Bonus casa: mi conviene lo sconto del 65% o del 50%?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/11/2013 Aggiornato il 06/11/2013

Ecobonus o bonus sulle ristrutturazioni: proviamo a capire di quale delle due agevolazioni fiscali conviene chiedere di avvalersi in alcuni particolari casi.

Bonus casa: mi conviene lo sconto del 65% o del 50%?

Ecobonus o bonus ristrutturazioni? E quindi recuperare il 65% o il 50% della spesa? Tanti lavori possono godere o di una o dell’altra detrazione, in particolare quei prodotti – come gli infissi – che raggiungono i valori di risparmio energetico indicati nel dm del 26 gennaio 2010. È necessario dunque valutare bene di quale convenga chiedere di avvalersi. Il bonus mobili, poi, arrivato il 6 giugno scorso e valido per tutto il 2013 e con ogni probabilità anche per il 2014, si può richiedere soltanto se gli acquisti sostenuti sono destinati a immobili oggetto di ristrutturazioni edilizie abilitate al 50%. La scelta per esempio della detrazione del 50% si rivela la migliore quando l’acquisto di arredi o elettrodomestici di classe A+ (A per i forni) raggiunge un importo considerevoleIn caso invece di interventi di riqualificazione energetica importanti, come il rifacimento del tetto, può essere preferibile optare per il 65%, soprattutto a fronte dell’acquisto magari di un semplice elettrodomestico. Inoltre ci sono altre variabili da valutare: la detrazione del 65% (per l’acquisto di infissi o pannelli solari) comporta oneri burocratici come l’invio all’Enea di schede informative, in altri casi la compilazione da parte di un tecnico specializzato dell’attestato di prestazione energetica.
Attenzione infine a interventi non classificabili con certezza come manutenzione straordinaria; lavori come il semplice cambio di una serratura o l’installazione di un condizionatore, alla fine dei conti, potrebbero non dare accesso poi al bonus mobili, dopo l’interpretazione restrittiva data dall’Agenzia delle Entrate con la circolare  29/E.