Ecobonus al 65% e sconto fiscale del 50% anche per i mobili

Aumento dell'ecobonus dal 55 al 65% per gli interventi sull'efficienza energetica, conferma dello sconto fiscale del 50% sulle ristrutturazioni ed estensione di quest'ultimo anche per l'acquisto di mobili.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/06/2013 Aggiornato il 11/06/2013
Ecobonus al 65% e sconto fiscale del 50% anche per i mobili

Il Governo ha rilanciato e potenziato con il decreto 63/2013 le agevolazioni fiscali già previste per il passato per i lavori in casa e in condominio. Ma non solo.
La novità più eclatante riguarda il fatto che ci sarà anche una detrazione fiscale sui mobili acquistati per arredare la casa ristrutturata (per la quale si chiede la detrazione), provvedimento del governo Letta che dovrebbe portare la tanto attesa boccata d’ossigeno al settore del legno-arredo made in Italy. Lo sconto pari al 50%, valido per un tetto massimo di spesa documentata di 10mila euro, va ripartito in dieci rate annuali.

Il bonus fiscale per l’efficienza energetica e quello sulle ristrutturazioni edilizie, in scadenza a fine giugno, sono stati prorogati dal via libera definitivo del Consiglio dei ministri fino al 31 dicembre 2013.
Lo sconto per gli interventi strutturali volti a ridurre stabilmente il fabbisogno di energia sale al 65% ed è già in vigore per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del decreto) fino al 31 dicembre 2013; inoltre tale proroga di sei mesi che riguarda le singole abitazioni, per gli edifici condominali vale invece per un anno (sino al 30 giugno 2014) e in particolare per le “ristrutturazioni importanti” ovvero quei lavori che interessano oltre il 25% della superficie dell’involucro dell’intero edificio (esempio: rifacimento di pareti e intonaci esterni, del tetto o dell’impermeabilizzazione delle coperture) o le parti comuni.

Inoltre i benefici fiscali sui lavori di ristrutturazione del 50% sono prolungati anch’essi sino al 31 dicembre 2013. Il tetto degli importi che possono usufruire dello sconto resta fermo a 96mila euro per unità immobiliare, così come non cambiano le procedure da seguire per ottenere il beneficio fiscale, tra cui il pagamento delle somme con bonifico bancario. Anche gli interventi per l’adeguamento antisismico e l’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica delle parti strutturali degli edifici possono beneficiare dei bonus del 50%.
Seguiteci nei prossimi appuntamenti per avere altri dettagli sulle novità fiscali.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!