Finitura a calce, la tradizione che non passa mai di moda

La finitura a calce, tecnica che affonda le radici nella storia, rende salubri e cromaticamente vibranti le superfici delle pareti.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 13/04/2021 Aggiornato il 13/04/2021
la calce del brenta intonachino riva

La finitura a calce, tecnica millenaria, è una delle soluzioni più naturali e performanti per il trattamento e il rivestimento delle pareti, sia interne sia esterne. La calce si ottiene infatti da ciottoli di fiume cotti a lungo ad alta temperatura, fino a trasformarli in ossido di calcio, la cosiddetta calce viva”, che tuffata nell’acqua diventa grassello. Si tratta di una pasta bianca, lasciata a maturare a lungo, ovvero a riassorbire l’anidride carbonica persa nella cottura, al fine di diventare nuovamente solida e tenace.

La Calce del Brenta

Finitura a calce, salubre e igienica

Il pH elevato della calce la rende naturalmente inattaccabile dalle muffe, senza necessità di aggiunta di componenti chimiche. Inoltre, le sue particelle organiche volatili (i cosiddetti VOC) sono bassissime e non dannose per l’uomo. Una garanzia di salubrità generale degli ambienti con finitura a calce, oltre che di igiene: basti pensare infatti che tale prodotto viene da tempo immemorabile utilizzato in agricoltura alla base degli alberi da frutto per scongiurare ospiti indesiderati o lungo i binari della ferrovia, al fine di evitare il proliferare dei batteri provenienti dagli scarichi dei treni.

I prodotti a base di calce, al contrario di quelli sintetici, non sono filmogeni, ovvero non creano uno strato a sé, ma diventano tutt’uno con il supporto sottostante. In tal modo la muratura non viene avvolta da una sorta di pellicola antitraspirante, tutt’altro: tali soluzioni non creano barriera al passaggio dell’umidità, ma ne dinamizzano la diffusione, migliorando l’igrometria generale e anche l’estetica.

la calce del brenta intonachino riva

Superfici uniforme ma vibrante, non piatta

L’effetto finale di una finitura a calce – che sia un intonachino, una pittura, una velatura – è infatti sempre unico e irripetibile, grazie all’unitarietà con il supporto sottostante, di cui condivide irregolarità e differenze igrometriche. Così anche il colore non è mai piatto e uniforme, ma vibrante, con ombreggiature e una profondità cromatica sempre diversa. Peculiarità particolarmente in sintonia con il gusto contemporaneo per gli interni, sempre più votato alla naturalità e alla personalizzazione, oltre che all’estrema espressività di texture e materiali.  

Si può sovrapporre la calce ad altri supporti, come una precedente pittura?

Per ottenere un simile risultato su supporti diversi dall’intonaco – come ad esempio preesistente pittura lavabile sintetica, cartongesso, stucco a gesso… – anche se il “lavoro” della calce non sarà completo, è possibile stendere un fondo naturale di preparazione su cui passare una pittura a calce. E nel caso si voglia successivamente cambiare finitura o tinta delle pareti, basterà sovrapporre quella nuova senza rimuovere la precedente, proprio perché questo tipo di materiale non fa strato, ma solidarizza con il suo supporto.

Per chi poi si trovi ancora in fase di ristrutturazione e desideri l’effetto finitura a calce su una o su tutte le pareti di casa, è possibile optare per un intonachino da stendere sull’intonaco (grezzo o fine), colorato in pasta e dalla superficie vibrante e mossa, seppure gradevole al tatto.

 

la calce del brenta intonachino riva

La pittura a calce Vivasan di La Calce del Brenta è completamente naturale. Ideale negli edifici storici, dato che si ottiene da materie prime minerali secondo tradizionali processi di lavorazione, ma perfetta anche in bio-architettura, è adatta sia in interno sia in esterno. Diluita ad acqua, si applica a pennello – si può optare per il rullo solamente in caso di colore bianco – in tre mani e la tinta finale non risulta banale e piatta, ma uniforme seppure vibrante. Dalle ottime capacità di copertura degli strati sottostanti e di adesione, grazie alla regolazione dell’umidità – non crea barriera al suo passaggio, ma ne dinamizza la diffusione attraverso intonaco e muratura – impedisce lo sviluppo della muffa, rendendo le pareti naturali e traspiranti. L’applicazione può avvenire su ogni tipo di sottofondo, fatte salve la loro tenuta, l’eventuale riduzione della sua permeabilità (ad esempio su pitture lavabili) e la necessità di stendere prima un fondo aggrappante (su pitture sintetiche ad elevato contenuto di resina, pannelli di gesso, stucco a gesso, cartongesso). Per anticare una parete esaltandone il colore, si può utilizzare invece l’intonachino Riva (sempre di La Calce del Brenta, nelle foto), perfetto per un risultato superficiale vibrante e morbido al tatto. Da stendere come stabilitura di finitura su intonaco grezzo o fine, sia in interno sia in esterno, può funzionare da base per la pittura Vivasan Velatura, per il classico effetto dilavato. Ed è disponibile nelle numerosissime tinte delle cartelle I Colori e Elementi. www.lacalcedelbrenta.it

  • La pittura a calce Vivasan di La Calce del Brenta è completamente naturale. Ideale negli edifici storici, dato che si ottiene da materie prime minerali secondo tradizionali processi di lavorazione, ma perfetta anche in bio-architettura, è adatta sia in interno sia in esterno. Diluita ad acqua, si applica a pennello – si può optare per il rullo solamente in caso di colore bianco – in tre mani e la tinta finale non risulta banale e piatta, ma uniforme seppure vibrante. Dalle ottime capacità di copertura degli strati sottostanti e di adesione, grazie alla regolazione dell’umidità – non crea barriera al suo passaggio, ma ne dinamizza la diffusione attraverso intonaco e muratura – impedisce lo sviluppo della muffa, rendendo le pareti naturali e traspiranti. L’applicazione può avvenire su ogni tipo di sottofondo, fatte salve la loro tenuta, l’eventuale riduzione della sua permeabilità (ad esempio su pitture lavabili) e la necessità di stendere prima un fondo aggrappante (su pitture sintetiche ad elevato contenuto di resina, pannelli di gesso, stucco a gesso, cartongesso).  Per anticare una parete esaltandone il colore, si può utilizzare invece l’intonachino Riva (sempre di  La Calce del Brenta, nelle foto), perfetto per un risultato superficiale vibrante e morbido al tatto. Da stendere come stabilitura di finitura su intonaco grezzo o fine, sia in interno sia in esterno, può funzionare da base per la pittura Vivasan Velatura, per il classico effetto dilavato. Ed è disponibile nelle numerosissime tinte delle cartelle I Colori e Elementi. www.lacalcedelbrenta.it
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva alba e continuum lampone
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva farro
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva
  • la calce del brenta intonachino riva
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!