Garantire la solidità dell’edificio

Crepe e fessure nei muri possono essere spia di fenomeni che possono danneggiare l’edificio e comprometterne la stabilità. Bisogna individuare la causa del problema, per poi intervenire con la soluzione specifica.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 21/05/2013 Aggiornato il 23/05/2013
Garantire la solidità dell’edificio
Floor Lift di Uretek

Crepe e fessure nei muri possono in alcuni casi trasformarsi in danni importanti alle strutture, come cedimenti delle fondazioni e dissesti delle pavimentazioni, tali da comprometterne la stabilità. Possono essere dovuti a diverse cause, dai lavori invasivi che comportano scavi profondi, ai fenomeni naturali come quelli legati ad attività sismica. Solo un professionista abilitato (ingegnere, architetto, geometra) può valutare la gravità del danno e stabilirne la causa. Un parere tecnico può essere richiesto anche a imprese specializzate, da contattare per fare eseguire un sopralluogo geologico gratuito. È necessario, infatti, fare analizzare la consistenza del terreno (grazie a un test penetrometrico) e anche misurare le crepe formatesi sui muri (con un fessurimetro).

Cedimenti delle fondazioni

Spesso questi fenomeni sono imputabili a cedimenti del terreno, ai quali si può sicuramente rimediare con interventi che ne migliorano la consistenza e la tenuta. Le soluzioni per il consolidamento variano a seconda delle tecniche che gli esperti adottano, ma in genere si tratta di lavori poco invasivi che non richiedono scavi. Oggi si ricorre all’uso di speciali resine (espandenti e/o ad alta densità oppure brevettate) che, iniettate direttamente nel terreno, hanno la capacità di colmare i vuoti aumentando la compattezza di questo e rendendo più resistente la base dell’edificio. Le attrezzature e i mezzi utilizzati non arrecano disagio e, di frequente, possono essere depositati fino ad una distanza di 100 metri dall’abitazione. L’intervento dura in media 48 ore.

Il Sistema Multiresine® di Kappazeta, autoregolandosi in base ai dati geotecnici, inietta alternativamente in piccoli fori due tipologie di formulati: resine ad alto potere espandente e resine ad alta densità. Il primo, indicato per ottenere forti compattazioni, esercita una notevole spinta isotropa di consolidamento; il secondo, in grado di raggiungere densità elevate anche in condizioni di basso confinamento, è estremamente adatto per il riempimento dei vuoti. www.kappazeta.it

Il Sistema Multiresine® di Kappazeta, autoregolandosi in base ai dati geotecnici, inietta alternativamente in piccoli fori due tipologie di formulati: resine ad alto potere espandente e resine ad alta densità. Il primo, indicato per ottenere forti compattazioni, esercita una notevole spinta isotropa di consolidamento; il secondo, in grado di raggiungere densità elevate anche in condizioni di basso confinamento, è estremamente adatto per il riempimento dei vuoti. www.kappazeta.it

La Tecnologia combinata resine e minipali di Novatek consente di sollevare e consolidare le fondazioni, rapidamente e senza scavi, associando l’utilizzo di minipali in acciaio a presso-infissione e resine espandenti. Si ottiene inoltre un incremento di portanza del terreno sottostante. www.novatek.it

La tecnologia combinata resine e minipali di Novatek consente di sollevare e consolidare le fondazioni, rapidamente e senza scavi, associando l’utilizzo di minipali in acciaio a presso-infissione e resine espandenti. Si ottiene inoltre un incremento di portanza del terreno sottostante. www.novatek.it

Pavimentazioni lesionate

Le resine possono essere utilizzate anche nel caso di dissesti di pavimentazioni. Un problema che spesso viene sottovalutato, perché vengono considerati solamente i danni alle strutture superficiali, trascurando il sottofondo. In alcuni casi proprio i vuoti nel sottofondo possono provocare cedimenti, lesioni, perdita della planarità e rotture dei giunti. L’utilizzo delle resine anche per questa problematica è in grado di sollevare la pavimentazione fino a 20-30 cm, correggendo pendenze e sollevando dislivelli. L’intervento non danneggia i rivestimenti e consente l’agibilità immediata dei locali.

Il sistema Floor Lift di Uretek solleva e compatta le pavimentazioni cedute con iniezioni mirate di resina espandente sotto il massetto. L’intervento consente sollevamenti anche superiori a 30 cm, correggendo pendenze ed eliminando dislivelli. È sicuro perché monitorato in tempo reale con strumentazione laser, è rapido e non sporca. Non produce vibrazioni ed è adatto a pavimentazioni sia rigide sia flessibili. www.uretek.it

Il sistema Floor Lift di Uretek solleva e compatta le pavimentazioni cedute con iniezioni mirate di resina espandente sotto il massetto. L’intervento consente sollevamenti anche superiori a 30 cm, correggendo pendenze ed eliminando dislivelli. È sicuro perché monitorato in tempo reale con strumentazione laser, è rapido e non sporca. Non produce vibrazioni ed è adatto a pavimentazioni sia rigide sia flessibili. www.uretek.it

Solai in legno deformati

Il punto debole dei solai di legno è la deformazione che comporta lesioni ai pavimenti, alle pareti, rumore e fastidiosi scricchiolii. Con un sistema a orditura semplice, una trave rompitratta e un massetto di calcestruzzo, anche alleggerito, a volte è possibile riportare “a nuova vita” il solaio in legno che si pensava di dover demolire. Così rinforzato, infatti, questo avrà caratteristiche di portata tali da garantire la rigidità necessaria (abbassamento inferiore sempre a 1/500 della luce) per annullare i difetti caratteristici delle strutture di legno.

Il Sistema Traliccio LPR® con Connettore FLAP® di Peter Cox è specifico per solai in legno. Consente di realizzare collegamenti tra diverse tipologie di strutture, evitando distacchi e conseguenti crolli. La tecnica è inoltre mirata all’adeguamento antisismico in grado di garantire perfetta stabilità e massima sicurezza. www.petercoxitalia.it

Il Sistema Traliccio LPR® con Connettore FLAP® di Peter Cox è specifico per solai in legno. Consente di realizzare collegamenti tra diverse tipologie di strutture, evitando distacchi e conseguenti crolli. La tecnica è inoltre mirata all’adeguamento antisismico in grado di garantire perfetta stabilità e massima sicurezza. www.petercoxitalia.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!