Canone Rai 2015: sanzioni, interessi e avvisi di pagamento

Non hai pagato il canone Rai? Quali sono le sanzioni a cui si va incontro? E che cosa fare se arriva un avviso di viale Mazzini ma abbiamo già pagato? Ecco le risposte ai dubbi più frequenti.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 20/02/2015 Aggiornato il 20/02/2015
Canone Rai 2015: sanzioni, interessi e avvisi di pagamento

Per chi non ha rispettato la scadenza annuale per pagare l’abbonamento alla TV, il canone rai, lo scorso 2 febbraio 2015 (la scadenza per legge è il 31 gennaio ma quest’anno, cadendo di sabato, è slittata al lunedì successivo) si può sempre rimediare pagando oltre all’importo totale (113,50 euro), sanzioni e interessi. Vediamo come.

I ritardatari che non hanno pagato il canone rai possono versare l’intero importo (113,50 euro) usando un bollettino di conto corrente postale, con numero 1107, reperibile presso gli uffici postali, intestato a: “AG: ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT”. La causale del versamento deve riportare la dicitura: “RECUPERO CANONI ABBONAMENTO TV”.

Oltre all’importo totale di 113, 50 euro, il contribuente distratto deve sempre pagare le sanzioni che hanno misure diverse a seconda dei giorni di ritardo. Così sotto i 30 giorni (quindi fino al 2 marzo 2015), si paga una sanzione amministrativa di 1/12 dell’importo totale del canone per ogni semestre pari a 4,47 euro. Se si paga oltre i 30 giorni (dal 3 marzo 2015 in poi), si dovrà versare una sanzione amministrativa di 1/6 del canone per ogni semestre pari a 8,94 euro.

Se il pagamento supera i 6 mesi dalla scadenza prevista per legge, sono dovute oltre alle sanzioni anche gli interessi di mora, attualmente determinati nella misura pari all’1% per ogni semestre di ritardo. Sanzioni e interessi devono essere versate con un altro bollettino di conto corrente, con numero 104109, intestato a “AG. ENTRATE DP. 1 UFF. TERR. TO 1 SAT” e con la causale di versamento “SANZ. AMM.VE INTERESSI E SPESE”.

Chi non paga ed evade la tassa, rischia una sanzione fino a 620 euro. In tal caso si procede al recupero coattivo del canone, attivando una procedura specifica da parte della società di riscossione, solitamente Equitalia che manda a casa una cartella esattoriale.

Può anche accadere però che al contribuente arrivi a casa un avviso di pagamento del canone che in realtà è stato già versato. Cosa fare in questo caso? Sul sito della Rai è attivo un form che va compilato con i dati del versamento effettuato. Ricevute alla mano, si dovrà confrontare gli importi e i periodi di pagamento indicati nell’avviso ricevuto a casa e se si riscontra che il pagamento “contestato” in realtà è avvenuto, l’avviso dovrà essere rinviata insieme alle fotocopie dei bollettini pagati a “AGENZIA ENRTRAE- DIREZIONE PROVINCIALE 1 DI TORINO, SPORTELLO SAT, C.P. 22 10121 TORINO”.

Se il canone è stato pagato con un bollettino di c/c in bianco, tutti i dati andranno riportati in una tabella apposita che la RAI mette a disposizione on line (www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/SePagato.aspx). Sarà l’azienda di viale Mazzini ad effettuare la ricerca del bollettino pagamento e, se non avesse esito positivo, verrà richiesta la spedizione della fotocopia della ricevuta.

 

 

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!