Perché è importante arieggiare gli ambienti

Arieggiare agli ambienti è l'unico modo per rinnovare il microclima e combattere l'inquinamento indoor.

Giovanna Strino
A cura di Giovanna Strino
Pubblicato il 17/10/2018 Aggiornato il 23/05/2019
arieggiare
Finestra per tetti GGU di Velux

Bisogna arieggiare gli ambienti! Il microclima interno, infatti, è influenzato dalla ventilazione degli ambienti e dai ricambi d’aria (fondamentali per ridurre le percentuali di CO2 e di umidità relativa), ma incidono sul bilancio energetico della casa. È necessario quindi rinnovare l’aria, facendo arieggiare gli ambienti, senza disperdere energia. Vediamo come si può.

Bastano meno di due ore perché 3 persone in un living di 25 mq facciano superare la concentrazione di CO2 tollerata (1.500 ppm). Il ricambio d’aria minimo richiesto per legge è 0,5 vol/h: in un’ora deve essere rinnovata una quantità di aria pari alla metà dell’ambiente.

Garantire il ricambio controllato dell’aria interna. I sistemi per arieggiare sono TRE

  • per infiltrazione naturale, cioè attraverso l’apertura delle finestre.
  • con scambi d’aria che avvengono mediante moti naturali (effetto camino).
  • attraverso la ventilazione artificiale (ventilazione meccanica controllata – VMC).
1. Aprire le finestre, arieggiare e fare “corrente” (semplice da attuare)
 
Per assicurarsi la presenza d’aria fresca negli ambienti interni basta arieggiare i locali: un ricambio, breve ma completo, permette infatti di evacuare l’aria viziata, ricca di vapore e di anidride carbonica, cercando di non disperdere, nello stesso tempo, notevoli quantitativi di calore. Lo scambio d’aria tra interno ed esterno e i fenomeni ad esso correlati, quali il trasporto di calore, di umidità e di sostanze inquinanti, rappresentano un fenomeno complesso, nel quale entrano in gioco le forze motrici: pressione del vento e differenze di temperatura, permeabilità all’aria, comportamento dei materiali da costruzione, ovvero la loro traspirabilità, e dell’utente.
Ma calandoci nella quotidianità, interessa sapere che per rinnovare l’aria con efficacia nelle stanze e senza disperdere calore (o fresco quando è estate) è sufficiente arieggiare tenendo aperte tutte le finestre per 3/4 minuti, in modo che nella casa si crei “corrente d’aria”, preferibilmente nelle ore in cui l’impianto di riscaldamento (o raffrescamento) non è in funzione, per esempio al mattino presto. Questo metodo equivale all’incirca all’apertura parziale delle finestre per tre ore consecutive (e le dispersioni sarebbe davvero molto onerose). Arieggiare creando corrente, invece, permette di sfruttare i moti convettivi dell’aria: quando due masse d’aria hanno temperature differenti, anche le loro densità e pressioni sono diverse e questo dà origine a un movimento dell’aria dalla zona a più alta densità, ovvero la più fredda, verso quella a densità più bassa, la più calda. Nelle situazioni in cui l’aria interna dell’edificio sia più calda di quella esterna e si voglia raffrescare, la ventilazione trasversale è efficace per introdurre aria più fresca all’interno ed espellere quella calda.

Esistono serramenti  evoluti” che permettono di arieggiare: integrano già un sistema per la ventilazione costante e non richiedono l’installazione di un impianto o altro.
Ve ne sono di diversi tipi, secondo la tecnologia utilizzata e il produttore.

Finestra per tetti GGU di Velux

La finestra per tetti GGU di Velux è dotata di barra di manovra con sistema di microaerazione che garantisce il ricambio d’aria anche a serramento chiuso. www.velux.it

Telaio I-tech di Internorm

Con il sistema di ventilazione integrata nel telaio I-tech di Internorm, la finestra provvede al ricambio d’aria secondo la necessità, risparmiando al contempo energia. www.internorm.it

Finestra Iglo Light di Drutex

La finestra in Classe A Iglo Light di Drutex ha vetrocamere a bassa emissione e profili in pvc a cinque camere. Isolante, è permeabile all’aria. Disponibile in molti colori. www.drutex.it/index-it

Sistema di microventilazione per le finestre di Oknoplast

Su tutta la gamma delle finestre di Oknoplast è presente il sistema di microventilazione. Per integrare il ricambio d’aria si possono posizionare aeratori sopra le ante. www.oknoplast.it

 

Sistema di aerazione decentralizzata ActiveVent di Finstral

Con il sistema di aerazione decentralizzato ActiveVent di Finstral, azionabile con telecomando, si può regolare anche la portata d’aria. In foto è nel cassonetto, ma si può averlo a parete. www.finstral.com

 

 

 

 

Direttamente dal vetro

Arieggiare con facilità. Esiste una vetrocamera con tripla lastra che prevede un elemento schermante nell’intercapedine esterna e la possibilità di ventilare meccanicamente la camera interna tramite una ventola tangenziale. È disponibile anche nella versione doppio vetro coadiuvato da tenda tecnica microforata. Inseribile in telai tradizionali senza apportarvi alcuna modifica, ha spessore di 50 mm nel primo caso e di 25 mm nel secondo. Funziona in questo modo:
• con la ventola motorizzata (gestita da sensori) l’aria interna viene prelevata dalla parte inferiore e immessa nella camera ventilata (fra vetro e tenda); qui sospinge quella riscaldata dall’irraggiamento solare che, alla sua massima temperatura, viene espulsa dalla ventola. In estate l’aria sarà espulsa direttamente all’esterno dell’edificio, in inverno verrà reimmessa nell’ambiente, e così si risparmia sull’utilizzo della climatizzazione.
• In caso di mancanza di irraggiamento solare il sistema si arresta, ma può essere riattivato come ricambio aria.

Serramenti con VetroVentilato

Applicazione di VetroVentilato® www.vetroventilato.it

 

 
2. Arieggiare grazie all’effetto camino (dipende dalla struttura della casa)

Il camino presta il nome a un fenomeno noto nell’architettura bioclimatica come “effetto camino”, connesso alla ventilazione naturale di un edificio e alla possibilità di arieggiare gli ambienti. Alcune parti di esso (il vano scala, la canna fumaria, i lucernari in copertura) si prestano a essere progettate e realizzate in modo tale da assimilare il proprio comportamento a grandi camini.
Innescano cioè moti convettivi e ascensionali dell’aria, dovuti alle differenze di temperatura e pressione che si riscontrano ad altezze differenti: l’aria riscaldata si dilata proporzionalmente all’incremento della temperatura, con conseguente diminuzione del peso specifico e aumento della sua tendenza a orientarsi verso l’alto (salire).
In alcuni casi, se la struttura della casa lo permette, si possono ricreare queste condizioni anche con una ristrutturazione.

disegno aria

Lo schema rappresenta la sezione di una casa con semplificato il sistema di ventilazione naturale con effetto camino.

 

 

 
 3. Metodo meccanico per arieggiare (con un impianto che si può aggiungere)

In tema di risparmio energetico sono stati sviluppati sistemi di ventilazione meccanica controllata che permettono di arieggiare senza aprire le finestre: estraggono l’aria esausta dagli ambienti, ne recuperano il calore e lo cedono all’aria di rinnovo prelevata dall’esterno e immessa indoor.
Tali sistemi sono oggi indispensabili negli edifici e nelle unità immobiliari appartenenti alle classi più performanti della classificazione energetica. Nelle costruzioni di nuova generazione, con l’involucro superprotetto, è spesso grazie a questi sistemi che viene garantito il rinnovo d’aria richiesto dalla legge. Un metodo diverso per arieggiare.
Grazie al recupero del calore dell’aria dismessa, si riduce il dispendio energetico (ed economico) necessario a ripristinare le condizioni di comfort dell’aria di rinnovo. La ventilazione meccanica controllata si pone come una valida soluzione non soltanto dal punto di vista energetico, ma anche per la concentrazione di inquinanti nell’aria, poiché fornisce in modo costante aria pulita ai locali, diluendo e rimuovendo gli inquinanti, creando in sintesi le condizioni per un ambiente sano e confortevole.
Il relativo impianto può essere definito come un vero e proprio polmone artificiale dell’ambiente indoor. Integrato con la struttura edilizia – esistente o di nuova costruzione – forma un unico sistema edificio-impianto, quasi del tutto invisibile all’occhio, ma estremamente flessibile alle condizioni degli ambienti e alle attività che vi si svolgono.

Unità di ventilazione ComfoAir 160 di Zehnder

ComfoAir 160 di Zehnder è l’unità di ventilazione, con scambiatore che recupera il calore, collegabile a un sistema domotico. www.zehnder.it

Unità di ventilazione meccanica Vitovent 300 F di Viessmann

L’unità di ventilazione meccanica con recupero del calore Vitovent 300-F di Viessmann è un complemento delle pompe di calore Vitocal: un sistema integrato che soddisfa ventilazione e climatizzazione. www.viessmann.it

Unità ventilante Solitair di Ave

L’unità ventilante Solitair di Ave non richiede scarichi per la condensa, è sufficiente un foro sul muro di perimetrale. www.ave.it

Recuperatore di calore Vort HRW 60 HP di Vortice

È adatto per singoli ambienti il recuperatore di calore con pompa di calore Vort HRW 60 HP di Vortice che assicura il corretto ricambio d’aria in assenza di impianto centralizzato. www.vortice.it

 

 

 

Con una doppia intercapedine (arieggiare l’edificio)

Una lamina d’aria sulla sommità e alla base dell’edificio isola e protegge. Praticamente è come se si facesse arieggiare l’intera costruzione. Favorisce lo scambio tra interni ed esterno, con vantaggi riscontrabili sulla qualità del microclima indoor. In più preserva la struttura da un rapido degrado. 

Nel tetto

L’assetto normativo italiano in materia di certificazione energetica degli edifici (D.Lgs 311/06) impone scelte progettuali e costruttive precise e in quest’ottica deve essere alta l’attenzione all’isolamento, all’impermeabilizzazione e alla ventilazione delle abitazioni e – cosa a cui prima non si pensava – della copertura, sia nelle nuove costruzioni sia nelle ristrutturazioni.
La copertura di un edificio è un sistema complesso di elementi e strati, connessi e collaboranti tra loro, ciascuno con propria funzione, ma che insieme concorrono a determinare il comportamento globale del tetto. Questo, nel suo complesso, deve fornire precise prestazioni in base alle azioni esterne cui è esposto e sottoposto: impermeabilità all’acqua, isolamento termico, resistenza al vento, resistenza statica e comportamento igrometrico.
La norma UNI 8089 “Terminologia funzionale delle coperture” ne elenca e dettaglia i componenti, che vengono definiti in base alle funzioni svolte e suddivisi in primari (elemento di tenuta, elemento termoisolante, elemento portante) e complementari (elementi di collegamento, di supporto, strato di barriera al vapore, strato di ventilazione). Tale classificazione tecnica, irrilevante ai più, è importante per comprendere come la presenza o meno di alcune parti porti a un diverso tipo di funzionamento del tetto, con performance differenti. Oggi la tipologia di tetto che offre le migliori prestazioni dal punto di vista della tenuta termica e dello smaltimento del vapore in eccesso è quella ventilata. Una copertura è definita ventilata quando nella successione degli strati funzionali ne viene inserito uno costituito da una intercapedine di ventilazione (che serve ad arieggiare il tetto). Questa è collocata tra l’isolamento termico e il manto di copertura. Di norma le aperture di ingresso e uscita dell’aria vengono localizzate rispettivamente alla gronda e al colmo. L’intercapedine deve avere un adeguato spessore in rapporto allo sviluppo complessivo della copertura ed essere messa in diretto contatto con l’ambiente esterno. Non viene considerata come ventilata una copertura realizzata con sistemi discontinui e in cui sia presente solamente la microventilazione sottotegola, funzione diversa ottenuta con listelli distanziatori per le tegole (norma UNI 8627).

Quando è consigliata

La ventilazione in copertura (tetto ventilato) è particolarmente indicata quando si ha la necessità di:
asportare parte dell’energia termica dovuta all’irradiazione solare incidente sul tetto. Tale effetto risulta essere particolarmente vantaggioso durante la stagione estiva. Di norma la capacità di asportare l’energia incidente cresce all’aumentare dello spessore dell’intercapedine ventilante, fino ad assestarsi intorno a un valore costante al di sopra dei 15 cm di spessore. Si considera come ottimale un valore di almeno 7 cm di spessore. La portata d’aria attraverso l’intercapedine, che si traduce nell’effetto benefico di riduzione dei carichi termici estivi, dipende, oltre che da dimensioni e forma dell’intercapedine, anche dalla velocità dell’aria all’interno della stessa;
smaltire verso l’esterno il vapore acqueo contenuto all’interno degli ambienti sottostanti la copertura. In questo modo è possibile evitare la formazione di condensa e il ristagno di umidità in corrispondenza dell’isolante o della struttura. L’effetto si rivela vantaggioso soprattutto durante la stagione invernale. E, inoltre, determina una maggiore durata nel tempo e una costante efficienza del tetto.

 

Pannello isolante traspirante Evolution Traspira d Monier

È traspirante Evolution Traspira di Monier, il pannello isolante in polistirene espanso sinterizzato EPS ad alta densità, con anima in grafite. www.monier.it

Pannello isolante per tetto ventilato Isotec di Brianza Plastica

È realizzato in schiuma poliuretanica espansa rigida il pannello Isotec® di Brianza Plastica che integra il correntino metallico per l’aerazione. isotec.brianzaplastica.it

Colmo ventilato Inoxwind di Cotto Possagno

Utilizzabile sia con coppi sia con tegole, il colmo ventilato Inoxwind di Cotto Possagno permette un’aerazione di 300 cmq per metro lineare. www.cottopossagno.com

Soluzione per tetto 4 Cool Foof di Wierer

Nello schema è rappresentata la soluzione 4 Cool Foof di Wierer, una delle tante combinazioni di tetto possibili con i prodotti dell’azienda. www.wierer.it

 

Sotto l’edificio (arieggiare alla base)

Nelle nuove costruzioni e nei recuperi di edifici esistenti (in particolare di quelli ex rurali) viene realizzato il vespaio aerato: un vuoto sotto la costruzione che ha lo scopo di separare questa (o meglio il suo primo solaio) dal terreno, in modo da migliorare l’ambiente abitativo dal punto di vista termoigrometrico. Ma anche per proteggere da eventuali esalazioni del terreno (come quelle di gas radon), dall’umidità di risalita o da altre contaminazioni. Un sistema, quindi, per arieggiare l’edificio alla base.
In passato si usava, e talvolta si usa tuttora nell’edilizia tradizionale, costruire il vespaio con ghiaia e ciottoli e appoggiare sopra questo il successivo basamento dell’edificio. Ma una delle soluzioni tecniche più utilizzate oggi per realizzare la ventilazione del solaio di terra è il vespaio con casseri a perdere in plastica a forma di cupola, sui quali viene gettata una soletta in calcestruzzo armato – di spessore variabile in funzione dei carichi ai quali è sottoposta – al di sopra della quale è possibile posizionare una coibentazione per l’isolamento termico. Recentemente sono stati sviluppate anche cupole in EPS che fungono contemporaneamente da sostegno e da isolamento. Quest’ultima tipologia trova applicazione anche nell’ambito delle ristrutturazioni: sono state studiate soluzioni a basso spessore che permettono di essere montate sui solai esistenti e che vengono inserite direttamente dall’interno delle abitazioni. È necessario poi rialzare la quota di calpestio in casa.

Cassero a perdere per vespaio aerato Cupolex di Pontarolo

Cupolex® di Pontarolo è un cassero a perdere in polipropilene che, posato in serie, permette di ottenere la struttura autoportante del vespaio aerato. www.pontarolo.com

Argilla espansa per vespai aerati Leca TermoPiù di Leca

Si utilizza per sottofondi e vespai isolati controterra l’argilla espansa Leca TermoPiù di Leca, che ha proprietà antirisalita di umidità. www.leca.it

 

 

Gallery
  • Finestra per tetti GGU di Velux
  • Finestra Iglo Light di Drutex
  • Telaio I-tech di Internorm
  • Sistema di microventilazione per le finestre di Oknoplast
  • Sistema di aerazione decentralizzata ActiveVent di Finstral
  • Serramenti con VetroVentilato
  • Unità di ventilazione meccanica Vitovent 300 F di Viessmann
  • Unità di ventilazione ComfoAir 160 di Zehnder
  • Recuperatore di calore Vort HRW 60 HP di Vortice
  • Unità ventilante Solitair di Ave
  • Soluzione per tetto 4 Cool Foof di Wierer
  • Pannello isolante traspirante Evolution Traspira d Monier
  • Colmo ventilato Inoxwind di Cotto Possagno
  • Pannello isolante per tetto ventilato Isotec di Brianza Plastica
  • Cassero a perdere per vespaio aerato Cupolex di Pontarolo
  • Argilla espansa per vespai aerati Leca TermoPiù di Leca

 

 

 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 5 / 5, basato su 2 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!