Ristrutturare il bagno con i consigli dell’architetto. Terza puntata

Anche senza spostare le pareti, un bagno può cambiare look totalmente e diventare, oltre che più contemporaneo, anche più comodo e rispondente alle esigenze attuali dei proprietari. Come quella di abbandonare la vasca per una doccia grande. Seguiamo virtualmente in cantiere l'architetto Clara Bona, che con le foto dei lavori step by step ci racconta la ristrutturazione del bagno.

Architetto Clara Bona
A cura di Architetto Clara Bona, Monica Mattiacci
Pubblicato il 10/02/2022 Aggiornato il 10/02/2022
bagno bianco nero salvia clara bona

Dopo aver visto come valorizzare il corridoio e trasformare la cucina grazie alla luce, eccoci alla terza puntata della ristrutturazione dell’appartamento della pianta sotto.

planimetria

Qui, ci concentriamo sui passaggi della ristrutturazione del bagno. Un argomento di grande interesse, perché quasi sempre quando si compra una casa il bagno è da rifare. Succede anche quando ci si vive da tanto tempo: all’improvviso arriva il momento in cui il bagno non piace più esteticamente o inizia ad avere problemi tecnici. 

Tempi da considerare per la ristrutturazione del bagno

Rifare il bagno è un lavoro che non va assolutamente sottovalutato, perché richiede soprattutto tempo. Per esempio, se si rifanno anche gli impianti e si cambia la  posizioni dei sanitari, può richiedere anche un mese di lavori e manovalanze molto competenti. 

Il bagno prima dei lavori

  • bagno prima dei lavori, il lavabo e e vecchie piastrelle datate
  • bagno prima dei lavori con le vecchie piastrelle datate e il water nella zona che poi diventerà la doccia
  • bagno prima dei lavori con le vecchie piastrelle datate e la vasca che verrà eliminata

In questo bagno le piastrelle erano ancora in buono stato ma molto datate, ormai passate di moda, ma era soprattutto la disposizione dei sanitari a non essere ottimale. La vasca non veniva mai usata, e la padrona di casa desiderava avere una grande doccia, meglio se con una panchetta per sedersi o appoggiare i prodotti. 
Voleva poi un lavabo con un armadietto che potesse contenere tutto quello che non si vuole vedere a vista e qualche elemento decorativo per rendere bello e piacevole l’ambiente, un posto in cui potersi rilassare. 

Quindi, anche se non sono state spostate le pareti, tutto è stato cambiato. 

 

Demolizioni bagno e posa impianti bagno

La prima fase di cantiere è sempre quella delle demolizioni: dopo aver rimosso i sanitari e le piastrelle sono stati fatti i nuovi impianti, e solo dopo averli finiti tutto il bagno è stato rasato  per preparare pavimenti e pareti alla posa delle piastrelle.

  • demolizione bagno
  • scasso per gli impianti bagno
  • realizzazione degli impianti del bagno
  • rasature prima della posa piastrelle

Per sfruttare l’angolo irregolare e avere più spazio possibile da dedicare alla doccia, si è pensato di collocarla lì.

posa del piatto doccia

La prima cosa che deve arrivare in cantiere sono i corpi da incasso che vanno murati: il piatto doccia, la parte interna della cassetta del WC e quella dei miscelatori della doccia e dei rubinetti a parete. Tutta questa fase, che è la più lunga, non è particolarmente  interessante da seguire per chi ama vedere lo stile finale, ma è la parte più importante nella ristrutturazione. 

Dopo aver rasato le pareti e posizionato il piatto doccia è stata costruita la panca nell’angolo dentro la doccia, poi impermeabilizzata prima della posa delle piastrelle.

realizzazione della panca nella doccia

Realizzazione di una piccola panca in muratura all’interno della doccia

 

Quali finiture scegliere

Ovviamente prima che inizi il cantiere bisogna aver definito il progetto in tutte le sue parti, avere preso tutte le decisioni relative e soprattutto avere inviato le richieste d’ordine di piastrelle, sanitari, rubinetti, lavabo e doccia, per evitare che il cantiere si fermi per ritardi nelle consegne.

Le prime cose da scegliere sono i sanitari e rubinetti, ma soprattutto le piastrelle di pavimenti e pareti, gli elementi che più di tutti gli altri determineranno lo stile e il decor di tutto l’ambiente.

Piastrelle: base neutra che non stanca e si trasforma con accessori e pitture

Per arrivare alla soluzione definitiva di questo bagno abbiamo visionato tantissime proposte, ma poi siamo tornati alla prima considerata, come spesso succede. 

Una base neutra è la scelta migliore per non legarsi in futuro.

inizio della posa del pavimento del bagno

Per il pavimento, di cui nella foto sopra si vede l’inizio della posa, si è optato per una semplice piastrella da 20×20 centimetri, che però ha un decor geometrico in  bianco e nero che lo fa sembrare di formato micro.

piastrelle pavimento bianche e nere con piccolo disegno geometrico che le fa sembrare di formato micro

Per le pareti è invece stata fatta una scelta classica e intramontabile: le piastrelle diamantate rettangolari bianche lucide, con posa sfalsata e bordate da una piccola matita in ceramica nera.

rivestimento della panca
Le pareti sono state rivestite fino a 120 centimetri di altezza, tranne che nella doccia, dove si è saliti fino a 220 centimetri.

posa delle piastrelle parete

Con rivestimento di questo tipo, basta poi giocare con i colori delle pitture per le pareti pareti e con gli accessori per trasformare il bagno – come si desidera – in versione femminile, maschile, decor… cambiandolo anche più facilmente nel tempo.

A parete, pittura verde salvia sopra le piastrelle 

Le pareti – là dove non rivestite da piastrelle – sono state tinteggiate in una tonalità sobria e tenue di verde salvia.

Mobile su misura anche per il sottofinestra

Finita la tinteggiatura si è iniziato a montare gli arredi fatti realizzare su misura dal mobiliere.

Il mobile per il lavabo ha un piano in HPL stratificato, che è un laminato molto resistente e che non si rovina. Le ante sono invece laccate bianche opaco.

Il vano sottofinestra è stato sfruttato con un armadietto su misura in cui riporre prodotti e asciugamani. 

montaggio mobile lavabo

 

Montaggio lampade e specchi

Dopo i mobili è toccato a luci e specchio. La lampada a sospensione in vetro al centro del bagno e anche lo specchio non sono nuovi. Quest’ultimo era in un’altra stanza e di un altro colore; dopo un tocco di restyling, è stato appeso sopra al lavandino: un nuovo smalto ha cambiato la tinta della cornice, da marrone a nero. Dà grande soddisfazione non buttare vecchi oggetti e recuperarli, cambiandogli colore e posizione nella casa!

  • prova montaggio lampada
  • specchio bagno prima del cambio colore
  • prova specchio bagno

 

Il bagno è finito!

Ed ecco qualche scatto del bagno finito, invaso dalle piante che sono una grande passione della padrona di casa e trovano spazio ovunque. Tra l’altro in bagno sono molto consigliate, perché l’ambiente umido le fa crescere rigogliose. 

bagno bianco e nero con lavabo e con piante verdi

L’angolo doccia è stato schermato da un vetro fisso, senza l’anta di chiusura nella parte davanti, perché il box è abbastanza grande perché non si creino schizzi di acqua all’esterno.

bagno bianco e nero con doccia aperta

Sulle finestre verranno montate delle semplici tende in lino a pacchetto. E qualche quadro stato appeso anche qui. Come quello centrato sopra il bidet e il portasciugamani.

bagno con piastrelle diamantate bianche, pittura verde salvia,  bidet, portasciugamani e quadretto centrato sopra

 

Ristrutturare il bagno, alcuni progetti di Clara Bona

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.37 / 5, basato su 19 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!