Bonus mobili esteso alle giovani coppie di fatto che acquistano casa

Le coppie conviventi da almeno 3 anni che acquistano la prima casa potranno fruire del bonus mobili per un importo fino a 8mila euro e solo per l’acquisto di mobili e non di grandi elettrodomestici.
Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/10/2015 Aggiornato il 28/10/2015
Bonus mobili esteso alle giovani coppie di fatto che acquistano casa
Divano Jermyn di Lema

Prorogato fino al 31 dicembre 2016 il bonus mobili insieme ad alcune importanti novità. A stabilirlo la Legge di Stabilità in via di approvazione definitiva da parte del Parlamento che introduce importantI misure per quanto riguarda la casa.

Oltre a prorogare fino alla fine del prossimo anno le detrazioni fiscali per interventi sugli immobili, sia di ristrutturazione edilizia con la quota Irpef massima al 50%, sia di risparmio energetico, l’ecobonus al 65%, viene prorogato anche il bonus mobili, ossia la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Il bonus in questione sarà sempre legato quindi ai lavori di ristrutturazione e la detrazione spettante dovrà essere ripartita sempre tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo e inoltre deve essere calcolata sull’importo massimo di 10.000 euro.

Accanto però al bonus mobili tradizionale verrà aggiunto un nuovo beneficio completamente nuovo. A fruirne saranno le giovani coppie, anche di fatto, con meno di 35 anni anche senza dover eseguire lavori di ristrutturazione in casa. In particolare uno dei due giovani, anche conviventi moro uxorio e quindi non necessariamente sposati, deve avere meno di 35 e il nucleo familiare  deve essere costituito da almeno tre anni.

Per avere il bonus non sarà necessario legare l’acquisto dei mobili ai lavori di ristrutturazione della casa, ma sarà sufficiente un contratto di acquisto per un immobile da utilizzare come prima casa. La detrazione, da ripartire in 10 quote annuali, spetta nella misura del 50% delle spese sostenute, su un ammontare massimo di 8 mila euro (non 10mila). Il bonus tra l’altro vale solo per l’acquisto di mobili nuovi e non di elettrodomestici, quindi si può fruire del nuovo bonus mobili per acquistare letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché materassi e apparecchi di illuminazione costituenti necessari completamenti all’arredo dell’immobile che è oggetto della ristrutturazione. Non sono invece  detraibili le spese per l’acquisto di grandi elettrodomestici di classe A + o superiore come frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: / 5, basato su voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!