Risparmiare con lo sconto fiscale per l’acquisto dei climatizzatori

Fino al 31 dicembre 2017, salvo proroghe, anche per l'acquisto dei climatizzatori resta in vigore un interessante sconto fiscale. Da scegliere tra diverse possibilità.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/07/2017 Aggiornato il 22/07/2017

Per tutto il 2017 resta in vigore lo sconto fiscale anche per l’acquisto o la sostituzione del climatizzatore, purché gli apparecchi soddisfino requisiti minimi di efficienza energetica. Installando un climatizzatore con pompa di calore, gli incentivi a disposizione sono più di uno: l’ecobonus 65% (per lavori di efficientamento energetico), le detrazioni del 50% (per le ristrutturazioni edilizie), il bonus mobili 50% e il conto termico 2.0. Vediamoli in dettaglio:

Ecobonus 65% Nell’ambito di interventi di efficientamento energetico si può richiedere questo incentivo per i climatizzatori con pompa di calore installati in sostituzione dell’impianto di riscaldamento esistente. Sono detraibili anche le spese di progettazione con un tetto massimo complessivo di 30.000 euro. I pagamenti vanno effettuati con idoneo bonifico bancario “parlante” e il rimborso avviene in 10 anni, con rate annuali.

Detrazione 50% Sulle ristrutturazioni edilizie – se si effettuano in un’abitazione – è possibile usufruire della detrazione 50% per i climatizzatori con pompa di calore (anche non ad alta efficienza) a integrazione o sostituzione dell’impianto di riscaldamento presente. Sono detraibili anche le spese di progettazione e quelle legate ai lavori, con un tetto massimo di 96.000 euro. Anche in questo caso i pagamenti vanno effettuati con idoneo bonifico bancario e il rimborso avviene in 10 anni, con rate annuali.

Bonus mobili Questa tipologia di incentivo è legata a una ristrutturazione edilizia e vale per tutti i climatizzatori con classe di efficienza energetica A+ o superiore. Non è richiesto che sia presente un sistema di riscaldamento, ma è obbligatorio che la ristrutturazione edilizia sia fatta nello stesso periodo dell’acquisto dei climatizzatori. Il tetto di spesa è di 10.000 euro e il rimborso avviene in 10 anni, con rate annuali.

Conto termico 2.0 è un incentivo usufruibile da privati e amministrazioni pubbliche per interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l’incremento dell’efficienza energetica. È calcolato in base all’energia termica prodotta e viene erogato in 2-5 anni. Se il totale dell’incentivo non supera i 5.000 euro, invece, viene erogato in un’unica rata. Rientrano in questa categoria i climatizzatori a pompa di calore con determinate prestazioni energetiche che devono essere installati in sostituzione di un impianto di riscaldamento preesistente.

climatizzatore Mirai di Toshiba

La linea Mirai di Toshiba è disponibile in ben cinque potenza da 5 a 16 kW, in classe A++ in freddo, e ha compressore DC Rotary che garantisce minimi consumi con elevati rendimenti. Molto silenzioso, emette 22 dBA di rumorosità e ha estetica tondeggiante in materiale lucido e riflettente. L’unità interna misura L79,8xP23xH29,3 cm. Prezzo da 749 euro. www.toshibamclima.it

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 0 / 5, basato su 0 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!