IMU terreni agricoli rinviata al 10 febbraio 2015. Chi paga e chi è esente

Per l’IMU sui terreni agricoli la scadenza è prorogata al 10 febbraio prossimo, ma solo da parte dei proprietari di terreni ubicati in Comuni non montani. A stabilire le nuove regole di esenzione un decreto approvato lo scorso 23 dicembre.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015
casa ricevuta in eredità in montagna

È stata rinviata la scadenza per pagare l’IMU agricola dal 26 gennaio al prossimo 10 febbraio 2015, ma a pagare non sono tutti i proprietari di terreni. Il Consiglio dei Ministri straordinario del 23 gennaio ha approvato un decreto legge che introduce nuovi criteri per il pagamento dell’IMU sui terreni montani, con esenzione totale per 3456 Comuni e parziale per ulteriori 655.

Per capire chi paga e chi no, occorre fare riferimento all’elenco dei Comuni montani elaborato dall’ISTAT ai sensi della legge n. 991/1952. In particolare si prevede, a decorrere dal 2015, che i proprietari di terreni agricoli, anche non coltivati, ubicati nei Comuni classificati, secondo l’elenco ISTAT, come totalmente montani (contrassegnati dalla sigla “T”), non pagano l’IMU.

Sono esenti dal pagamento i terreni agricoli, anche quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani (contrassegnati dalla sigla “P” dell’elenco ISTAT).

Per tutti gli altri Comuni indicati come non montani (sigla “NM”), i proprietari dei terreni dovranno pagare l’IMU agricola entro il 10 febbraio 2015. Queste nuove regole di esenzione si applicano anche all’anno di imposta 2014. Inoltre non paga l’IMU neanche chi risultava esente dal pagamento in base alle regole stabilite dal D.M. 28 novembre 2014 e che oggi, con i nuovi criteri, risulta soggetto all’imposta. Quindi i proprietari di terreni che si trovano in Comuni ad un’altitudine superiore ai 600 metri sul livello del mare e i coltivatori diretti iscritti alla previdenza agricola e gli imprenditori agricoli professionali di terreni che si trovano in Comuni ad un’altitudine compresa fra i 281 e i 600 metri, continueranno ad essere esenti dal pagamento dell’IMU.

Clicca per leggere l’elenco ISTAT dei Comuni montani, parzialmente montani e non montani

 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!