Tasse sulla casa: dal Trise al Tuc

La riscrittura della tassazione sulla casa continua. Si parla ora di introdurre il Tuc in sostituzione del Trise: non colpirà l'abitazione principale e avrà aliquota massima all'8,1 per mille.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/11/2013 Aggiornato il 12/11/2013
Tasse sulla casa: dal Trise al Tuc

Prima era il Trise, composto da Tasi e Tari, ora a rimpiazzare l’Imu si profilerebbe il Tuc, Tributo unico comunale. Un tributo che non sarà dovuto sull’abitazione principale e che, a differenza della service tax, non avrà pregnante componente federalista Il Tuc viene introdotto da un emendamento alla legge di stabilità. L’aliquota massima sarebbe fissata al 10,6 per mille da applicare sugli immobili e sui servizi indivisibili sulla base di due componenti, quella patrimoniale (con aliquota massima non oltre l’8,1 per mille) e quella sui servizi indivisibili (nella misura massima dell’1,5 per mille per l’utilizzatore, cioè l’inquilino, e dell’1 per mille in più per il proprietario). Ai Comuni spetterebbe invece fissare una tariffa per la copertura integrale dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!