Superbonus al 110%: i lavori ammessi e le modalità di fruizione della novità in arrivo

In attesa della conferma dell'introduzione del superbonus al 110%, ecco quali potrebbero essere i lavori ammessi all'agevolazione e come i contribuenti potrebbero fruirne.
Alessandra Caparello
A cura di Alessandra Caparello
Pubblicato il 07/05/2020 Aggiornato il 11/05/2020
Superbonus al 110%: i lavori ammessi e le modalità di fruizione della novità in arrivo

Rendere la casa più sicura dal rischio sismico e più efficiente da quello energetico potrà essere ancora più conveniente con il nuovo Superbonus allo studio del governo. Si tratta di una detrazione fiscale più alta di quelle finora applicate per l’ecobonus e il sismabonus: così sia il primo dall’attuale 50-65% che il secondo dall’attuale  50-75-80%, a seconda dei casi, passerebbero alla misura più alta, al 110%.

La novità è contenuta del Decreto Maggio in dirittura d’arrivo, provvedimento previsto per il rilancio dell’economia dopo l’emergenza Covid-19 e in attesa di approvazione. Secondo le ultime indiscrezioni, il governo intende incrementare fino al 110% l’aliquota di detrazione spettante a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica e riduzione del rischio sismico, con riferimento alle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

“In questo momento di grave crisi economica e sociale – scrive il governo in una nota esplicativa che accompagna la misura – abbiamo immaginato una proposta shock per il settore dell’edilizia e per il rilancio degli investimenti privati. Una misura che farà crescere Pil e occupazione, e che allo stesso tempo porterà il nostro paese all’avanguardia del processo di riconversione energetica e di sviluppo sostenibile”. Dunque, “abbiamo infatti deciso di incrementare le aliquote di detrazione al 110% per alcuni importanti interventi di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza degli edifici”.

Superbonus al 110%: per quali lavori

I lavori che potranno rientrare nel superbonus al 110% dovrebbero essere:

  • interventi di efficientamento energetico (riqualificazione energetica dell’involucro edilizio, sostituzione di finestre e infissi, pannelli solari, schermature solari, caldaie a condensazione, scaldacqua a pompa di calore, micro-cogeneratori, caldaie a biomasse)
  • interventi di messa in sicurezza sismisca degli edifici situati in zona sismica 1, 2 e 3 al fine di migliorarne la classe di rischio sismico.

Ma non solo. Il Superbonus al 110% potrebbe valere anche per restaurare le facciate esterne dell’edificio per cui ora vale il bonus facciate al 90%. Il rifacimento delle facciate dovrà essere però realizzato congiuntamente agli interventi più importanti. Inoltre pare che il superbonus potrebbe valere anche per l’installazione di impianti fotovoltaici per produrre elettricità.

La detrazione potrà essere ripartita non più in dieci ma in cinque quota annuali ma avrà efficacia temporanea: potrà essere fruito per lavori realizzati tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Sconto in fattura o detrazione fiscale

Per quanto riguarda le modalità di fruizione del superbonus, in alternativa alla detrazione vera e propria, i contribuenti potrebbero anche optare per lo sconto immediato in fattura. Come ha spiegato Riccardo Fraccaro, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, “in prima battuta le famiglie avranno la possibilità di detrarre dalle tasse negli anni successivi all’investimento un ammontare superiore alla spesa sostenuta. Ma noi abbiamo anche introdotto la cedibilità senza limiti di questo credito di imposta e anche la bancabilità, cioè la possibilità di cederlo alle banche”. “Quindi una famiglia può decidere di detrarre negli anni successivi un importo superiore alla spesa oppure cederlo all’impresa che fa i lavori tramite uno sconto in fattura che ti consente di fare i lavori senza pagare nulla. Poi sarà l’impresa a pagare meno tasse o scontarlo e cederlo a sua volta alla banca o a qualsiasi altra impresa che abbia capienza fiscale”.

Come valuti questo articolo?
12345
Valutazione: 4.17 / 5, basato su 24 voti.
Avvicina il cursore alla stella corrispondente al punteggio che vuoi attribuire; quando le vedrai tutte evidenziate, clicca!
A Cose di Casa interessa la tua opinione!
Scrivi una mail a info@cosedicasa.com per dirci quali argomenti ti interessano di più o compila il form!