Come arredare la parete dietro al divano? 10 case da copiare

Cosa mettere sulla parete dietro al divano? Una tappezzeria? O semplicemente quadri o specchi? O un vero e proprio mobile, una libreria per esempio?
Architetto Clara Bona
A cura di Architetto Clara Bona
Pubblicato il 15/09/2020 Aggiornato il 15/09/2020
Come arredare la parete dietro al divano? 10 case da copiare

Nel soggiorno, la parete dietro al divano è sicuramente quella a cui si dedicano più attenzioni: deve essere di grande effetto e attrarre lo sguardo di chi entra.

Si può scegliere di dipingerla, di rivestirla con carta da parati, di appendere un quadro o più quadri, oppure uno specchio… Si può poi completare l’ambiente con una bella lampada, una pianta, dei tavolini. Ovviamente anche la scelta del divano è di fondamentale importanza per il risultato finale, ma concentriamoci ora proprio sulla parete.

Le soluzioni sono infinite, quindi vediamo insieme qualche esempio a cui ispirarsi. Abbiamo selezionato 10 proposte molto diverse tra loro, ognuna con un suo stile ben definito e un elemento principale a cui ricondursi.

Abbinamenti da copiare: divano + parete

  • Il divano e la libreria
  • Il divano e la carta da parati
  • Il divano e la composizione di quadri
  • Il divano e il grande specchio
  • Il divano e la boiserie
  • Il divano e la quinta scura
  • Il divano e i colori chiari
  • Il divano la scultura e finte finestre
  • Il divano su parete colore neutra
  • Il divano e il grande quadro

Libreria, con almeno 50 cm davanti, per il passaggio

Una libreria che riveste tutta la parete e fa da sfondo al divano: è sempre una soluzione molto scenografica. Infatti non esiste niente di più bello di una parete piena di volumi, per aggiungere calore e personalizzare la casa, perché i libri dicono molto delle persone che li scelgono. Il divano (nella foto modello Febo di Max Alto) può essere posizionato davanti alla libreria (il classico sistema componibile in alluminio di De Padova), lasciando un passaggio dietro di almeno 50 centimetri. Il colore dell’imbottito, scelto in un particolare tono viola melanzana, con cuscini in nuance, determina un forte contrasto e diventa protagonista dello spazio. Il muro invece è stato dipinto in un sobrio color tortora.

Il divano e la libreria

 

Carta da parati a contrasto

Ecco una scelta di grande effetto, soprattutto se si sceglie una tappezzeria come questa, molto importante, che punta sul contrasto tra il fondo nero e i motivi botanici nei colori dell’oro. Ovviamente si può sceglierne anche una più semplice, con dei colori e dei disegni più lievi e meno invasivi: questa (di Cole and Son) esiste anche in tantissime varianti, e a seconda del colore il suo effetto cambia completamente. Anche la parete laterale è rivestita con una carta, a motivi geometrici e più sobria, che si accompagna bene al resto dei colori.

Tornando alla parete dietro al divano rivestita in carta da parati, il consiglio è di creare una composizione simmetrica. Inoltre meglio scegliere colori a contrasto, che staccano completamente. Qui completano l’ambiente un mobile sideboard vintage e tanti dettagli coloro oro, come la lampada a parete e i tavolini.

Il divano e la carta da parati

 

Composizione asimmetrica di quadri e ritagli di tappezzeria

È un’idea che funziona sempre: un quadro grande, abbinato a qualche quadro più piccolo, da comporre in una composizione asimmetrica ma bilanciata, che sembra casuale ma che invece non lo è. In questo progetto di interior i colori del tessile, soprattutto dei cuscini, sono stati scelti per abbinarsi a quelli dei quadri e creare un insieme mosso ma con un suo equilibrio. Al posto di alcuni quadri sono stati utilizzati dei campioni di carta da parati: anche qui l’importante è farsi guidare dalla fantasia e trovare idee insolite fa parte del gioco. Davanti al divano, invece di un tavolino, c’è un pouf in feltro.

Il divano e la composizione di quadri

 

Una fascia dipinta come una boiserie

Quando non si vuole dipingere tutta la parete si può scegliere di usare il colore solo per creare una fascia alta circa 100/120 centimetri che corre lungo la parete dietro al divano. In questo caso si è scelto di terminare la zoccolatura, dipinta di un azzurro intenso, con una serie di righine che bordano la boiserie e creano una quinta ancora più decorata.
Sopra, quattro specchi con cornici dorate sono montati in una composizione perfettamente simmetrica, mentre la lampada a sospensione invece è decentrata sul tavolino a lato del divano (un vecchio letto con le sponde in paglia recuperato). Il materasso è stato rivestito con tessuti e cuscini nuovi che lo trasformano in un divanetto.

Il divano e la boiserie

Una quinta scura come sfondo

Un effetto di grande impatto è avere una quinta verticale dipinta in un colore scuro: qui è in un tono tra il melanzana e il marrone cioccolato, perfetto per far risaltare il quadro con sfondo giallo, illuminato da un applique bronzo di Viabizzuno. A lato della quinta ci sono due porte scorrevoli (in foto non visibili) color tortora. Il divano è un day-bed senza schienale. Ecco una composizione perfettamente simmetrica, che sembra quasi una quinta teatrale.

Il divano e la quinta scura

 

Tono su tono, atmosfera soft

Una parete bianca, con al centro un quadro sempre sui toni del bianco. Un soppalco con travi in legno anche loro dipinte di bianco. Per questo living si voleva creare un effetto soft, rilassante, senza punte di colore. Anche il divano in pelle scura è stato “alleggerito” con tanti cuscini rivestiti con tessuti botanici nei toni del bianco e del verde, che si completano con una grande pianta. La sensazione finale è di un ambiente chiaro, luminoso, neutro, in cui nessun elemento prende il sopravvento ma tutto si bilancia. In primo piano c’è la sedia dondolo degli Eames.

Il divano e i colori chiari

 

Scultura e specchi che simulano aperture

Un soggiorno molto particolare: siamo in una ex scuderia con soffitti altissimi e colonne in pietra. Il divano in velluto blu notte è posizonato su una parete laterale, che è stata arredata in modo insolito. Al centro c’è infatti una scultura che “esce” dalla parete: sicuramente un elemento che si fa notare. Lateralmente sono stati creati due specchi in ferro a riquadri che simulano due finestre: siamo al piano terra e grazie a questa idea la luce delle due finestre di fronte si riflette negli specchi e tutta la sala diventa automaticamente più luminosa.

Il divano la scultura e finte finestre

 

Parete neutra, cuscini e tappeto colorati

Un colore grigio molto neutro, con due aperture laterali in ferro, fa da sfondo al divano in pelle (un grande classico del design, il modello Charles disegnato da Citterio per B&B). Per aggiungere una nota di personalizzazione a questo insieme si è giocato sui cuscini in feltro e tessuto nei toni del viola, che si abbinano molto bene al tappeto in lana nei toni che vanno dal rosa al bordeaux. Stesso colore per la  lampada da terra Jeldè: una luce da terra molto particolare, con tanti snodi, dal sapore  vintage. Aggiunge infine un tocco di design il tavolino ovale (degli Eames prodotto da Vitra), con vasi di vetro e libri.

Il divano su parete colore neutra

 

Un grande quadro sopra il divano…

Si sa, appendere un quadro sulla parete dietro al divano è un classico che tutti conoscono, ma l’importante è che sia di dimensioni adeguate per sortire un bell’effetto e “risolvere” da solo l’ambiente. Qui  l’imbottito è chiaro e con linee molto pulite ed essenziali, mentre la tela di misura importante gioca sui toni dell’azzurro. Una bella pianta e una lampada da terra (la Tolomeo), già bastano a comporre una situazione di sala completa e personalizzata. La scelta di due poltroncine in paglia rende ancora più fresco l’interior.

Il divano e il grande quadro

 

… o un grande specchio

Un grande specchio aggiunge sempre profondità all’ambiente, è un trucco che funziona sempre, soprattutto se la parete è dipinta in un colore intenso. E se la cornice è scura ed essenziale lo fa risaltare ancora di più. In questa sala la parete è di un verde pieno ma riposante (si è scelto il colore preferito della padrona di casa). Lo specchio fa sembrare lo spazio più grande e fluido e riflette la parete libreria che si trova sulla parete di fronte. In questo caso il soggiorno è ampio, ma quando lo spazio è contenuto diventa davvero risolutivo. 

Il divano e il grande specchio

 

Progetti di interior design e foto: architetto Clara Bona

 

Interior design: i consigli degli architetti

Alcune pareti della casa sono particolarmente difficili da arredare veramente bene; il rischio è di lasciarle un po’ banali. Ecco allora una serie di articoli con consigli d’arredo e gli abbinamenti giusti:

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 1.67 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!