Bonus mobili 2017 anche per lavori di ristrutturazione iniziati quest’anno

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/06/2017 Aggiornato il 23/06/2017

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito che il bonus mobili 2017 è fruibile anche per interventi iniziati quest'anno.

Il bonus mobili, la detrazione Irpef al 50% per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici di classe A+ (A per i forni), è fruibile anche nel 2017 e per lavori di ristrutturazione iniziati anche quest’anno. A dirlo l’Agenzia delle Entrate rispondendo ad una domanda posta da un contribuente e pubblicata sulla rivista telematica “Fiscoggi”.

La legge di stabilità ha prorogato le detrazioni fiscali previste per chi esegue lavori sul proprio immobile o su parti comuni di edifici residenziali, ossia la detrazione Irpef al 50% per interventi di recupero edilizio e l’ecobonus al 65% per lavori di risparmio energetico. Insieme alla detrazione 50% è stato prorogato anche il bonus mobili. Tuttavia si era precisato che tale bonus è fruibile per interventi di ristrutturazione iniziati nel 2016.  Ora in base a quanto chiarisce l’Agenzia delle Entrate,  è possibile usufruire della detrazione anche con riferimento a un intervento di recupero edilizio iniziato nel 2017.

Bonus mobili 2017

Ricordiamo a grandi linee in cosa consiste tale bonus. Esso consiste in una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Per avere l’agevolazione è indispensabile, quindi, realizzare una ristrutturazione edilizia (e usufruire della relativa detrazione), sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali. La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

Ecco di seguito gli interventi ammessi alla detrazione:

  • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti (per esempio, tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni) non danno diritto al bonus
  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza
  • restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile
  • manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Eseguendo tali lavori in casa si potrà fruire del bonus mobili per acquistare:

  • mobili nuovi: cucine, letti, armadi, cassettiere, librerie, poltrone, materassi, apparecchi di illuminazione
  • grandi elettrodomestici: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche.

Tali beni devono essere acquistati con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, effettuare il pagamento mediante assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

Il bonus mobili si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o Unico Persone fisiche).  La detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. Inoltre, la detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.

Interpretazione moderna e funzionale del mobile per il soggiorno divenuto parete attrezzata, Selecta di Officinadesign Lema risolve con gusto ogni esigenza funzionale anche quando risulta d’effetto separare gli ambienti con elementi d’arredo, in sostituzione delle pareti. Così è infatti nel caso di questa composizione in rovere Carbone con ante laccate grigio Fumo, che alterna vuoti e pieni creando una originale griglia grafica e contiene in modo discreto tutto ciò che serve in una zona giorno, inclusa la tecnologia: la televisione è infatti inserita in un vano integrato, che cela alla vista tutte le connessioni e gli apparecchi accessori. Intercapedini e piccoli vani tecnici nascosti possono tra l’altro essere ricavati nei fianchi e nelle spalle dei sistemi, garantendo il passaggio di cavi elettrici e relativi comandi.

Soggiorno arredato con soluzioni d’arredo Lema.