Pavimento in cotto, fascino senza tempo

Un rivestimento, nuovo o antico, da preservare al meglio seguendo alcuni consigli.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/09/2013 Aggiornato il 26/09/2013
Pavimento in cotto, fascino senza tempo

Ancora oggi le piastrelle in cotto si ricavano dall’argilla impastata con acqua ed essiccata in forno. E come un tempo, mantengono le caratteristiche di isolamento e resa estetica, ma vanno trattate nel modo corretto.

Il cotto, materiale dal sapore antico, caldo e naturale, caratterizzato dal colore rosato, è noto anche per la sua porosità.
● Questa da un lato permette la traspirazione, dall’altro fa sì che il pavimento tenda a mantenere lo sporco e a macchiarsi.
● Ma se adeguatamente trattato in fase di posa e durante la manutenzione ordinariadura inalterato nel tempo.

pavimento in cotto cristiani

 

La posa è semplice

Normalmente anche le mattonelle fatte a mano vengono selezionate in modo da avere soltanto elementi piuttosto uniformi. Si procede poi posandole con malta cementizia o colla.
● Successivamente, le piastrelle sono stuccate una alla volta per non sporcare la superficie del pavimento.

Zoccolini anche in legno

Per un effetto più rustico si usano battiscopa dello stesso materiale, anche di altezza considerevole. Possono essere lisci, oppure con bordatura o dentatura.
● A seconda del cotto usato per il pavimento, anche lo zoccolino ha aspetto invecchiato, con superficie irregolare, oppure levigato. Un’alternativa dall’effetto elegante è quella di posare un battiscopa in legno: in questo caso sceglierlo di colore il più possibile simile a quello del cotto.

Fondamentale il trattamento superficiale

Serve non soltanto per ottenere un effetto esteticamente valido, ma anche per proteggere la superficie del pavimento dall’aggressione dello sporco. Inoltre agevola la manutenzione. Meglio che sia removibile, in modo da poter intervenire facilmente nell’eventualità fosse necessario eliminarlo.

Lavaggio

Si tratta della rimozione dei residui cementizi della fugatura e delle “efflorescenze saline”. Va effettuata dopo 20-50 giorni dalla posa con malta a seconda della stagione. Se si sono usati collanti, l’intervallo di attesa si riduce a 5 giorni circa. Il lavaggio è eseguito da personale specializzato, con appositi detergenti, abbinati all’uso di attrezzature specifiche. Serve anche quando sorge la necessità di rimuovere trattamenti impropri da vecchi pavimenti o di eliminare macchie da inquinamento, eventuali muffe, depositi calcarei e grassi.

Protezione

Questa operazione può essere realizzata in due modi: finitura naturale con diverse mani di olio o cera d’api. Il primo è indicato per scurire il tono del pavimento, mentre la cera lascia il colore invariato. Si danno 3 mani di questi prodotti, aspettando che il pavimento sia ben asciutto tra una e l’altra; finitura con emulsi

 

Una manutenzione delicata

Per evitare le macchie

Non versare sul pavimento diluenti, solventi, ammoniaca o prodotti contenenti gli stessi perché potrebbero danneggiarlo seriamente.

Se cade un liquido, passare subito una spugna bagnata e strizzata; quando si tratta di olio, dopo averlo raccolto con la spugna, usare il detergente per sgrassare. Se ci sono piante servono sottovasi rialzati che evitano ristagni. E per seggiole, divani e altri mobili ricorrere ai feltrini.

Cura nutriente

Almeno quattro volte all’anno stendere sul pavimento cera d’api diluita con acqua distillata al 50%. In seguito il trattamento si cristallizza, quindi può essere ripetuto con minore frequenza. Seguire sempre le indicazioni del rivenditore e del posatore.

 

 

Tavella in cotto fatto a mano di Cristiani Pavimenti

Tavella in cotto fatto a mano di Cristiani Pavimenti

Bello anche all’esterno

In questo caso il cotto deve essere ingelivo
per evitare fenomeni di scagliamento o rottura,
e in fase di posa occorrono particolari accortezze
(giunti di dilatazione e pendenze per il drenaggio dell’acqua).
Dopo la pulizia vanno applicati prodotti idrorepellenti
che impediscano la penetrazione dell’acqua,
mantenendo possibilmente il potere traspirante del cotto.
Quando gli ambienti esterni sono utilizzati per cucinare
o pranzare all’aperto oppure vi sostano veicoli,
è opportuno applicare dei prodotti
che rendano il pavimento oltre che idrorepellente,
anche oleorepellente.

 

 
PRODOTTO1

La formula di Bref Pulito Facile Aloe Vera a pH neutro pulisce e rispetta le superfici più delicate come il cotto. www.bref.it

PRODOTTO2

Lascia sul cotto un film protettivo, che assorbe polvere e macchie, la cera Livax Rustica 2 di Nuncas. www.nuncas.it

3. Adatto per pavimenti in cotto interni ed esterni, Sista Impermeabilizzante Pavimenti Cotto previene i danni da umidità. Il formato da 750 ml costa 18 euro.

Adatto per pavimenti in cotto interni ed esterni, Sista Impermeabilizzante Pavimenti Cotto previene i danni da umidità. www.henkel.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!