Ecobonus per impianti domotici senza limiti di spesa

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/06/2016 Aggiornato il 09/06/2016

L'acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione della casa permette di fruire dell'ecobonus, la detrazione Irpef al 65% fino al 31 dicembre 2016, senza limiti di spesa. A chiarirlo l'Agenzia delle Entrate ( Circolare n. 20/E del 18 maggio 2016).

Ecobonus per impianti domotici senza limiti di spesa

Chi decide di acquistare e installare in casa impianti domotici per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e/o climatizzazione, può fruire dell’ecobonus senza limite di spesa. A chiarirlo l’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 20/E del 18 maggio 2016.

L’ecobonus è la detrazione dall’Irpef prevista per chi esegue interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti. Le detrazioni, da ripartire in dieci rate annuali di pari importo, sono riconosciute nelle seguenti misure:

  • 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013
  • 65% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 sia per interventi sulle singole unità immobiliari sia quando l’intervento è effettuato sulle parti comuni degli edifici condominiali, o se riguarda tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio

Dal 1° gennaio 2017 l’agevolazione sarà invece sostituita – sempre se non verranno decise ulteriori proroghe – con la detrazione fiscale prevista per le spese di ristrutturazioni edilizie. Gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici ammessi a godere dell’agevolazione sono:

  • riqualificazione energetica di edifici esistenti
  • interventi sull’involucro degli edifici
  • installazione di pannelli solari
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

Per le spese sostenute dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2016, l’agevolazione è prevista anche per l’acquisto e la posa in opera:

  • delle schermature solari indicate nell’allegato M del decreto legislativo n. 311/2006, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro
  • di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.

La legge di stabilità 2016 ha esteso l’agevolazione fiscale al 65% fino al 31 dicembre 2016 anche alle spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative. Si tratta in sostanza dell’installazione di impianti domotici per la propria casa, ossia tutti quei dispositivi che permettono di gestire a distanza, grazie alle moderne tecnologie, tutti gli impianti di casa. Tali dispositivi per essere ammessi a godere dell’agevolazione fiscale devono consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto e mostrare, attraverso canali multimediali, i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati, oltre che mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che si può beneficiare della detrazione fiscale al 65% anche nell’ipotesi in cui l’acquisto, l’installazione e la messa in opera dei dispositivi multimediali siano effettuati successivamente o anche in assenza di interventi di riqualificazione energetica. Inoltre, considerato che la norma non indica per gli interventi di “domotica” in questione l’importo massimo di detrazione fruibile, si ritiene che questa possa essere calcolata nella misura del 65% delle spese sostenute, senza alcun limite.

Touch screen AVE con cornice completamente in cristallo a specchio nero lucido da 15”

Touch screen AVE con cornice completamente in cristallo a specchio nero lucido da 15”