Porta d’ingresso: sicura ed efficiente

Resistente e sicura, la porta d’ingresso, se ben coibentata, garantisce anche un’elevata efficienza energetica e fa risparmiare.

Contenuto sponsorizzato
Porta d’ingresso: sicura ed efficiente

Sicurezza ed efficienza energetica sono due dei criteri principali da valutare quando si sceglie la porta d’ingresso. La porta d’ingresso rappresenta il primo e principale elemento di difesa contro i tentativi di effrazione, per questo deve assicurare resistenza e sicurezza.

È perciò importante assicurarsi che la porta sia dotata di efficaci sistemi antieffrazione. Per classificare la proprietà antieffrazione di un infisso si usano sei classi di resistenza (RC o WK) da 1 a 6 (quest’ultima è la massima) che definiscono il grado di resistenza opposta da porte e finestre ai tentativi di scasso in base agli attrezzi e ai metodi utilizzati dagli scassinatori.

Così attrezzata, la porta d’ingresso può avere anche parti vetrate di diverse forme e dimensioni, realizzate in vetro di sicurezza, che contribuiscono ad aumentare la luminosità nella zona dell’ingresso.

L’altro fattore di scelta molto importante per la porta d’ingresso è la coibentazione termica, soprattutto se la porta dà direttamente sull’esterno. I modelli ben coibentati impediscono l’abbassamento della temperatura interna, con conseguente risparmio di energia. Per questo è consigliabile al momento dell’acquisto informarsi sul valore di trasmittanza termica del modello scelto. Questo valore è indicato con la sigla Ud, espresso in W/ m²·K e calcolato sulla base dell’insieme degli elementi che compongono la porta. Gli infissi per una casa passiva, cioè quelle a bilancio energetico positivo che producono più energia di quanta ne utilizzino, devono avere un coefficiente di trasmittanza termica inferiore o pari a 0,8 W/(m²xK).

Per quanto riguarda l’estetica, le porte d’ingresso sono disponibili in svariate finiture e colori di serie e design che ben si abbinano alle facciate delle abitazioni.  

Clicca sulle immagini di Hörmann (www.hormann.it) per vederle full screen. Più sotto trovi le didascalie

 

1 hoermann thermocarbon mono

Ha valore di trasmittanza termica fino a 0,47 W/(m²xK) la porta d’ingresso ThermoCarbon che supera di quasi il doppio il requisito minimo di 0,8 W/(m²xK), richiesto alle porte d’ingresso delle case passive e a bilancio energetico positivo. Realizzata in alluminio e carbonio, è disponibile in 15 motivi e 18 colori. Su richiesta si può scegliere tra 200 colori RAL, un modello bicolore o una soluzione con un diverso colore, all’esterno e all’interno.

2 hoermann thermocarbon moni

A garantire alla porta d’ingresso ThermoCarbon una trasmittanza termica fino a 0,47 W/(m²xK) è il battente in alluminio a filo della superficie spesso 10 cm. Esso è dotato di un pannello di riempimento in schiuma rigida in poliuretano a piena superficie e di un profilo composito alloggiato all’interno.

3 hoermann thermocarbon mono

La porta d‘ingresso ThermoCarbon è disponibile con equipaggiamento di sicurezza RC 4 ed è dotata di bloccaggio a nove punti di serie nonché di cerniere occultate antiscardinamento in grado di garantire la massima sicurezza nel caso di un tentativo di effrazione.

4 hoermann thermocarbon mono

La finestratura di sicurezza della porta d‘ingresso ThermoCarbon è in vetro stratificato antischegge. Con uno spessore di otto millimetri protegge sia all’interno, sia all’esterno dell’abitazione da qualsiasi incidente, poiché in caso di rottura del vetro le schegge sono trattenute dalla pellicola interna.

 

Contenuto sponsorizzato