IMU 2014: calcolare e pagare il saldo di dicembre

In vista della scadenza del 16 dicembre, vi spieghiamo come si calcola il saldo dell’IMU e come si compila il modello F24 o il bollettino postale, con l’esempio di un immobile sito nel Comune di Genova.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/12/2014 Aggiornato il 09/12/2014
IMU 2014: calcolare e pagare il saldo di dicembre

Come si calcola il saldo imu, da pagare per le seconde case o per le prime case di “lusso”, in scadenza il 16 dicembre 2014 e si compila il modello F24 o il bollettino postale? Ve lo spieghiamo prendendo ad esempio un’abitazione principale signorile, rientrante nella categoria catastale A1, ubicata nel Comune di Genova.

Il versamento della seconda rata IMU per l’anno 2014 deve essere effettuato entro il 16 dicembre 2014 in misura pari al 50 per cento dell’imposta dovuta annualmente, quindi scomputando l’acconto versato a giugno scorso. Il calcolo IMU segue precise regole. Individuata la base imponibile (il valore della rendita catastale rivalutata del 5%, quindi moltiplicata per 105%), viene poi moltiplicata per specifici coefficienti che sono:

  • 160 per le abitazioni del gruppo A (esclusa la categoria A/10) e categorie C/2, C/6 e C/7;
  • 140 per i fabbricati del gruppo catastale B, C/3, C/4 e C/5;
  • 80 per i fabbricati del gruppo catastale D/5 e d A/10;
  • 65 per i fabbricati del gruppo catastale D (ad eccezione dei D/5);
  • 55 per i fabbricati del gruppo catastale C/1

Per il calcolo dell’imposta IMU si usa la formula

Rendita catastale X 105% x coefficiente X aliquota. L’aliquota si trova nella delibera che ogni Comune ha pubblicato sul sito delDipartimento delle finanze. Per comprendere meglio come si effettua il calcolo, prendiamo il caso del saldo IMU dovuto su un’abitazione principale rientrante nella categoria catastale A1 (palazzo signorile), con rendita catastatale di 710 euro, ubicata nel Comune di Genova, dove l’aliquota prevista dalla delibera è allo 0,58%. In primo luogo si deve fare il calcolo dell’imposta usando la formula indicata poc’anzi:

710×105% (rendita rivalutata) x 160 (coefficiente abitazione principale) x 0,58% (aliquota abitazione principale) x 50% = 345 euro.

Calcolato l’importo da pagare, dobbiamo compilare il modello F24. In primo luogo si compila la parte riguardante il contribuente (codice fiscale, nome, cognome, residenza, ecc).

 modello f24 per pagare imu

 

Poi si compila la sezione “IMU e altri tributi locali”

 

 codice comune per pagamento modello f24

Il primo campo “Codice ente/codice comune” va inserito il codice della città di Genova che è  “D969”. Poi va sbarrata la casella relativa al “Saldo”. Nella colonna “codice tributo” va inserito il codice “3912” che si riferisce all’abitazione principale. Infine nell’”anno di riferimento” va indicato l’anno di imposta 2014 e poi l’importo da pagare (nell’esempio in questione 345 euro). Si ricorda che il modello F24 è disponibile on line gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate e può essere pagato presso uffici postali e banche. Si paga on line solo l’importo supera i 1000 euro, usando in tal caso il servizio di home banking.

 Per chi invece vuole pagare con bollettino di conto corrente postale

In questo caso il numero di conto valido per tutta Italia, è “1008857615”, intestato a “Pagamento IMU”.

pagamento imu con bollettino postale

Il bollettino va compilato in ogni sua parte e le informazioni devono essere riportate in modo identico in ciascuna delle due sezioni. Si può pagare in contanti, con carta di debito Postamat o attraverso Bancomat negli uffici postali presenti sul territorio nazionale, o tramite carta di credito Visa o Mastercard. Il costo della commissione è di 1,30 euro.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!