Portoni per box e garage

I portoni per box e garage sono realizzati in un'ampia gamma di disegni, finiture e colorazioni diverse, per meglio adattarsi all'architettura del box auto su cui devono essere installati.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 21/06/2013 Aggiornato il 21/06/2013
Portoni per box e garage
Style di Ditec

I portoni per garage coniugano, nei modelli più recenti, funzionalità, sicurezza e armonia estetica con qualsiasi contesto architettonico. Devono essere scelti a seconda dello spazio disponibile e del tipo di apertura. Conta anche il materiale con cui sono fatti (in genere sono in acciaio e legno, in acciaio zincato o in alluminio) che va valutato anche secondo la posizione del box (al chiuso o all’aperto). E poi in base al gusto e ai costi. Oltre al rivestimento, è possibile inoltre decidere anche la dotazione del portone: eventuali porta pedonale mimetizzata, griglie di aerazione tipo persiana, finestre. Esteticamente paragonabili a portoncini d’ingresso, le chiusure per box e garage hanno oggi molte caratteristiche performanti che possono soddisfare esigenze diverse: dalla tenuta termica (possibile attraverso il coibentato, un raccordo che separa termicamente profilo del serramento e struttura muraria) a quella antieffrazione, fino all’isolamento acustico. I dispositivi sono alloggiati all’interno del pannello o dei profili, restando perfettamente mimetizzati. L’illuminazione e l’aerazione del box, per esempio, sono ottenute per mezzo di specifici profili intermedi in alluminio, inseriti in due punti della chiusura, che permettono di avere aria e luce anche quando la porta del garage è chiusa. Oppure attraverso finestrelle in vetro posizionabili sull’anta o sul sopraluce.

I modelli sono 5

La tipologia di serramento va scelta tenendo conto dello spazio disponibile: devono essere consentite, infatti, manovre agevoli e sicure sia con l’autovettura sia a piedi.

Basculante - È un’anta unica che si solleva e si muove grazie a montanti guida laterali, fissati ai lati del vano porta, all’interno del box. Ad apertura totale, rimane parallela al soffitto a distanza di qualche centimetro. Molti modelli sono dotati di guarnizioni perimetrali salvadita tra porta e telaio.

Basculante – È un’anta unica che si solleva e si muove grazie a montanti guida laterali, fissati ai lati del vano porta, all’interno del box. Ad apertura totale, rimane parallela al soffitto a distanza di qualche centimetro. Molti modelli sono dotati di guarnizioni perimetrali salvadita tra porta e telaio.

 

Avvolgibile - Il pannello composto da profili orizzontali agganciati tra loro si avvolge intorno a un rullo, integrato nel meccanismo stesso dell’apertura, posto sul bordo superiore del vano porta. Guide sagomate vengono invece fissate ai lati di questo.

Avvolgibile – Il pannello composto da profili orizzontali agganciati tra loro si avvolge intorno a un rullo, integrato nel meccanismo stesso dell’apertura, posto sul bordo superiore del vano porta. Guide sagomate vengono invece fissate ai lati di questo.

 

Sezionale - Anche in questo caso il portone ha apertura verticale ma, grazie ad apposite guide laterali scorre verso l’alto, disponendosi lungo il soffitto, senza avvolgersi su se stesso.

Sezionale – Anche in questo caso il portone ha apertura verticale ma, grazie ad apposite guide laterali scorre verso l’alto, disponendosi lungo il soffitto, senza avvolgersi su se stesso.

 

Scorrevole - Il portone si apre lateralmente scorrendo, all’interno del box, a ridosso di una parete. Per agevolare il movimento, a terra e a soffitto, devono essere installate guide che accolgono i profili dell’anta.

Scorrevole – Il portone si apre lateralmente scorrendo, all’interno del box, a ridosso di una parete. Per agevolare il movimento, a terra e a soffitto, devono essere installate guide che accolgono i profili dell’anta.

 

A battente - È la tipologia tradizionale di chiusura per box, molto utilizzata in passato. Composta da due ante che si aprono verso l’esterno, necessita di spazio davanti al vano. Caratterizzata da apertura manuale,oggi esiste anche in versione motorizzata.

A battente – È la tipologia tradizionale di chiusura per box, molto utilizzata in passato. Composta da due ante che si aprono verso l’esterno, necessita di spazio davanti al vano. Caratterizzata da apertura manuale,oggi esiste anche in versione motorizzata.

Perché sono sicuri

Tutti i portoni per garage oggi in commercio esibiscono la marchiatura CE e fanno riferimento alla norma di prodotto UNI EN 13241-1 che le dichiara sicure. Una garanzia in più per il consumatore può essere il marchio di qualità rilasciato da un ente certificatore terzo. Alcune aziende forniscono anche una garanzia sui componenti meccanici o elettronici del portone. L’accesso a persone e veicoli è inoltre reso sicuro grazie a particolari optional disponibili in commercio, che controllano la corsa dell’anta in ogni punto e, in caso di ostacoli, la fermano e ne invertono il movimento.

Resistenti all’effrazione

La protezione dai tentativi di intrusione è invece assicurata da serrature laterali, cassette di rinforzo e profili all’interno dei pannelli. Alcune aziende produttrici, inoltre, sottopongono le porte a severi test relativi alla resistenza allo scasso per sfondamento o per aggancio e trazione verso l’esterno, e alla prova di resistenza sotto carico statico o dinamico.

  • Wooden Jewels della collezione Le Perle, griffata Breda, abbina la tecnologia e l’affidabilità con la suggestione estetica e lo straordinario calore del legno, proposto nelle versioni legno anticato, legno con inserti di murrina, composito di legno effetto legno, composito di legno grigio scuro, antracite, blu, metalizzato, ossidato, sughero rosso, marrone e verde. www.bredasys.com
  • Tap Garage è il sistema di chiusura a serranda avvolgibile di Croci per garage e negozi. È disponibile a soffitto, a cassonetto e a bandiera, e può essere facilmente inserito in qualsiasi contesto murario. È dotato di profili intermedi in alluminio estruso, in tinta, per consentire l'illuminazione e l'aerazione dei locali. www.croci.com
  • La porta sezionale residenziale Style di Ditec unisce tecnologia ed estetica. La configurazione tecnologica avanzata prevede non solo l’apertura e chiusura a distanza, ma anche la programmabilità a tempo, e lo sblocco manuale d’emergenza. I pannelli da 42 mm di spessore la rendono robusta e perfettamente isolante. www.ditecentrematic.it
  • Il portone sezionale laterale HST, prodotto da Hörmann, con un’altezza architrave necessaria di soli 95 millimetri, costituisce una possibile soluzione anche per i garage con architrave ridotto. Il portone sezionale laterale presenta pannelli verticali. La guida non viene incassata nel pavimento, bensì solo appoggiata, semplificando il montaggio, pulizzia e manutenzione. www.hormann.it
  • Overlap di Silvelox è una porta sezionale, che non necessita delle guide a soffitto, dimezza l’ingombro interno e ottimizza la luce di passaggio, sia in altezza che in larghezza. Ad anta aperta, l’altezza di passaggio è di soli 180 mm inferiore rispetto all’altezza del soffitto. Ideale per garage poco profondi o aperture a filo strada. È disponibile in un’ampia gamma di modelli, dai tradizionali disegni verticali, alle ricercate combinazioni di disegni geometrici e giochi di venatura del legno. Il modello BOX in Multi-ecowood laccato RAL 6005, parte da un prezzo di 3.800 euro; iva, trasporto e installazione esclusi. www.silvelox.it
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!