Cucine mansardate: tre configurazioni per il sottotetto

Nel sottotetto, la configurazione della cucina dipende ancora di più dalla pianta in relazione alle altezze disponibili. Il progetto di tre "vere" case.
Floriana Morrone
A cura di Floriana Morrone
Pubblicato il 06/07/2021 Aggiornato il 06/07/2021
cucine sottotetto

Spesso considerato come area adatta solo per collocare la zona notte o lo studio, il sottotetto in realtà ben si adegua anche ad ospitare ambienti operativi come le cucine, la cui configurazione seguirà la geometria dell’ambiente e terrà conto, per i pensili, dell’altezza disponibile.
A seguire, tre esempi di cucine mansardate, in un caso (il primo), sormontata da un soppalco e negli ultimi due proprio sotto lo spiovente del tetto.

Cucina sotto il soppalco nel sottotetto

Il sottotetto di una tipica casa colonica, con pareti perimetrali in pietra lasciata parzialmente a vista, è stato recuperato con l’obiettivo di garantire la piena luminosità degli spazi e di riuscire a rendere la pianta funzionale, grazie anche all’inserimento di un soppalco. La cucina è collocata proprio in corrispondenza del soppalco che la sovrasta, senza però creare disagi né in termini di illuminazione naturale – considerata la presenza di una finestra proprio vicino al lavello – e le altezze generose. 

cucina sottotetto 1 pianta

La pianta dell’appartamento ricavato dal sottotetto: la linea tratteggiata rappresenta il limitare del soppalco, che copre la metratura della cucina

cucina sottotetto 1 foto

La vista della zona giorno; a sinistra l’area occupata della cucina, su cui è stato posizionato il soppalco

cucina sottotetto 1 foto 2

A sinistra come era la cucina prima della ristrutturazione, a destra come è diventata: oltre alla luminosità degli arredi bianchi, la presenza della finestra – ora di colore bianco – valorizza l’ambiente senza togliere spazio alla cucina che sfrutta lo spazio sotto il serramento con un risultato funzionale e decisamente più gradevole.

Guarda tutto il progetto di B+P Architetti; foto di Darragh Hehir

Cucina a pianta irregolare nel sottotetto con vista

Un terrazzo a tasca e nuove finestre sul tetto hanno reso il piano attico di un condominio urbano non solo confortevole ma anche molto originale, considerata la facciata curva che lo caratterizza. Anche la cucina è, dunque, posizionata sotto la falda inclinata del sottotetto e la sua configurazione segue la geometria della pianta e le altezze disponibili, che permettono comunque di inserire moduli a colonna e pensili.

cucina sottotetto 2 pianta

La pianta dell’appartamento, caratterizzato dall’andamento sinuoso della facciata che si riflette nella pianta curvilinea; nell’estremità di sinistra, la cucina con configurazione ad L, con angolo ottuso, e penisola composta dal piano di appoggio.

cucina sottotetto 2 foto

Un dettaglio della cucina, sovrastata dalla falda inclinata del tetto. Gli arredi sono nel colore Titanium e grigio rugiada, con bancone in legno massello.

Guarda tutto il progetto di Isacco Brioschi Architects; foto di Cristina Galliena Bohman; styling di Rosaria Galli

Gioco di altezze e forme geometriche

Gli ambienti aperti di questo appartamento mansardato possono usufruire di abbondante luce naturale e la divisione funzionale della superficie è delegata soprattutto a un articolato gioco di altezze, che sostituisce la presenza di pareti divisorie. La composizione della cucina rientra in questo percorso: la sua configurazione ad angolo ne definisce lo spazio e le differenti altezze degli ambienti la dividono dall’area pranzo e dalla zona giorno, come chiarito dalla sezione di progetto.

cucina sottotetto 3 pianta

La pianta dell’appartamento; la cucina è posizionata in alto sulla sinistra e l’assenza di pareti divisorie è compensata dalle altezze discontinue del sottotetto (segnate con il tratteggio)

cucina sottotetto 3 sezione

La sezione trasversale della parte di appartamento in cui è collocata la cucina: due fasce di finestre illuminano zona pranzo e cucina stessa, che ha una configurazione ad angolo

cucina sottotetto 3 foto 2

Vista d’insieme della cucina, illuminata sia dalle finestre di fronte, sia dai faretti incassati nel controsoffitto. Le falde sottolineano l’andamento della copertura.

cucina sottotetto 3 foto 1

Un dettaglio della cucina, che oltre che dei pensili può usufruire anche di due colonne incassate nella struttura. A lato, l’accesso verso la zona giorno con i divani.

Guarda tutto il progetto dell’architetto Davide Conconi Milano; foto di Studio Roy

 

Cucine in mansarda

  • Un dettaglio della cucina, che oltre ai pensili può usufruire anche di due colonne incassate nella struttura. A lato, l'accesso verso verso la zona giorno con i divani angolari
  • Vista d'insieme della cucina, illuminata sia dalle finestre di fronte, sia dai faretti incassati nel controsoffitto. Le falde sottolineano l'andamento della copertura
  • Un dettaglio della cucina, sovrastata dalla falda inclinata del tetto. Gli arredi sono nel colore Titanium e grigio rugiada, intervallati dal piano di appoggio della penisola/bancone in legno massello
  • Il dettaglio del percorso di trasformazione della cucina; oltre alla luminosità degli arredi bianchi, la presenza della finestra rende l'ambiente particolarmente confortevole
  • La vista della zona giorno; a sinistra l'area occupata della cucina, su cui è stato posizionato il soppalco
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!