C’è differenza tra sottotetto e mansarda?

Quando cercando casa, ci si trova a valutare un appartamento all'ultimo piano, è bene informarsi se vi sia un sottotetto di pertinenza e se sia trasformabile in abitazione.
Monica Mattiacci
A cura di Monica Mattiacci
Pubblicato il 18/01/2020 Aggiornato il 18/01/2020
finestre per tetti Velux in camera e soggiorno di una mansarda

Anche nel linguaggio comune i termini sottotetto e mansarda sono utilizzati con una sfumatura di significato diversa: si usa il termine sottotetto per indicare genericamente il volume sotto la copertura, caratterizzato da altezze diverse dovute all’inclinazione delle falde del tetto, in genere non abitabile; con la parola mansarda si fa riferimento, invece, a uno spazio abitabile ovvero a un volume sotto il tetto caratterizzato dai requisiti necessari a essere adibito ad abitazione (altezze medie sufficienti, aerazione naturale, metratura minima prevista dalla normativa per le diverse stanze… ).

Sottotetto non abitabile o sottotetto trasformabile in abitazione?

Il sottotetto, che ha zone più alte in corrispondenza del culmine del tetto e parti più basse là dove lo spiovente scende verso i muri dell’edificio, non è in genere illuminato ed aerato in modo naturale, ovvero non ha finestre e per questo non può essere destinato ad abitazione.

Sottotetto sottoposto a interventi di isolamento con Isofloc

Sottotetto sottoposto a interventi di isolamento con Isofloc

Perché vi si possa accedere, il sottotetto dal punto di vista strutturale deve avere solaio calpestabile, cioè idoneo a supportare il peso di persone e cose. In questo caso, se dotato anche di altezza sufficiente, può essere sfruttato (soprattutto in condominio) come locale tecnico e (in particolar modo nelle case indipendenti), come soffitta o deposito per oggetti nn utilizzati di frequente che non occorre conservare all’interno dell’abitazione.

Quando invece il solaio del sottotetto non è calpestabile e non vi è un’altezza adeguata, il sottotetto ha la mera funzione di protezione dagli agenti atmosferici dell’ultimo piano della costruzione.

Mansarda: quando il sottotetto diventa casa

Come accennato, il sottotetto per poter diventare abitabile ed essere trasformato in mansarda, oltre ad avere solaio calpestabile per la sicurezza dal punto di vista strutturale, deve osservare i requisiti minimi stabiliti dalle Leggi Regionali per il recupero dei sottotetti, in particolare deve avere le altezze medie minime previste dalla normativa e rispettare i valori corretti dei rapporti aeroilluminanti con l’apertura di aprire finestre, sia verticali sia per tetti, oltre alla coibentazione per il contenimento dei costi energetici e ai requisiti di urbanizzazioni primarie (collegamento con acqua, gas, luce, fogna).

cucina bianca in mansarda

Clicca qui per vedere la tutta la mansarda ristrutturata.

 

Valore commerciale del sottotetto trasformato in mansarda

Anche commercialmente sottotetto e mansarda hanno valore diverso (quello del sottotetto è decisamente inferiore). Si calcola che il valore di un sottotetto ristrutturato sia maggiore (anche del 30-35% in più) rispetto alla somma del costo dello spazio e dei lavori.

 

camera con tappezzeria bianca e grigia in sottotetto recuperato  e trasformato in mansarda

Nel livello mansardato della casa sono stati ricavati la camera matrimoniale e un terrazzino a tasca. Guarda qui tutto l’appartamento ristrutturato con il recupero del sottotetto.  

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.5 / 5, basato su 4 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!