Raccordare pavimenti diversi: 10 esempi da copiare

Meglio staccare decisamente o fare in modo che quasi non si noti? Quando si cambiano i rivestimenti a terra, perché si demolisce una parete o si cambia posizione a una porta, resta il problema di come raccordare i pavimenti. Seguiamo l'architetto Clara Bona in 10 diverse case di cui ha curato l'interior decoration.
Architetto Clara Bona
A cura di Architetto Clara Bona, Monica Mattiacci
Pubblicato il 18/11/2020 Aggiornato il 18/11/2020
Raccordare pavimenti diversi: 10 esempi da copiare

Capita spesso che in una casa si demolisca una parete, o più semplicemente, si crei una nuova apertura, per mettere in comunicazione due ambienti che prima erano separati, e che le due stanze abbiano pavimenti diversi. Come si raccordano?

Esistono molte soluzioni, che variano soprattutto a seconda dei materiali da raccordare: meglio staccare decisamente o fare in modo che quasi non si noti? La risposta dipende molto dal fatto che i due pavimenti siano o no della stessa natura, per esempio due diverse graniglie o un parquet e una piastrella. 

10 case con diverse soluzioni di raccordo tra pavimenti  

  • Cementine differenti
  • Corridoio in parquet e ingresso graniglia
  • Graniglie differenti
  • Parquet e piastrelle
  • Graniglia e parquet
  • Raccordo tra pavimento e terrazzo con soglia in marmo
Succede anche che si debba raccordare il pavimento interno di una casa con quello esterno di un terrazzo: il cambio di materiale in questi casi è inevitabile. Qui siamo nel cantiere di una casa al mare, in cui sono state posate delle piastrelle esagonali in gres porcellanato effetto cementine (Marca Corona), che sono delimitate da una soglia in marmo levigata in corrispondenza del passaggio della porta finestra con le piastrelle del terrazzo. Una soluzione semplice ma efficace, che poteva essere realizzata anche in ardesia nera, ma si è preferito scegliere un colore chiaro.
  • Resina graniglia legno
  • Pavimento che cambia
  • Diversi parquet
  • Graniglie e soglie nere

 

Quale raccordo tra cementine di fantasia diversa

Iniziamo con una proposta particolare: un ingresso e un soggiorno in cui sono stati conservati entrambi i pavimenti originali in cementine, con fantasie completamente diverse: geometriche e floreali. Qui prima c’era una parete, ma il nuovo progetto ha cercato di ampliare lo spazio  con la creazione di una grande apertura, che lascia correre la vista ma continua a definire i due spazi.
Il punto di passaggio è stato compensato con una soglia in cemento rasata a mano e poi finita a resina, dipinta di colore nero per staccare completamente dal rosso e dal bianco delle mattonelle vicine. Il nero riprende anche i bordi che si ritrovano in corridoio e che delimitano i “tappeti” di piastrelle.

cementine differenti

 

Una cornice in resina raccorda la vecchia graniglia 

Di frequente nel corso di una ristrutturazione, specie di case d’epoca, capita di trovare sotto ai pavimenti che vengono demoliti altri materiali, anche di pregio, che si può considerare di riportare a nuova vita. In genere, si tratta di marmette originali, che però possono o non corrispondere al nuovo taglio dell’abitazione o essere in parte ammalorate e non recuperabili. In questo appartamento (foto sotto) le piastrelle in graniglia decorata originali sono state ritrovate sotto a una moquette posata successivamente ma non bastavano per rivestire tutta la superficie del locale. Si è quindi deciso di circondarl, per colmare lo spazio mancante, con un riquadro in resina (di Kerakoll), in un colore simile alla base del decoro in graniglia. In questo modo il pavimento originale diventa molto decorativo e crea la sensazione di un tappeto.

cornice in resina intorno alla graniglia

 

Stacco netto tra parquet e graniglia, ma uniformità con le altre stanze 

Nella stessa casa, l’ingresso appena mostrato si apre su un lungo corridoio (foto sotto). Col nuovo progetto sono stati mantenuti in tutte le stanze e nella sala i parquet originali e nell’ingresso la graniglia decorata. Poiché mancava il pavimento del corridoio (quello originale era stato demolito in una ristrutturazione precedente), si doveva scegliere quale nuovo materiale posare. Si è quindi optato per la posa di un nuovo parquet in rovere chiaro a spina, delimitato da una cornice con bindello scuro e un bordo a pettine che arriva alle pareti perimetrali. Questa soluzione stacca completamente dall’ingresso, ma si accompagna molto bene a tutti gli altri ambienti che si aprono su questa anticamera.

corridoio in parquet e ingresso graniglia

 

Raccordare due graniglie differenti

Una situazione “più facile” si verifica quando, sempre in una casa d’epoca, tutti i pavimenti sono in graniglia ma con decori molto differenti. Infatti  il primo pavimento è in graniglia a motivi floreali, mentre quello del corridoio ha un disegno geometrico circondato da una fascia e da un bordo. La scelta è stata quindi di raccordarli con una graniglia neutra, di colore chiaro, che fa da contorno ai due pavimenti e li valorizza entrambi, integrandosi senza creare un particolare stacco con entrambi i decori.  

graniglie differenti

 

Stacco deciso tra parquet e piastrelle

In un bilocale completamente ristrutturato, in cui la cucina è separata dal soggiorno da un semplice muretto alto 110 centimetri che la scherma, il passaggio tra il parquet in rovere posato a correre del living e le piastrelle in gres della cucina che si ispirano alle vecchie cementine (Ceramica Fioranese) è decisamentenetto e risolto – nello spessore del pavimento – con una semplice barra in acciaio a T che separa i due materiali senza che quasi si veda. Uno stacco deciso come questo può essere una soluzione esteticamente valida, basta che ci sia almeno una parete a limitare e definire gli spazi: se non ci fosse il muretto, in questo caso, non sarebbe la stessa cosa, e il passaggio tra i due pavimenti sarebbe troppo netto.

parquet e piastrelle

 

Una fila di piastrelle a contrasto, tra graniglia e parquet 

Nell’ingresso di una casa d’epoca, con due bei pavimenti originali preesistenti in sala e in corridoio: un classico parquet a spina e una graniglia con cornice decorata. I due ambienti in origine non comunicavano con una così grande apertura, la precedente porta è stata ingrandita e sostituita da una grande vetrata di due metri di larghezza, creata per portare luce all’ingresso. Il problema dell’integrazione tra i diversi pavimenti è stato risolto con una fila di piastrelle in graniglia di colore grigio verde: una scelta dettata dal fatto che non si è trovato in produzione il colore uguale alle esistenti e si è preferito quindi scegliere un colore completamente diverso (marca Grandinetti). È stata poi creata anche una fascia di parquet posata a pettine, come raccordo a quello a spina della sala. Nel tempo, con l’ossidazione, il colore del nuovo inserto si uniformerà a quello della sala, anche se al momento si nota ancora la differenza. Di solito già nel giro di un anno non si noterà più nulla.

graniglia e parquet

 

Raccordo con soglia in marmo per interno e esterno

Quando si deve raccordare il pavimento interno di una casa con quello esterno di un terrazzo, il cambio di materiale può essere inevitabile, se per esempio negli interni si conserva una vecchia piastrella e se la nuova non è per in esterni. In questo cantiere di una casa al mare, sono state posate indoor delle piastrelle esagonali (di Corona) in gres porcellanato effetto cementina e come soglia in corrispondenza del passaggio della portafinestra si è scelta una soluzione semplice ma efficace in marmo levigato chiaro. Un’alternativa praticabile sarebbe stata una soglia in ardesia nera.

gres e soglia in marmo

 

Continuità fra cementine di colore diverso ma nello stesso formato

Ecco un’altra idea particolare, pensata quando due pavimenti cambiano di colore e di disegno, ma non si vuole interromperli con una soglia. Qui si è scelta la continuità: il materiale è lo stesso, ovvero cementine marocchine realizzate da una ditta artigianale, ma poi i colori e il disegno cambiano. Per lo schema di posa si è scelto di creare un motivo geometrico floreale nel primo locale (una futura cucina), con piastrelle esagonali rosa cipria, bianche e nere, e di proseguire poi con uno stile più semplice e geometrico nell’antibagno che conduce alla lavanderia nelle tinte grigio, bianco e nero.

pavimento che cambia, cementine diveso colore ma stesso formato

 

Due parquet da raccordare con un altro parquet

In questo caso per collegare un salotto alla sala da pranzo è stata realizzata un’apertura con un grande portale. I due parquet presenti nei due locali, entrambi posati con la tradizionale spina di pesce, sono stati raccordati con una fascia a pettine, che crea un cambio di direzione e confonde un po’ l’occhio su eventuali imperfezioni. Poi entrambi i parquet sono stati  lamati e verniciati con vernice all’acqua opaca per evitare differenze di colore e renderli perfettamente protetti senza snaturarli.

diversi parquet

 

Interruzione con soglia che stacca

In questo appartamento ligure (foto sotto), al mare, i pavimenti sono nuove graniglie (di Grandinetti), ma riprendono esattamente lo stile di quelli originali. Le tinte per la cucina sono il bianca e nero, mentre la sala è invece più colorata e decorata. Si è quindi deciso di staccare in modo deciso i due locali con una soglia nera in tinta unita, un classico di questo stile, sempre in graniglia, per interrompere i diversi disegni realizzati nei due locali e mettere in risalto la separazione, sottolineata anche dalla grande vetrata in legno bianca.  

graniglie e soglie nere

Progetti di interior design e foto: architetto Clara Bona

 

Scegliere le finiture della casa

Se per i pavimenti di pregio si può spesso prevedere un recupero che li riporti all’originaria bellezza, negli altri casi occorre scegliere nuovi materiali da posare: parquet, piastrelle, resina
Per le pareti, si può optare per una semplice tinteggiatura o per soluzioni più decorative, per la carta da parati o – in bagni e cucine – anche per la ceramica. Ecco alcuni approfondimenti utili:

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.4 / 5, basato su 5 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!