Bonus mobili 2013: sì alla sovrapposizione degli incentivi

Ecobonus 65%, detrazione 50% sulle ristrutturazioni e bonus mobili: si può beneficiare di tutti e tre gli incentivi per lo stesso immobile. Ma non per lo stesso lavoro.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/07/2013 Aggiornato il 16/07/2013
Bonus mobili 2013: sì alla sovrapposizione degli incentivi

Le tre forme di incentivi statali riguardano tipologie di lavori differenti: per la ristrutturazione della stessa casa, quindi, si può usufruire di tutti e tre, ma  facendo molta attenzione e diversificando  le spese sostenute in base alle categorie. Non è possibile godere di più di uno sconto per lo stesso prodotto o per il medesimo lavoro. Si ricorda quindi che tutti gli interventi che riqualificano la casa dal punto di vista termico ed energetico sono detraibili al 65% (con un tetto di spesa variabile secondo il tipo di lavoro). Quindi si deve trattare esclusivamente di “sostituzioni” (porte esterne, finestre, impianto climatizzazione invernale, scaldabagno). Invece, i lavori di ristrutturazione godono dello sconto Irpef del 50% (con un tetto massimo di spesa detraibile di 96mila euro). Strettamente agganciata a quest’ultima agevolazione, il bonus mobili ed elettrodomestici al 50% (tetto massimo 10mila euro) si applica agli arredi e ai grandi elettrodomestici di classe A+ (A per i forni) acquistati per la casa ristrutturata.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!