Porta blindata. Per essere al sicuro

Sentirsi tranquilli nella propria abitazione è importante. Per questo occorre adottare strumenti efficaci, come la porta blindata, per essere al riparo dai ladri e dai relativi danni.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/06/2013 Aggiornato il 09/06/2013
Porta blindata. Per essere al sicuro

La porta d’ingresso della casa è la prima a essere violata. La porta blindata è quindi il principale strumento di difesa: basti pensare che il 75% dei ladri entra in casa forzando la porta d’ingresso, mentre il 15-20% sceglie le finestre e solo il 5% opta per solai e tetti. L’acquisto di una porta blindata va dunque valutato con attenzione. Innanzitutto deve essere certificata in base alla normativa (ENV1627), che assegna ad ogni serramento una classe antieffrazione, con un valore che cresce con l’aumentare della resistenza. La certificazione garantisce che il prodotto che andremo ad acquistare ha superato una serie di simulazioni di scasso svolte da tecnici esperti. Ecco quali sono, come reagiscono ai tentativi di effrazione e per quali tipi di abitazioni sono più indicate.

  • Classe 1 – resiste a uno scassinatore che utilizza soltanto la forza fisica; è indicata per appartamenti con rischio normale.
  • Classe 2 – resiste a uno scassinatore occasionale che utilizza attrezzi semplici per tentare di forzare la porta, come cacciaviti, tenaglie, ecc. È adatta per appartamenti con rischio medio-alto.
  • Classe 3 – resiste a uno scassinatore che tenta di forzare la porta anche con cacciaviti e piede di porco; è adatta per appartamenti con rischio considerevole e come porta di villette signorili.
  • Classe 4 – resiste a uno scassinatore esperto, che usa anche seghe, martelli, accette, scalpelli e trapani a batteria; è adatta per villette signorili a rischio molto elevato.

Per un appartamento in condominio sono sufficienti le porte blindate di classe 2 o 3; per una villetta, quelle di classe 3 e 4. Esistono poi le Classi 5 e 6, utilizzate soprattutto per banche e gioiellerie. Conviene in ogni caso prevedere anche un limitatore di apertura e lo spioncino grandangolare.

La tenuta in cinque punti

Oltre alla certificazione della porta, è bene valutare attentamente anche una serie di altri elementi.

  1. Il controtelaio: meglio se è in metallo; è importante sia fissato idoneamente al vano porta, solitamente con 12 zanche.
  2. Il telaio: è preferibile quello in lamiera zincata.
  3. Il battente: in genere è composto da una o due lamiere di acciaio elettrozincato, in alcuni casi rinforzate con un longarone.
  4. Ancoraggio: servono almeno 4 o 5 rostri fissi, dispositivi fissati sul lato delle cerniere per agganciare il battente al telaio; i deviatori mobili di chiusura sono invece i “cilindri estensibili”, posti sul lato della serratura.
  5. Serratura: è più sicura se protetta da un guscio in lamiera e da una piastra antitrapano.
Infine, è importante sapere che…

Prima dell’installazione del serramento, è necessario talvolta intervenire sulla muratura per rinforzarla. Questo dovrà valutarlo un professionista. Conclusa la posa, le chiavi devono essere consegnate in busta sigillata al committente. Il collaudo va eseguito in presenza di quest’ultimo, che deve controllare il lavoro: apertura e chiusura del serramento comode, il battente non deve “chiudersi da solo”, la serratura deve funzionare con mandate agevoli.

È dotata di due scomparti interni in cui nascondere documenti e oggetti preziosi la porta blindata SeGreta Plus di Di. Bi. Porte Blindate, certificata in classe 3 antieffrazione. Prezzo Iva esclusa, nella versione base: 1.883,56 (www.dibiporteblindate.it]

È dotata di due scomparti interni in cui nascondere documenti e oggetti preziosi la porta blindata SeGreta Plus di Di. Bi. Porte Blindate, certificata in classe 3 antieffrazione. Prezzo Iva esclusa, nella versione base: 1.883,56. www.dibiporteblindate.it

La porta blindata Crono di Gardesa si apre, dall’interno, tramite un comando a distanza, collegabile a un pulsante. La serratura elettronica interna aziona la fuoriuscita di tutti i chiavistelli, mettendo la porta d’ingresso in modalità di sicurezza contro le effrazioni e offrendo così la protezione totale in ogni situazione, anche quando si è in casa. È certificata in Classe 3. Prezzo: 2.593 euro (www.gardesa.com)

La porta blindata Crono di Gardesa si apre, dall’interno, tramite un comando a distanza, collegabile a un pulsante. La serratura elettronica interna aziona la fuoriuscita di tutti i chiavistelli, mettendo la porta d’ingresso in modalità di sicurezza contro le effrazioni e offrendo così la protezione totale in ogni situazione, anche quando si è in casa. È certificata in Classe 3. Prezzo: 2.593 euro. www.gardesa.com

È certificata in Classe 3 antieffrazione la porta blindata Synua di Oikos Porte Blindate, con rivestimento esterno in rovere segato e inserti in ottone. Può essere completata da una boiserie negli stessi materiali. Prezzo da rivenditore (www.oikos.it)

È certificata in Classe 3 antieffrazione la porta blindata Synua di Oikos Porte Blindate, con rivestimento esterno in rovere segato e inserti in ottone. Può essere completata da una boiserie negli stessi materiali. Prezzo da rivenditore. www.oikos.it

La porta blindata Andromeda di Bertolotto Porte è certificata in classe 3 antieffrazione. Prezzo 1.761 euro (www.bertolettoporte.com)

La porta blindata Andromeda di Bertolotto Porte è certificata in classe 3 antieffrazione. Prezzo 1.761 euro. www.bertolottoporte.com

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 3 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!