11/2014
Riscaldare tutta la casa con un’unica stufa

Di solito siamo portati a pensare alla stufa come a un sistema di riscaldamento d’appoggio, che dia un supporto alla caldaia tradizionale, magari nelle giornate più fredde. Esistono però dei modelli che possono costituire a tutti gli effetti dei mini impianti, perché riescono – da soli – a riscaldare l’intera casa. Si tratta delle stufe canalizzate e delle idrostufe, prodotti sempre più richiesti perché permettono effettivamente di sostituire in toto il vecchio impianto, ottenendo il massimo risparmio.

Stufe canalizzate: aria calda in tutta la casa

Le stufe “canalizzate” sono collegate a tubi a parete attraverso i quali l’aria calda viene trasportata in più stanze. Dei ventilatori in alcuni casi “spingono”, in altri casi “aspirano” il calore prodotto all’interno della stufa e lo fanno poi fuoriuscire da diffusori o bocchette di ventilazione. Nelle varie stanze in cui l’aria viene canalizzata, l’utente può controllare e programmare a piacimento sia la temperatura da raggiungere, sia il livello di ventilazione.

Stufe ad acqua o idrostufe: acqua calda per tutti i termosifoni

Le “idrostufe” producono l’acqua calda che serve ad alimentare l’impianto di riscaldamento (termosifoni o impianto a pavimento). I modelli più potenti, dai 20 kW in su, riescono a produrre anche acqua calda sanitaria per tutti gli usi di casa.

In abbinata alle stufe idro, a volte è consigliata l’installazione di un puffer o sistema di accumulo. È utile nel caso del solo riscaldamento, perché immagazzina l’acqua calda prodotta in eccesso dalla stufa e la rilascia nei termosifoni quando serve, con il risultato – economicissimo – di riscaldare casa anche a stufa spenta. Il puffer è molto consigliato anche nel caso della produzione di acqua calda sanitaria, perché permette di avere sempre a disposizione una grande quantità di acqua calda, istantaneamente e quando volete voi, anche a stufa spenta.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!