Redditometro 2013: i controlli non saranno 35mila

Redditometro 2013: l'Agenzia delle Entrate fa dietrofront sul numero di ispezioni che aveva garantito entro la fine dell'anno. La ragione? La legge sulla privacy.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/10/2013 Aggiornato il 04/10/2013
Redditometro 2013: i controlli non saranno 35mila

Dovevano essere 35mila i controlli misurati dal cosiddetto redditometro, il sistema di accertamento presuntivo sui redditi dei contribuenti. Al nastro di partenza, l’Agenzia delle Entrate aveva stimato questo numero di confronti incrociati tra i redditi dichiarati nel periodo di imposta 2009 e le spese effettuate, ma ieri c’è stato il dietrofront dell’ente. La macchina è partita troppo a ridosso della fine dell’anno e ancora deve rodare i suoi ingranaggi. E poi c’è la legge sulla privacy per il trattamento dei dati personali, già stata al centro di alcune sentenze contro la legittimità del redditometro. L’ispezione è infatti stata accusata di ledere i diritti di riservatezza della persona. I tecnici dell’Authority al lavoro per dare il nulla osta all’invio della lettera dell’Agenzia delle Entrate, probabilmente intorno alla metà di ottobre sbroglieranno i due aspetti sotto esame: la profilazione dei contribuenti e la qualità dei dati presenti in Anagrafe tributaria, su cui è ricostruita l’effettiva capacità contributiva del soggetto preso in esame.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!