Trise, Tari e Tasi sulla seconda casa

Ecco quali saranno le tasse da versare per le seconde case locate e non, secondo il disegno di legge di stabilità.

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/10/2013 Aggiornato il 17/01/2014
Trise, Tari e Tasi sulla seconda casa

Che cosa accade con la riforma del prelievo sull’immobile per le seconde case sfitte o date in affitto? I proprietari di una seconda casa non locata sono tenuti a versare l’Imu e il Trise (Tributo sui servizi comunali), con aliquota Tasi (tassa sui servizi indivisibili) che potrà variare tra 1 e 2,5 per mille, fermo restando che il tetto massimo del prelievo non potrà superare il 10,6%, cioè l’aliquota massima Imu fissata per la seconda casa. In caso di abitazione in locazione, il Trise peserà in parte anche sugli affittuari, tenuti a pagare non soltanto la Tari, la tassa sulla raccolta dei rifiuti, ma anche una parte della Tasi, per una percentuale che potrà oscillare tra il 10 e il 30% del totale della Tasi, a seconda di quanto deciderà ogni singolo Comune. L’Imu rimarrà invece sempre a carico del proprietario dell’immobile.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!