Tari: come si paga e quando scade

Oltre alla Tasi, entro la fine dell’anno si deve pagare anche la Tari, la tassa sui rifiuti con bollettini precompilati che invia il Comune o con il modello F24, ma le scadenze variano da Comune a Comune
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/10/2014 Aggiornato il 19/10/2014
Tari: come si paga e quando scade

Negli ultimi giorni si parla spesso di tasi, ma i cittadini devono fare i conti anche con un’altra tassa, quella sui rifiuti, la tari che ha sostituito la vecchia Tarsu e la TaresTra novembre e dicembre, a seconda delle scadenze fissate autonomamente dai Comuni, si dovrà pagare l’ultima rata della tassa introdotta quest’anno con la iuc, l’imposta unica comunale. A pagare sono i soggetti che occupano, a qualsiasi titolo, l’immobile, quindi chi produce effettivamente i rifiuti, come il proprietario e in caso di locazione l’inquilino, sempre che il contratto supera i 6 mesi all’anno. Il pagamento del tributo varia in ragione della superficie dell’immobile e dei componenti il nucleo familiare. I Comuni hanno ampia autonomia nel decidere le scadenze delle rate (solitamente due semestrali o anche 4 all’anno) e le ipotesi di riduzione e di esenzione. A Roma ad esempio, la Tari per le famiglie è suddivisa in due semestri: 1 gennaio – 30 giugno e 1 luglio-31 dicembre. A Milano, entro il 16 ottobre 2014 si paga il conguaglio della Tares per chi ancora non lo avesse pagato e verrà inviato a tutti i contribuenti l’importo dovuto a titolo di Tari per l’intero anno 2014, con scadenza di pagamento il 30 novembre 2014. Slitta invece al 31 gennaio prossimo il pagamento del saldo della Tari a Palermo dove l’acconto è stato già versato lo scorso 16 settembre. I palermitani riceveranno i bollettini a casa tra dicembre e inizio anno 2015.

La tassa sui rifiuti infatti si paga tramite i bollettini precompilati che ogni Comune invia a casa dei cittadini. Ma non è obbligatorio per legge e in alcuni casi il bollettino non arriva. Cosa fare? Può usare in tal caso il modello di pagamento F24 che dal 1 ottobre 2014, per importi sopra i 1.000 euro, dovrà essere pagato tramite i servizi on line dell’Agenzia delle entrate o delle Poste. Proprio l’Agenzia ha indicato le istruzioni per compilare correttamente l’F24 e il codice tributo da usare, il “3944” denominato “TARI – tassa sui rifiuti – art. 1, c. 639, L. n. 147/2013 – TARES –art. 14 DL n. 201/2011”.

Per capire come si compila il modello f24 ecco un esempio fornito dall’Agenzia delle entrate in relazione alla rata Tari di 250 euro, in favore del Comune di Reggio Emilia, per un importo totale di 1.000 euro e per due immobili.

 modello f24 ecco un esempio fornito dall’Agenzia delle entrate in relazione alla rata Tari di 250 euro, in favore del Comune di Reggio Emilia

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!