Inquilini morosi: ecco come tutelarsi con le polizze assicurative

Contro il rischio di non riscuotere con regolarità i canoni di locazione, si può ricorrere alle polizze assicurative per tutelarsi da inquilini morosi, offerte da varie compagnie, che in alcuni casi coprono anche dai danni subiti dall’immobile.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/07/2015 Aggiornato il 28/07/2015
Inquilini morosi: ecco come tutelarsi con le polizze assicurative

 Complice la crisi economica, i proprietari di immobili dati in locazione sono sempre soggetti al rischio di non riuscire a riscuotere con regolare continuità il canone di affitto dagli inquilini. Un rischio esteso soprattutto nei grandi centri urbani dove il prezzo degli appartamenti in locazione è molto alto.

Per tentare di arginare il fenomeno dei mancati pagamenti dei canoni di locazione, molte compagnie assicurative offrono polizze che proteggono dalla morosità e dall’insolvenza degli inquilini, offrendosi come veri e propri garanti del deposito cauzionale con l’assicurazione. Assicurazione che tutela dalla morosità dell’inquilino, permettendo così al contribuente-proprietario di rivalersi sulla stessa compagnia assicurativa. Ogni polizza però ha le sue caratteristiche.

Ad esempio Affitto Sicuro delle agenzie SoloAffitti, un insieme di garanzie assicurative offerte ai clienti che permette di tutelare il proprietario dalle eventuali morosità, dai danni subiti dall’immobile e che si sostituisce al proprietario stesso nel pagamento delle spese legali sostenute per qualsiasi vertenza inerente il contratto di locazione. Al tempo stesso l’inquilino potrà approfittare delle garanzie di assistenza abitativa contenute nel pacchetto, con il vantaggio di presentare al proprietario le garanzie richieste, risparmiando rispetto al tradizionale deposito cauzionale.

 O ancora il Servizio Garanzia Affitti previsto con la convenzione che Confedilizia ha stipulato con Intesa San Paolo con l’obiettivo di tutelare i proprietari di case dal rischio del mancato pagamento del canone di affitto o anche delle spese condominiali. Il Servizio prevede il rilascio di una fideiussione richiesta dal potenziale inquilino e a favore del proprietario (necessariamente iscritto a Confedilizia) dell’immobile in locazione, il quale deve essere necessariamente iscritto a Confedilizia. Tale garanzia sostituisce il tradizionale deposito cauzionale e consente al proprietario di essere coperto, in caso di morosità del conduttore, nei limiti di un importo massimo prestabilito. Ha come scopo quello di garantire al proprietario dell’immobile dato in locazione il pagamento da parte della banca degli eventuali canoni di locazione non pagati dal conduttore e/o delle spese condominiali pattuite e che va a sostituire, limitatamente alla copertura del rischio locativo, il tradizionale deposito cauzionale. La durata massima è quella del contratto di locazione + 1 anno e l’importo massimo garantito è di 12 mensilità del canone di locazione iniziale.

 A pagare queste polizze è sempre il conduttore, anche se ci si può accordare in altro modo.

 

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!