La casa in legno che rispetta l’ambiente

Una casa in legno nel bosco, o quasi, a stretto contatto con la natura, costruita secondo le regole della bioedilizia e organizzata internamente secondo i principi del Feng Shui.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/03/2018 Aggiornato il 24/03/2018
La casa in legno che rispetta l’ambiente

Vivere immersi nella natura, rispettandola e usufruendo dei benefici che offre. Perché non scegliere una casa in legno dotata di ogni comfort? Questi i criteri che hanno ispirato il progetto di questo edificio firmato dall’architetto Christine Pfeifer, realizzato in Trentino, vicino a Bolzano.

Basata sull’armonia tra interno ed esterno, resa possibile organizzando gli spazi secondo il Feng Shui, questa casa in legno si integra perfettamente nel paesaggio. Una leggera pendenza del terreno ha favorito la creazione di una parte interna nell’area sottoterra e più vicina al pendio: qui è stata organizzata la zona notte o di riposo. La zona giorno è stata costruita, invece, in un volume esterno nella parte alta e frontale. In questo modo, visto dall’esterno, l’edificio sembra di dimensioni ridotte, ma la cubatura totale è di 3.570 metri cubi.

 

image004

La tecnica costruttiva brevettata (Holzius-Gruppo Rubner) si basa sull’uso di tasselli in legno con due lati sagomati a coda di rondine, in modo da realizzare pareti e solai in legno senza l’impiego di colla e parti metalliche: stabilità e lunga tenuta sono comunque garantite. Sono stati utilizzati esclusivamente legni provenienti dall’arco alpino, in particolare legno lunare, ricavato cioè da alberi abbattuti durante la luna calante: è infatti particolarmente durevole, forte e più resistente a muffe, insetti o fiamme.

Con l’obiettivo di coprire l’intero fabbisogno energetico dell’edificio, rendendolo autosufficiente, è stato utilizzato un sistema innovativo che sfrutta l’energia solare (con pannelli ibridi che uniscono i sistemi solare termico e fotovoltaico) combinato con una pompa di calore.  Al riscaldamento a pavimento e parete, è stata affiancata una stufa a legna ad accumulo termico. L’isolamento esterno è stato garantito con l’utilizzo di fibre di legno per le pareti e il tetto, e di ghiaia di vetro cellulare per la parte dell’edificio rivolta verso il terreno.

image007

Clicca per vedere full screen 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!