Facciate ventilate: nuove tecnologie e formati

La facciata ventilata migliora il comfort abitativo e permette di contenere il dispendio energetico. Ecco 4 soluzioni di questo particolare tipo di sistema di isolamento.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 03/07/2015 Aggiornato il 03/07/2015
Facciate ventilate: nuove tecnologie e formati
Sistema di facciate ventilate Casalgrande Padana in gres.

L’isolamento in edilizia è uno degli elementi cardine per la realizzazione di edifici performanti. Un tipo particolare di isolamento esterno è rappresentato dalle facciate o pareti ventilate, un rivestimento perimetrale applicato alla facciata degli edifici che non combacia con questa ma crea un’intercapedine (da 2 a 20 cm) capace di veicolare il passaggio naturale dell’aria in ogni stagione.

Struttura

Le facciate ventilate sono strutturate a strati, composte da: un elemento esterno, con funzioni estetiche e protettive; una camera d’aria di alcuni centimetri, preposta alla circolazione dell’aria; uno strato generalmente in alluminio ancorato all’edificio e uno strato isolante fissato al muro esterno (generalmente in lana di vetro).

Funzione e vantaggi delle pareti ventilate

Il passaggio naturale dell’aria attraverso lo strato intermedio tra la parete dell’edificio e la facciata ventilata elimina i ponti termici, impedendo la formazione della condensa e migliorando le caratteristiche termoenergetiche dell’edificio. La ventilazione naturale in estate rinfresca in maniera omogenea la struttura, mentre in inverno ne controlla la dispersione termica con conseguente diminuzione dei consumi energetici per il riscaldamento.  I principali vantaggi di questo sistema sono:

– isolamento uniforme dell’edificio
– risparmio energetico
– miglioramento del comfort abitativo
– protezione dagli agenti atmosferici e preservazione dell’intonaco.
– miglioramento del comfort acustico

Quali formati e materiali

La ceramica (lastre di grès ad alta tecnologia) per le sue caratteristiche è idonea a qualsiasi tipo di facciata, sia tradizionale (incollata) che applicata ai vari sistemi proposti dai facciatisti. I formati più idonei sono quelli a forma rettangolare dal 60×30 cm a crescere. Con l’utilizzo di grandi lastre, 300×150 cm o 300×100 cm aumenta la prestazione estetica: maggiore è il formato, migliore è la percezione di continuità della facciata (meno fughe) e quindi la resa estetica. Il grès resta uno dei materiali più utilizzati nella produzione di pareti ventilate: è un materiale compatto ed omogeneo, ingerivo, resistente agli sbalzi termici e agli urti meccanici, ha un bassissimo coefficiente di assorbimento dell’acqua, è leggero, disponibile in un’infinita gamma di colori e ha una manutenzione molto essenziale (particolari tipologie di lastre hanno anche la funzione self-cleaning e non necessitano alcuna pulizia).

Ma si utilizzano anche altri materiali, come il cotto, i materiali tecnici compositi e materiali lapidei, il calcestruzzo polimerico. Le facciate ventilate in cotto influenzano soprattutto il fattore acustico: isolano dai rumori provenienti dall’esterno e presentano un buon comportamento acustico nei confronti degli agenti atmosferici (pioggia e grandine soprattutto). Quelle in materiali lapidei (marmi e pietre) si distinguono per il loro alto coefficiente estetico e per la scarsa manutenzione che richiedono. Il calcestruzzo polimerico, infine, ha il vantaggio di non essere poroso, quindi di non assorbire l’acqua, e quello di essere molto leggero e facilmente sostituibile. Oltre che per le sue caratteristiche tecniche, tutte molto performanti, architetti e progettisti selezionano questo materiale per la sua versatilità; i pannelli infatti sono disponibili in una vasta gamma di colorazioni. Non ultimo il vantaggio di essere realizzato con un’alta percentuale di materiali riciclabili, elemento che gli ha valso la certificazione LEED.

Quale ancoraggio

Esistono due tipi di supporto: quello visibile, in cui l’isolamento è fissato alla parete attraverso clip in acciaio che possono essere opportunamente verniciate dello stesso colore della facciata; l’ancoraggio invisibile, in cui l’elemento di connessione è posto dietro il pannello. Nel residenziale si tende ad utilizzare il sistema a scomparsa e con fughe minime, fattibile con alcuni sistemi di facciata. Nell’ambito del terziario e nei grandi edifici, spesso prevale l’aspetto economico e si utilizza il sistema con ganci a vista.

 

 Clicca sulle immagini per vederle full screen

 

cosentino-dekton

L’applicazione di Dekton® by Cosentino per facciate ventilate dà forma a un design uniforme che riveste le pareti di qualunque tipo di costruzione come fosse uno strato di pelle. Peculiarità quali l’alta resistenza a congelamento, scongelamento e raggi UV, la buona stabilità cromatica e l’alta resistenza alle macchie, ne fanno il materiale ideale nell’applicazione a facciata. www.dekton.it

 

Sistema-di-facciate-ventilate-Casalgrande-Padana-in-gres

Sistema di facciate ventilate Casalgrande Padana in gres. www.casalgrandepadana.it

 

Sistema di pareti-ventilate-in-gres-cristallizzato-rosso-SistemA-di-Marazzi-Tecnica

Sistema di pareti ventilate in gres cristallizzato rosso SistemA di Marazzi Engineering nel formato 60 x 120 cm che avvolge la struttura anche nei suoi elementi più complessi. Il progetto è Villa Nesi, a Ivrea. www.marazzi.it

 

 

Sistemi di facciata per maxi lastre di FMG - Fabbrica Marmi e Graniti

Sistemi di facciata per maxi lastre di FMG – Fabbrica Marmi e Graniti. www.irisfmg.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!