Porte scorrevoli e speciali aperture salvaspazio

Salvaspazio per vocazione, le porte scorrevoli sono adatte per tutti gli ambienti, non più solo per i locali di servizio come un tempo, perché gli attuali modelli hanno un design raffinato. Ma ci sono anche altre aperture speciali a ingombro ridotto.
Giovanna Strino
A cura di Giovanna Strino, Giorgio Giorgetti
Pubblicato il 07/10/2018 Aggiornato il 07/10/2018
porte scorrevoli RIMADESIO
Stripe di Rimadesio

Si sa che le porte scorrevoli sono la soluzione per i problemi di spazio. Permettono di aggiungere un serramento quando sembra impossibile avere una porta; liberano le pareti semplificando l’appoggio dei mobili. In pratica, risolvono la pianta di una casa, o di una porzione, favorendo un’organizzazione dello spazio pratica, agevole e su misura. Ma questo era già noto. I punti di forza delle porte scorrevoli oggi sono il design delle ante e, nei modelli a scomparsa, la tecnologia e le performance dei controtelai.

Porte scorrevoli: quelle interno muro (a scomparsa)

Praticamente a zero ingombro, le porte scorrevoli,  dette anche “pocket door” scompaiono all’interno della parete quando vengono aperte. Progettate come soluzione salvaspazio per ambienti piccoli e passaggi ridotti, per i quali restano preziosissime e indispensabili perché permettono di ricavare un locale con porta anche dove i centimetri sono proprio al limite, oggi vedono ampliate le loro applicazioni. Merito anche dei sempre più sofisticati accorgimenti tecnici che permettono di superare non pochi ostacoli impiantistici, ostici fino a poco tempo fa. Richiedono l’installazione di un controtelaio incassato nel muro, che accoglie l’anta quando trasla in orizzontale.

anta scompare nel controtelaio metallico Syntesis® Collection Luce di Eclisse

L’anta scompare nel controtelaio metallico Syntesis® Collection Luce di Eclisse che è predisposto per il cablaggio (fino a 10 punti luce). www.eclisse.it

Porte scorrevoli interno muro: anche curve

Quando si pensa alle porte scorrevoli, si pensa alle ante che scorrono in senso longitudinale e dritte. Invece esistono controtelai sagomati per avere una scorrevole a scomparsa anche se la parete è curva. Certamente richiedono un’anta perfettamente adattata al raggio di curvatura del controtelaio: quelli standard disponibili sono da 100-120-150-170-200 cm.

porta Trésor con controtelaio Gold Orbitale di Scrigno e pareti curve

Si adatta a pareti curve con raggio da 100 a 200 cm la porta Trésor con controtelaio Gold Orbitale di Scrigno. www.scrigno.it

 

Porte scorrevoli interno muro: il controtelaio è indispensabile

Per avere una porta scorrevole a scomparsa serve sostituire una porzione di muro con un elemento scatolare metallico (o costruire un muro cavo all’interno per il vano dedicato a questo). L’elemento viene poi rifinito esattamente come una parete. Poiché i divisori interni di una casa possono essere realizzati in muratura (laterizi forati) oppure in cartongesso, esistono due tipi di controtelai corrispondenti a una e all’altro. Al momento dell’acquisto di una o più porte scorrevoli e quindi del controtelaio va sempre specificato il materiale della parete. È fondamentale, anche perché cambia persino lo spessore del muro finito: nel primo caso da 9 a 14,5 cm, nel secondo circa 10/12,5 cm. Innumerevoli gli aspetti positivi in generale, con controtelai sempre più evoluti: oggi ne esistono anche predisposti per il cablaggio elettrico, così da poter avere un normale interruttore sulla stessa parete dove si inserisce la porta, e sagomati ai lati per ospitare le tubazioni idriche. Va considerata un’installazione impegnativa, considerati il costo del controtelaio e le opere murarie necessarie. Occorre prestare attenzione ad appendere qualcosa, affinché chiodi e viti non affondino troppo nella parete.

Controtelaio per porte senza cornici Essential di Scrigno

Controtelaio per porte senza cornici Essential di Scrigno. www.scrigno.it

Porte scorrevoli interno muro: 2 problemi comune risolti

  1. Per pareti non abbastanza lunghe da poter accogliere un’intera porta a scomparsa, particolari controtelai ospitano soltanto una sezione dell’anta, mentre l’altra si apre a battente. Questa soluzione è applicabile su tramezzi di mattoni forati con spessore di almeno 8 cm.
  2. Se serve più di un’anta: le porte scorrevoli possono essere anche a due anta, che di solito si aprono simultaneamente spingendo l’una o l’altra (“porta ad ante speculari”). Per ottenere questo effetto occorre montare un carrello apposito, che garantisce la simultaneità d’apertura. Se non ci sono due intere pareti laterali in cui inserire le ante, l’alternativa è quella che permette a due pannelli paralleli di scorrere nel medesimo vano (controtelaio). Esistono poi anche porte scorrevoli triple o addirittura quadruple, con misure dell’ordine di 120 – 470 cm. Di solito hanno il vincolo di non essere adatte ad ante in vetro.

Porte scorrevoli: quelle esterno muro

Dette porte hardware, sono formate da una o più ante che scorrono parallele a una o a due pareti e ad esse si sovrappongono, restando a vista. Molto scenografici sono poi quei sistemi compositi nei quali il muro è “sostituito” da un altro pannello che resta fisso: l’anta mobile si sovrappone a questo, creando effetti di grande suggestione. Tutte le porte scorrevoli esterno muro sono agganciate a un binario, all’interno del quale avviene il loro movimento. A sua volta, questo è inserito in una guida fissata a soffitto o a parete, a incasso totale o a sospensione. Il binario, fornito con le ante, è di solito in alluminio anodizzato, rifinito secondo l’estetica delle ante.

Vantaggi e vincoli

Non richiedono opere murarie e il meccanismo di scorrimento può essere rimosso. Bello il risultato estetico offerto  dai sistemi che combinano pannelli fissi e mobili.

pannelli scorrevoli sistema Rimadesio Stripe con binario esclusivo

Il sistema Stripe di Rimadesio (design Giuseppe Bavuso) è composto da pannelli scorrevoli realizzabili su misura e con binario esclusivo, connotati dal disegno dei traversi in alluminio presenti su entrambe le facce. (www.rimadesio.it)

 

Porte scorrevoli esterno muro: senza binario

Fra le tante versioni delle porte scorrevoli esterno muro c’è quella “zero”. Si tratta di un pannello che scorre sulla parete, senza che se ne veda il meccanismo. Cerniere, binari e mantovane sono nascoste: l’anta è più ampia dell’apertura e tutti i meccanismi (binario compreso) sono montati dietro.

porte scorrevoli flessya zero

porta Zero di Flessya con meccanismi e cerniere nascosti dall’anta

La porta Zero di Flessya ha meccanismi e cerniere nascosti dall’anta, qui in versione rovere nella misura 60 x1 20 cm. www.flessya.com

 

Non solo porte scorrevoli: porte salvaspazio con aperture speciali

A libro

Lanta è formata da sezioni verticali (due) che si piegano e si “impacchettano” scorrendo lateralmente. Verso l’interno o all’esterno della stanza, secondo i tipi (che rispondono così alle diverse esigenze di spazio). Dove gli ambienti e i passaggi sono stretti al punto da non consentire un battente e la parete non è abbastanza lunga per una a scomparsa (o si desidera contenere la spesa e velocizzare i tempi della posa), la porta a libro è un’ottima soluzione che  coniuga performance ed estetica. Oggi sono più belle che in passato e non stonano nemmeno in ambienti curati. Hanno sostituito i modelli a soffietto, realizzati con materiali leggeri, esteticamente poco attraenti e molto connotati per ambienti di servizio. Offrono la medesima soluzione salvaspazio ma con più stile. Si distinguono dalle ante a battente e da quelle scorrevoli per la presenza del giunto verticale visibile al centro.

 Vantaggi e vincoli 

Sfruttano bene lo spazio senza richiedere lavori invasivi per l’installazione: il telaio è standard, a eccezione del traverso superiore che contiene la guida di scorrimento a scomparsa. I meccanismi per la movimentazione vanno mantenuti in efficienza, così come per quelli delle scorrevoli  a scomparsa: rivolgersi sempre  a personale specializzato.

 

soluzione Compack porta scorrevole in frassino grigio Tesla linea Desa di Style House

Tesla linea Desa di Style House è la soluzione Compack in frassino grigio. Realizzabile con una o due ante, ha maniglie differenziate sui lati. (www.shporte.it)

Rototraslante

Un’interessante alternativa è la porta rototraslante: l’ingombro dell’anta si divide a metà tra l’interno e l’esterno della stanza. Alla vista si presenta come una porta tradizionale, con maniglia e pannello unico (che però non è incernierato lateralmente). Ciò che cambia è la modalità di apertura: invece che scorrere come nelle porte scorrevoli,  l’anta ruota su un perno centrale e trasla in senso orizzontale. Il telaio e i coprifilo sono identici a quelli di un modello a battente; ma – come in quelli a libro – il traverso superiore alloggia il binario e il meccanismo di movimento. La porta rototraslante non si spalanca con un angolo a 180°, ma si addossa allo stipite (un’altra analogia con quella a libro).

Vantaggi e vincoli

Usano lo spazio con eleganza. Chi non vuole rinunciare ai vantaggi delle porte a battente, vede ridotti della metà i centimetri necessari. Il meccanismo, di tanto in tanto, richiede una verifica della funzionalità, anche se è comunque meno sensibile di altri sistemi di scorrimento.

modello Trilia Liscia 3F di Garofoli in frassino avorio Il modello Trilia Liscia 3F di Garofoli è in frassino avorio e può essere montato sia con movimento a spingere sia a tirare. www.garofoli.com

  

Clicca sulle immagini della gallery per vederle full screen

  • L’anta scompare nel controtelaio metallico Syntesis® Collection Luce di Eclisse che è predisposto per il cablaggio (fino a 10 punti luce). www.eclisse.it
  • Si adatta a pareti curve con raggio da 100 a 200 cm la porta Trésor con controtelaio Gold Orbitale di Scrigno. www.scrigno.it
  • Controtelaio per porte senza cornici Essential di Scrigno. (www.scrigno.it)
  • Il sistema Stripe di Rimadesio (design Giuseppe Bavuso) è composto da pannelli scorrevoli realizzabili su misura e con binario esclusivo, connotati dal disegno dei traversi in alluminio presenti su entrambe le facce. (www.rimadesio.it)
  • La porta Zero di Flessya ha meccanismi e cerniere nascosti dall’anta, qui in versione rovere nella misura 60 x1 20 cm. www.flessya.com
  • Particolare porta Zero di Flessya
  • Tesla linea Desa di Style House è la soluzione Compack in frassino grigio. Realizzabile con una o due ante, ha maniglie differenziate sui lati. (www.shporte.it)
  • Il modello Trilia Liscia 3F di Garofoli è in frassino avorio e può essere montato sia con movimento a spingere sia a tirare. www.garofoli.com
Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 1 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!