Sono arrivate le caldaie del futuro, che si alimentano anche ad idrogeno

La transizione energetica è già in atto anche per le caldaie di ultima generazione, che al gas mescolano l’idrogeno.
Architetto Marcella Ottolenghi
A cura di Architetto Marcella Ottolenghi
Pubblicato il 27/06/2021 Aggiornato il 28/06/2021

Le caldaie del futuro sono già qui e al gas naturale mescolano l’idrogeno, combustibile facilmente reperibile in natura (in grandi quantità) e la cui combustione genera solo vapore acqueo. È questa la grande novità nel settore degli apparecchi a condensazione, in attesa che la rete pubblica possa rifornire le utenze con idrogeno: una soluzione che garantisce i medesimi livelli di efficienza e di prestazione delle caldaie di ultima generazione, con in aggiunta una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale.

L’idrogeno, già sperimentato come combustibile pulito per le automobili grazie al suo enorme potenziale in termini di riduzione delle emissioni inquinanti – e per questo sempre più spesso considerato una sfida per il futuro, al centro delle strategie politiche in ambito energetico – si ottiene dall’acqua. Ed è anch’esso ricavabile attraverso un processo “green”. Uno dei metodi più comuni è per elettrolisi, ovvero scomponendo l’acqua nei suoi due elementi costitutivi – appunto idrogeno e ossigeno – mediante un flusso di corrente elettrica. Se poi l’energia impiegata per tale processo è ottenuta da fonti rinnovabili, come ad esempio quella fotovoltaica, allora è l’intero ciclo dell’idrogeno stesso ad essere sostenibile, dalla produzione sino alla combustione.

La transizione energetica, già in atto come detto in ambito automotive, sta però interessando anche altri mondi produttivi, tra cui quello degli impianti tecnici domestici. Le aziende stanno infatti approntando apparecchi che siano pronti ad affrontare la sfida: in attesa delle prime caldaie del futuro puramente a idrogeno, ancora in fase di studio e di sperimentazione a piccola scala, sono presenti sul mercato modelli pronti per funzionare con una miscela di gas metano e di idrogeno. Un obiettivo importante, dal punto di vista ambientale. Tanto più che il cambiamento non comporta un mutamento delle abitudini delle persone: i nuovi sistemi non differiscono per aspetto e gestione da quelli tradizionali, se non per un cuore tecnologico estremamente avanzato.

caldaie Viessmann Vitodens serie 100

La serie di caldaie a condensazione Vitodens 100 di Viessmann anticipa il futuro, grazie alla certificazione H2 Ready per il funzionamento con una percentuale fino al 20% di idrogeno miscelato a gas metano. Disponibile in natura in grandi quantità, l’idrogeno può essere ricavato in modo sostenibile e soprattutto la sua combustione genera solo vapore acqueo: un sensibile avanzamento nel processo di contenimento delle emissioni inquinanti. Inoltre, la nuova gamma di apparecchi – sia murali sia compatti, con potenza da 3,2 a 32 kW – è dotata di bruciatore Matrix Plus dalla superficie di acciaio inossidabile, che riduce al minimo le emissioni di NOx (ossidi di azoto) ed è controllato elettronicamente in automatico. In aggiunta, lo scambiatore di calore Inox-Radial, anch’esso di acciaio inox, condensa i fumi in un solo passaggio, garantendo efficienza (fino al 98%), durata e resistenza, poiché la condensa viene utilizzata per la pulizia esterna dello scambiatore stesso. Un display digitale integrato con schermo LCD a sette segmenti con quattro tasti touch semplifica la gestione, attuabile anche da remoto. www.viessmann.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 2 / 5, basato su 3 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!