Mini-Imu 2014: scadenza, calcolo e chi la deve pagare

Un vademecum sulla mini-Imu sulla prima casa per sciogliere i numerosi dubbi sulla nuova tassa, in scadenza il 24 gennaio.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/01/2014 Aggiornato il 16/01/2014
Mini-Imu 2014: scadenza, calcolo e chi la deve pagare

La scadenza per il versamento della mini-Imu si avvicina. Per i cittadini che vivono in quei comuni, circa 2.400, dove l’aliquota 2013 per la prima casa era superiore a quella del 4 per mille di base fissata dal Governo. Il pagamento scade il prossimo 24 gennaio. Di seguito, un piccolo vademecum in soccorso del contribuente.

Chi sono i soggetti coinvolti?

Il pagamento coinvolge i cittadini che vivono in un Comune dove, sia per il 2012 che per il 2013, è stato deciso un aumento rispetto all’aliquota standard (fissata al 4 per mille dallo Stato). A pagare saranno anche i residenti di quei Comuni che hanno elevato l’aliquota oltre la soglia statale solo per il 2013. In altre parole, è l’aliquota del 2013, quando superiore al 4 per mille, a stabilire l’obbligo del versamento della mini-Imu.

Quanti sono in cifre?

Il numero di soggetti interessati è piuttosto alto: sono, infatti, quasi 2401 i comuni interessati (il 30% di quelli italiani) e dieci milioni i proprietari prime case che, con il pagamento della mini-Imu, contribuiranno a coprire un disavanzo di circa 400 milioni.

Quando si paga?

Entro e non oltre, pena una sanzione, il 24 gennaio.

Quanto si paga?

Le modalità di calcolo sono state definite in modo univoco nel decreto 133. La base di calcolo è sempre la rendita catastale della casa (e delle pertinenze) rivalutata del 5% e moltiplicata per 160. Su questa cifra, dovrà essere calcolata sia la rata applicando l’aliquota standard, sia quella secondo l’aliquota disposta dal proprio Comune. A entrambi gli importi si dovranno sottrarre le detrazioni. Dovrà poi essere effettuata la differenza fra le due cifre ottenute. L’importo della mini-Imu corrisponderà, infine, al 40% sul risultato della sottrazione.

Come si paga?

Il pagamento si potrà effettuare con il modello F24, ma non solo. Si potrà scegliere la modalità del bollettino postale, anche se con quest’ultimo non è possibile effettuare alcuna compensazione con altri crediti fiscali o contributivi. Inoltre, il modello F24, cartaceo, va presentato in banca o in posta, mentre per i possessori di partita Iva l’invio è obbligatoriamente telematico. L’importo dovuto va arrotondato all’unità di euro. Quali sono i codici tributo? Il codice tributo per le abitazioni principali e relative pertinenze è 3912.

Come si calcolano le detrazioni?

Le regole sono quelle dell’Imu 2013: 200 euro base per tutti, con l’aggiunta di 50 euro per ogni figlio convivente che non abbia superato i 26 anni.

Cos’è il “ravvedimento sprint”?

Per chi non pagherà, fino al 7 febbraio sarà possibile usufruire del “ravvedimento sprint”, cioè si potrà pagare oltre la scadenza con sanzioni ultra ridotte: nei 14 giorni successivi al 24 gennaio la sanzione sarà dello 0,2% per ogni giorno di ritardo, per chi deciderà di pagare dall’8 al 24 febbraio l’aumento sarà del 3% e per i più ritardatari salirà al 3,75%, oltre agli interessi calcolati su ogni giorno di ritardo.

Chi è esonerato dal versamento?

C’è un solo caso in cui il versamento della mini-Imu non è dovuto: quando il 40% (della differenza tra gli importi calcolati sulla base dell’aliquota standard e sull’aliquota stabilita dal comune con relative detrazioni) non raggiunge la soglia dei 12 euro.

La mini-Imu si pagherà ogni anno?

No, si tratta di un’imposta eccezionale e una tantum, che serve a coprire una parte del disavanzo creato dalla decisione del Governo di cancellare la seconda rata dell’Imu 2013 per la prima casa.

Chi nel 2013 ha pagato la seconda rata dell’Imu, perchè proprietario di un immobile di lusso, dovrà pagare anche la mini-Imu?

No, in questo caso l’imposta non è più dovuta.

in collaborazione con Federamministratori/Confappi, www.fna.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!