Dipingere un mobile per cambiare look alla stanza

Da tinta legno a bianco, ma non solo: ecco come dipingere un mobile trasformando totalmente l'ambiente.
Architetto Clara Bona
A cura di Architetto Clara Bona, Monica Mattiacci
Pubblicato il 09/10/2020 Aggiornato il 23/02/2021
Dipingere un mobile per cambiare look alla stanza

È un problema che capita di frequente quello di avere un vecchio mobile dall’aria troppo “pesante” per l’ambiente; per la forma piace ancora, ma la finitura lo rende troppo vecchio. Sarebbe insomma da alleggerire, schiarire, rivitalizzare.

Spesso molte persone decidono di eliminare un armadio o delle sedie, che invece potrebbero tornare come nuove o essere completamente trasformate grazie a un intervento di pittura, perché temono che la nuova verniciatura risulti troppo delicata, ma se l’intervento viene eseguito da un imbianchino professionista, con tutti i necessari passaggi di un corretto procedimento, il risultato può essere perfetto.

La preparazione è sempre la fase più importante, che non va assolutamente trascurata. E poi è fondamentale l’utilizzo di materiali di alta qualità. Di solito si usa lo smalto, meglio se ad acqua. Le finiture tra cui scegliere sono principalmente 3: opaco, satinato e lucido.

La versione satinata è la più adatta ai mobili ed è anche la meno delicata. Per i colori invece non c’è che l’imbarazzo della scelta. Sicuramente tra i più gettonati ci sono il bianco, il grigio chiaro e il tortora. Ma ultimamente sono molto di tendenza anche i toni scuri, dal grigio antracite al blu notte (certo più impegnativi, e più delicati).

Nelle camere dei bambini o in alcuni tipi di case ci si può sbizzarrire con toni pastello o colori forti, ma il consiglio di solito verte sulle tonalità neutre, che sono molto adatte soprattutto ai mobili tipo armadi e librerie.

Usare vernici per legno o prodotti specifici per il tipo di superficie (legno, metallo… )

In linea di massima tutte le aziende di pitture e vernici producono una gamma di smalti appositi per ogni tipo di superficie da dipingere, in particolare legno e metallo.

Tra le più note c’è sicuramente Sikkens, che ha smalti ad acqua molto resistenti in una gamma di colori davvero ampia. Altro marchio specializzato nelle pitture dei mobili è Farrow & Ball: essendo inglese ha una lunga tradizione, perché in Inghilterra tutti dipingono boiserie, caminetti, scale, ringhiere… In particolare la loro finitura “Eggshell” ha una mano molto speciale, quasi vellutata, ma anche la “Emulsion” , che crea una bellissima patina, tra l’altro sono tutte declinabili nella stessa tinta sia per le pareti che per i mobili. Da segnalare anche Caparol, soprattutto per i fondi, sui quali sono davvero molto forti: un buon prodotto per la preparazione pre pittura è la carta vincente per un risultato sicuro.

Far verniciare i mobili a un imbianchino specializzato 

Per un buon risultato è sempre meglio affidarsi a un imbianchino specializzato e lasciare il fai da te ai più esperti. Il lavoro, per un mobile in legno, si sviluppa in tre passaggi.

1.    Carteggiatura. Ecco la prima mossa: il mobile va carteggiato molto bene per rimuovere completamente la vernicetta protettiva. Si utilizza una carta vetrata di grana molto fine, per evitare graffiature alla superficie.

2.    Mano di fondo. Quando la superficie è perfettamente preparata si passa a dare una doppia mano di fondo. Di solito si utilizza una cementite all’acqua. Tra le due mani si deve lasciare passare il tempo per una perfetta asciugatura.

3.    Smalto.  Quando anche la seconda mano è asciutta si può procedere con lo smalto, sempre all’acqua. Per una maggior protezione e resistenza all’usura si utilizza uno smalto poliuretanico antigraffio.  Bisogna anche fare attenzione ai nodi del legno, soprattutto se è “giovane”, perché potrebbero far uscire delle macchie gialle. In questo caso si deve dare prima un prodotto antimacchia.  Se invece è vecchio, meglio controllare che non ci siano tarli: anche qui altrimenti si deve procedere prima a un trattamento specifico antitarlo.

 

Verniciatura di un mobile, foto prima e dopo

Una piccola credenza in legno, dipinta di grigio perla satinato: molto meno vistosa, nella versione chiara diventa più contemporanea e adatta a un ambiente piccolo.

  • Piccola credenza prima
  • Piccola credenza in legno, dipinta di grigio perla satinato. Molto meno vistosa, nella versione chiara diventa più contemporanea e adatta a un ambiente piccolo.

 

Armadio con tappezzeria: in questo caso, un armadio rivestito con carta da parati i profili rossi sono stati dipinti di bianco: l’effetto finale è completamente cambiato. Così anche il vano centrale con mensole.

  • Armadio con tappezzeria e profili rossi, prima
  • Armadio con tappezzeria. In questo armadio rivestito con carta da parati sono stati dipinti solo i profili: da rossi a bianchi, l’effetto finale è completamente cambiato. Così anche il vano centrale con mensole.

 

Mobile-parete boiserie: una lunga parete boiserie in legno di noce, che correva in origine lungo un corridoio, diventa una libreria che fa da sfondo a una sala da pranzo. Grazie alla pittura di un colore bianco stucco, tendente al grigio chiaro, è diventata luminosa e attuale.

  • Parete boiserie prima
  • Parete boiseire dopo

Varie fasi della trasformazione della grande parete attrezzata da tinta noce a bianco

  • Parete boiserie prima
  • Parete boiserie libreria prima
  • Boiserie, work in progress
  • Parete boiserie mano di fondo
  • Parete boiseire dopo
  • Parete boiserie libreria dopo

 

Armadio in legno a doppia anta. Ecco il tipico armadio di un guardaroba che è stato trasformato nella camera di un bimbo. Da legno a bianco, è diventato quasi una parete che non si nota, mentre prima era molto incombente.

  • Armadio doppia anta legno prima
  • Armadio in legno, con mano di fondo, prima della verniciatura in bianco

 

Ante cucina: anche solo i  frontali di un mobile possono rinnovarsi grazie a un nuovo colore. Ecco un esempio molto strong: da rosso a azzurro polvere, una versione più soft e subito molto più elegante.

  • Cucina prima
  • Cucina dopo

 

 

Armadio da bicolor a una sola tinta: in questa camera, due armadi differenti per stile e profili erano stati sovrapposti. È bastato dipingere tutto di bianco per ottenere un risultato sobrio e uniforme, che azzera visivamente tutte le diversità.

  • Armadio bicolor prima
  • Armadio bicolor dopo

Progetti di interior design e foto: architetto Clara Bona

 

Rinnovare vecchio mobile con gli smalti

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.75 / 5, basato su 12 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!