Come scegliere la porta scorrevole per il bagno

Scenografica per grandi aperture, ma soprattutto salvaspazio per gli ambienti di piccole dimensioni, la porta scorrevole a scomparsa risponde perfettamente ad ogni esigenza, estetica o funzionale. E sono tantissime le possibilità, sia in fatto di dimensioni che di finiture e materiali.

Contenuto sponsorizzato
Come scegliere la porta scorrevole per il bagno

Scegliere le porte di casa può non essere così facile, soprattutto se non si conoscono bene le caratteristiche e le possibilità offerte dai vari modelli. Soprattutto per un ambiente come il bagno, dove spesso si deve necessariamente ricorrere a soluzioni salvaspazio, senza compromettere in alcun modo il risultato estetico finale.

Le porte scorrevoli a scomparsa sono un tipo di infisso che viene spesso scelto proprio per i locali di servizio, magari per un secondo bagno ritagliato dove prima non c’era, guadagnando centimetri preziosi. L’assenza di ingombro per l’apertura dell’anta permette di recuperare quella porzione di spazio che altrimenti sarebbe occupato dal movimento del battente. Design innovativo e versatilità di questa tipologia di porte sono particolarmente apprezzati, anche in fase di ristrutturazione come soluzione architettonica per valorizzare l’ambiente.

Unico_bagno_1

L’anta scorrevole del modello ECLISSE Unico si apre senza ingombrare, caratteristica fondamentale soprattutto quando lo spazio è poco.

I modelli

Una porta scorrevole a scomparsa presuppone l’installazione di un apposito controtelaio, ovvero il cassonetto che consente lo scorrimento della porta all’interno del muro. Il modello più classico è quello che prevede gli stipiti intorno al foro porta. Per gli amanti delle linee minimali e senza sporgenze sono disponibili anche modelli senza stipiti e cornici coprifilo. Qualora poi non vi fosse spazio a sufficienza per installare un controtelaio, si può ricorrere ad una soluzione ibrida che prevede un pannello porta per metà scorrevole e per metà a battente.

Novanta

Nel modello ECLISSE Novanta la porta è per metà scorrevole e per metà a battente, soluzione necessaria quando serve risparmiare l’ingombro di apertura ma la porzione di muro è così ridotta da non poter ospitare un normale controtelaio.

 

I pannelli porta

Si può scegliere tra un’infinità di possibilità: pannelli porta in legno, vetro o in vetro in combinazione con l’alluminio, legno abbinato al vetro. I controtelai sono compatibili con tutti i pannelli porta standard presenti sul mercato. Per aumentare la luminosità di un bagno scarsamente illuminato potrebbe essere utile optare per una porta in vetro satinato, soluzione che lascia filtrare la luce senza compromettere la privacy.

Porta_vetro_satinato_2

Discrezione e privacy per la porta Syntesis Line scorrevole in vetro satinato.

Le dimensioni

Una porta di dimensioni standard, sia essa scorrevole oppure a battente, misura 800 x 2100 mm. Se non ci sono limiti di spazio, un’apertura scenografica di grandi dimensioni può essere chiusa da un modello porta scorrevole a doppia anta. Nel caso di un bagno piccolo, oltre alla misura standard (ovvero un foro porta classico di 80 centimetri in larghezza per 210 cm in altezza), si possono scegliere anche aperture ridotte con luci di passaggio di 60 cm in larghezza e 200 cm in altezza.

Grandi_aperture_1

Non solo comode e funzionali ma anche scenografiche.

 

Costi a partire da 580 euro più Iva

Una porta scorrevole a scomparsa presuppone un prezzo generalmente superiore a quello di una a battente proprio perché richiede l’installazione di un controtelaio metallico. Il costo varia anche a seconda della tipologia di porta scelta. Si va dalle soluzioni più economiche di un pannello porta in legno fino a quelle più costose ed articolate in vetro con decori.

La base di partenza, riferita ad esempio all’acquisto di un controtelaio ECLISSE modello Unico, abbinato ad un pannello porta in laminato bianco e comprensivo di stipiti, cornici coprifilo e kit di chiusura ha un prezzo al pubblico di circa 580 euro + IVA.

Porta_blu

Anche per le porte a scomparsa la scelta di materiali e finiture è pressoché infinita: legno, vetro, colorato o tinta unita…

 

Clicca per vedere full screen le immagini di Eclisse (www.eclisse.it)

 

 

Contenuto sponsorizzato